UN PAPA, WEB 2.0 E IN SALUTE

Tranquillizza tutti, benedicendo i fedeli dal balcone di San Pietro dopo l’Angelus in streaming

UN_PAPA,_WEB_2.jpg

Adesso mi affaccerò per vedervi un po’ in tempo reale”, sono le parole di papa Francescoal termine dell’Angelus, trasmesso ieri in diretta streaming dalla Sala della Biblioteca del Palazzo Apostolico vaticano. Di lì a poco la finestra su Piazza San Pietro si è aperta e il Pontefice ha salutato i fedeli benedicendoli. E finalmente ogni dubbio riguardo a un grave stato di salute del Santo Padre è stato fugato; perché negli ultimi giorni non pochi hanno dubitato sul “comune” stato influenzale di Bergoglio. Ma partendo dalle prime dichiarazioni della Segreteria di Stato vaticana del 28 febbraio, in cui si dichiarava il rinvio delle udienze ufficiali, e con il paese fortemente sotto attacco coronavirus, si dette il via a una serie di supposizioni che iniziarono a prendere forma dopo l’annuncio di Francesco, durante l’Angelus del 1° marzo di, "non partecipare" agli esercizi spirituali di Ariccia. Fino ad arrivare al comunicato di sabato scorso della sala stampa della Santa Sede recanti la notizia «dell’Angelus [...] e dell’udienza Generale di mercoledì 11 marzo da Palazzo Apostolico» entrambi in diretta streaming.

cms_16473/1.jpg

Tali scelte - spiegava una nota del comunicato - si rendono necessarie per evitare rischi di diffusione del COVID-19 dovuti ad assembramenti nel corso dei controlli di sicurezza per l’accesso alla piazza, come richiesto anche dalle autorità italiane”. In ottemperanza a quanto stabilito dalla Direzione Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano, concludeva, “fino a domenica 15 marzo sarà sospesa la partecipazione dei fedeli ospiti alle Messe a Santa Marta. Il Santo Padre celebrerà privatamente l’Eucarestia.”

cms_16473/2.jpg

Durante la preghiera dalla sala di Palazzo Apostolico, il Papa ha ringraziato chi “lotta per i dimenticati di Idlib” dicendo anche di essere “vicino alle persone che soffrono per l’attuale epidemia di coronavirus e a tutti coloro che se ne prendono cura”. Unendosi ai vescovi nell’incoraggiare i fedeli “a vivere questo momento difficile con la forza della fede, la certezza della speranza e il fervore della carità”, ha aggiunto. L’epilogo di quanto accaduto a Papa Francesco nei giorni scorsi, dopo l’apparizione in streaming in buone condizioni di salute e l’affaccio in piazza San Pietro per il breve saluto alle poche centinaia di fedeli presenti, tutto sommato ci ha regalato un uomo pieno di risorse (soprattutto fisiche) che, in perfetto stile web 2.0, non finirà mai di stupirci.

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos