USA, BIDEN SI RICANDIDA PER LA PRESIDENZA DEGLI STATI UNITI

USA,_BIDEN_SI_RICANDIDA_PER_LA_PRESIDENZA_DEGLI_STATI_UNITI_AMERIC.jpg

Joe Biden si ricandiderà per le presidenziali USA del 2024, in cui cercherà di accaparrarsi il secondo mandato. A dare l’ufficialità è stato proprio l’attuale Presidente degli Stati Uniti attraverso un video. Con lui, di nuovo, correrà per la Casa Bianca anche Kamal Harris per la rielezione alla vicepresidenza, prima donna a ricoprire tale incarico nel 2019.

cms_30261/foto_1.jpg

Biden ha annunciato la sua ricandidatura per il 2024, chiedendo ai suoi elettori di lasciarlo "finire il lavoro" cominciato, mettendo da parte le preoccupazioni per la sua età, nel 2019 quando sconfisse Donald Trump. Anche la scelta del giorno in cui lanciare la sua ricandidatura non è un caso, infatti proprio il 25 aprile di quattro anni fa lanciò la campagna elettorale che lo ha portato alla Casa Bianca. Joe Biden è attualmente il presidente americano più anziano della storia americana, con un’ipotetica rielezione arriverebbe ad essere Presidente all’età di 82 anni, ed 86 al termine del secondo mandato.

cms_30261/0.jpgNel 2019 Biden annunciò la sua candidatura alla presidenza con un video, in cui promise di risanare "l’anima della nazione", a suo dire fortemente compromessa dopo quattro anni di Donald Turmp alla Casa Bianca. Il messaggio dell’altro ieri segue linee molto simili a quelle usate tempo fa, ponendo l’accento sull’importanza di finire il lavoro iniziato nel 2020. Nel video, mentre scorrono le immagini dell’attacco al Congresso del 6 gennaio 2021 e delle proteste presso la Corte Suprema a difesa del diritto di aborto Biden dice: "Quando ho corso per la presidenza quattro anni fa ho affermato che la nostra era una battaglia per lo spirito dell’America. Lo è ancora. (…) La domanda che ci troviamo ad affrontare è se nei prossimi anni avremo più libertà o meno libertà. Più diritti o meno diritti. Non è il momento di essere compiacenti. Per questo mi candido alla rielezione". Nell’annuncio c’è spazio anche per le critiche verso i repubblicani: "Si stanno preparando a negare libertà fondamentali, tagliando la previdenza sociale che avete pagato per tutta la vita e tagliando le tasse per i ricchi. Dettando le decisioni mediche che le donne possono prendere, vietando i libri e dicendo alle persone chi possono amare".

Il predente USA, oltre al video pubblicato su Twitter, è già al lavoro per preparare al meglio la campagna elettorale. Biden acquisterà spazi televisivi già nei prossimi giorni per anticipare la concorrenza repubblicana e dare già un’impronta aggressiva alla campagna. Anche la squadra che curerà la corsa alle presidenziali del 2024 è già praticamente completa, Biden ha scelto Julie Chavez Rodriguez alla guida della campagna e già tra i principali consiglieri della Casa Bianca e già vice campaign manager del ticket Biden-Harris alle precedenti elezioni. Quentin Fulks, responsabile della campagna del senatore Raphael G. Warnock in Georgia lo scorso anno, sarà il vice responsabile della campagna elettorale. La scelta di Rodriguez e Fulks è un’altra prima volta, in quanto mai un presidente in carica aveva scelto una latina e un afroamericano per condurre la propria campagna.

I Democratici si affideranno quindi nuovamente a Joe Biden per la Casa Bianca, mentre ancora è da decidere chi concorrerà per il partito Repubblicano. Ovviamente il nome più quotato è quello di Donald Trump. Il tycoon ha già paventato la sua volontà di competere per le primarie del Grand Old Party, nonostante i vari procedimenti legali in cui è coinvolto e sia già stato formalmente accusato in un procedimento penale a New York. Nel Partito Repubblicano però vi sono altri cinque candidati al momento: l’uomo d’affari Vivek Ramaswamy, l’ex governatore dell’Arkansas Asa Hutchinson, l’ex ambasciatore Usa all’Onu Nikki Haley, il conduttore radiofonico conservatore Larry Elder ed un altro uomo d’affari, Perry Johnson. In coda a Trump e a questi cinque, anche altre personalità hanno mostrato interesse per concorrere alle primarie conservatrici come il governatore della Florida Ron De Santis e il vicepresidente di Trump, Mike Pence.

cms_30261/foto_2.jpg

Svariati sondaggi, che si susseguono da inizio anno, vedono per il momento Donald Trump in vantaggio rispetto agli altri candidati repubblicani, ma nonostante ciò è tutto ancora in bilico. Si dovrà quindi attendere ancora per capire chi sfiderà Joe Biden nell elezioni del 2024.

Sicuramente la replica dello scontro Biden-Trump è più reale che mai, ma ciò non è in linea con il volere del popolo americano. In un recente sondaggio Nbc il 70% delle popolazione complessiva non vorrebbe di nuovo la sfida Biden-Trump nel 2024, il 51% degli elettori democratici dice che Biden non dovrebbe correre per un secondo mandato ed il 60% degli americani e un terzo dei repubblicani non crede che Trump dovrebbe ricandidarsi.

Riccardo Seghizzi

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram