VARIANTE OMICRON,KLUGE:TRA GENNAIO E MAGGIO 40 PAESI SU 53 SUBIRANNO UN ELEVATO CONTAGIO. IN ITALIA PICCO TRA 2/3 SETTIMANE"

In Italia ulteriori 149.512 contagi e altri 248 morti - I dati delle Regioni - Variante Omicron Italia, Sileri: "Entro fine 2022 raggiungerà tutti" - Variante Omicron, Burioni: "Con questo vaccino continuerà a circolare"

17_1_2022.jpg

cms_24481/Omicron_coronavirus-variante-sudafricana.jpg

Variante Omicron, Kluge:"tra gennaio e maggio 40 paesi su 53 prima o poi subiranno un elevato contagio"- "In Italia picco tra 2-3 settimane"

cms_24481/Hans_Kluge,_Organizzazione_mondiale_della_sanita_.jpgIn Paesi come l’Italia, il picco di Omicron sarà raggiunto in "due-tre settimane" e "poi comincerà a scendere". E’ quanto afferma il direttore regionale dell’Oms per l’Europa, Hans Kluge, ospite di Lucia Annunziata a ’Mezz’ora in più’ su Raitre. Il picco dell’ondata di Omicron, spiega, "terminerà prima di quanto previsto" e in Paesi come il Regno Unito e Malta è già stato raggiunto.

"Non si può scappare dalla variante", ribadisce Kluge, che cita previsioni in base alle quali, "visto il numero di persone non vaccinate", si stima che "tra gennaio e maggio 40 paesi su 53 prima o poi subiranno un elevato stress" sulle strutture sanitarie, a causa dell’elevato numero di ricoveri e di terapie intensive occupate, e per il contagio degli addetti alla sanità". Questo è un "momento cruciale", afferma Kluge. "E’ importante che Paese per Paese si valuti o rivaluti il protocollo dei tamponi e della quarantena". "Questa è una fase nella quale si deve passare alla "riduzione dei ricoveri e dei decessi, ma non più della trasmissione. Dobbiamo evitare problemi sanitari a scuole e economia".

"Nessuno può sfuggire al Sars-Cov2" ribadisce. Kluge si dice "più dalla parte dell’ottimismo", ma da quello che vediamo, l’immunità si ottiene o attraverso il vaccino, oppure col contagio naturale, a causa della altissima velocità di trasmissione di Omicron".

Per questo, insiste, "è molto importante che si decida per la vaccinazione", perché ci sono le prove che le persone vaccinate "hanno 10 volte meno probabilità di sviluppare malattie gravi o morire". Kluge ha quindi sottolineato l’importanza di effettuare la terza dose del vaccino, "che non è un lusso", come invece rilevato dal altri esponenti dell’Oms, e dell’accesso ai farmaci antivirali.

cms_24481/4.jpg

cms_24481/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 149.512 contagi e altri 248 morti

Sono 149.512 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano, inoltre, altri 248 morti.Nelle ultime 24 ore sono stati processati 927.846 tamponi con un tasso di positività al 16,1%. Sono 8.719 (+349) i ricoverati con sintomi. Sono 1.691(+14) le persone in terapia intensiva.

cms_24481/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 16 Gennaio 2022)

LOMBARDIA - Sono 26.773 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 in Lombardia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 57 morti che portano il numero totale dei decessi da inizio pandemia a 35.911. Da ieri i guariti sono stati 10.078.

In Lombardia a oggi ci sono 11.638 positivi. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Milano a 8.020, Brescia a 3.982, Bergamo a 2.767 e Varese a 1.973.

LIGURIA - Sono 4.393 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 in Liguria, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 4 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 4.001 tamponi molecolari e 18.683 antigenici rapidi.

I ricoverati sono 738 nella Regione, 7 in più rispetto a ieri, mentre sono 41 le terapie intensive occupate, 3 in meno da ieri. Al momento i positivi sono 53.277 in Liguria.

Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Genova a 2.513, Savona a 877, La Spezia a 632 e Imperia a 357.

SICILIA - Sono 8.521 i nuovi contagi da coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 in Sicilia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati 37 morti, ma si riferiscono anche a decessi dei giorni precedenti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 8.792 tamponi molecolari, mentre i rapidi sono stati 38.786. Da ieri sono guarite 1.136 persone. I ricoveri sono aumentati di 28 unità da ieri, mentre le terapie intensive occupate sono 168, 11 in più rispetto a ieri.

Questo il report dei nuovi positivi nelle province: 609 ad Agrigento, 510 a Caltanissetta, 2.354 a Catania, 158 a Enna, 581 a Messina, 2.394 a Palermo, 703 a Ragusa, 791 a Siracusa e 421 a Trapani.

PIEMONTE - Sono 8.857 i contagi da coronavirus in Piemonte oggi, 16 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 23 morti. I nuovi casi (di cui 7.713 dopo test antigenico) sono pari al 14,8% di 60.004 tamponi eseguiti, di cui 50.759 antigenici. Degli 8.857 nuovi casi gli asintomatici sono 7.157 (80,8%).

I ricoverati in terapia intensiva sono 143 (-3 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 2.016 (+78 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 165.136. I tamponi diagnostici finora processati sono 12.993.096 (+60.004 rispetto a ieri).

Sono 23, 5 di oggi, i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). I pazienti guariti diventano complessivamente 518.350 (+6.512 rispetto a ieri).

EMILIA ROMAGNA - Sono 17.360 i contagi da coronavirus in Emilia Romagna oggi, 16 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Si registrano altri 20 morti. I nuovi casi sono stati individuati su un totale di 59.188 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è quindi del 27,7%. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 37 anni.

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 149 (-3 rispetto a ieri); l’età media è di 62,2 anni. Sul totale, 94 non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 60,9 anni), il 63,1%, mentre 55 sono vaccinati con ciclo completo (età media 64,2 anni).

Un dato che va rapportato al fatto che le persone over12 vaccinate con ciclo completo in Emilia-Romagna superano quota 3,6 milioni, circa 300mila quelle vaccinabili che non si sono ancora vaccinate: la percentuale di non vaccinati ricoverati in terapia intensiva è quindi molto più alta rispetto a chi si è vaccinato. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 2.394 (+61 rispetto a ieri), età media 69,2 anni.

Rispetto ai 17.755 nuovi casi registrati ieri, i contagi oggi registrano un -7,6%. I ricoverati nei reparti Covid aumentano dell’2,6%, quelli delle terapie intensive calano del 2%.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 3.787 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 487.479. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 303.399 (+12.601). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 300.856 (+12.543), il 99,2% del totale dei casi attivi.

ABRUZZO - Sono 3.633 i nuovi contagi da coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 in Abruzzo, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 8 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 8215 tamponi molecolari e 25199 test antigenici. Da ieri sono guarite 299 persone. Nella Regione sono 69.078 gli attualmente positivi.

I ricoverati in area medica sono 386, 11 in più da ieri, stabili le terapie intensive occupate pari a 38. In isolamento domiciliare 68.654 persone. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Teramo a 1.106, L’Aquila a 611, Chieti a 945 e Pescara a 826.

CAMPANIA - Sono 17.667 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 in Campania, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 5 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 104.906, di cui 66.568 antigenici e 38.338 molecolari con un tasso di positività al 16,84%.

In Campania sono 87 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, uno in meno rispetto a ieri, e 1.278 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza, 32 in più rispetto al dato diffuso ieri.

VENETO - Sono 13.094 i nuovi contagi da coronavirus oggi 16 gennaio in Veneto, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 19 morti. Il totale dei casi nella regione da inizio della pandemia il totale dei contagi è pari a 881.507, quello dei deceduti 12.725. Il totale degli attualmente positivi si attesta su 252.942 unità. Nei reparti medici sono ricoverati 1.735 pazienti Covid, nelle terapie intensive 198.

PUGLIA - Sono 8.384 i nuovi contagi da coronavirus oggi 16 gennaio in Puglia. Si registrano altri 4 morti. I nuovi casi, individuati attraverso 54.677 tamponi, sono così distribuiti per provincia: Bari: 2.621; Bat: 875; Brindisi: 852; Foggia: 1.210; Lecce: 1.572; Taranto: 1.162; Residenti fuori regione: 61; Provincia in definizione: 31. Sono 118.307 le persone attualmente positive, 593 ricoverate in area non critica, 61 in terapia intensiva. Dati complessivi: 433.751 casi totali; 6.796.808 tamponi eseguiti; 308.381 persone guarite e 7.063 decessi.

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 2.993 i nuovi contagi da coronavirus oggi 16 gennaio in Friuli Venezia Giulia, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 29 morti. Su 3.594 tamponi molecolari sono stati rilevati 552 nuovi casi, con una percentuale di positività del 15,36%. Sono inoltre 15.908 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2.441 casi (15,34%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 41 e i pazienti ospedalizzati in altri reparti a 373. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

LAZIO - Sono 12.994 i nuovi contagi da coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 nel Lazio, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 6 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore ci sono stati 22.651 tamponi molecolari e 71.035 tamponi antigenici con un tasso di positività al 13,8%. I ricoverati sono 1.748, 14 in più da ieri, stabili a 204 le terapie intensive occupate, mentre i guariti da ieri sono 4.225. I casi a Roma città sono a quota 6.406.

I casi nelle ultime 24 ore a seconda delle zone. Asl Roma 1: 3.204 contagi. Asl Roma 2: 2.605 i nuovi casi. Asl Roma 3: sono 597 i nuovi casi. Asl Roma 4: sono 426 i nuovi casi. Asl Roma 5: sono 1.084 i nuovi casi. Asl Roma 6: sono 1.995 i nuovi casi.

Nelle province si registrano 3.083 nuovi casi: Asl di Frosinone: sono 826 i nuovi casi. Asl di Latina: sono 1.236 i nuovi casi e 4 i decessi nelle ultime 24 ore. Asl di Rieti: sono 465 i nuovi casi. Asl di Viterbo: sono 556 i nuovi casi e 2 i decessi da ieri.

TOSCANA - Sono 10.287 i nuovi contagi da coronavirus oggi 16 gennaio in Toscana, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 32 morti. I nuovi casi - 4.178 confermati con tampone molecolare e 6.109 da test rapido antigenico - sono l’1,8% in più rispetto al totale del giorno precedente. Il totale sale da inizio pandemia sale a 581.415. I guariti crescono del 2,8% e raggiungono quota 395.121 (68% dei casi totali).

Oggi sono stati eseguiti 20.600 tamponi molecolari e 43.407 tamponi antigenici rapidi, di questi il 16,1% è risultato positivo. Sono invece 14.633 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 70,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 178.444, -0,3% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.368 (19 in più rispetto a ieri), di cui 127 in terapia intensiva (4 in più). Dei nuovi decessi, 12 sono uomini e 20 donne con un’età media di 81,9 anni.

SARDEGNA - Sono 1.317 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, domenica 16 gennaio 2022 in Sardegna, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 2 morti, un 78enne della provincia di Oristano e un 93enne di Cagliari. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 9.996 tamponi, tra molecolari e antigenici.

I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 28 come ieri. I pazienti ricoverati in area medica sono 236, 12 in più di ieri. In isolamento a casa 20.752 persone.

cms_24481/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_24481/sileri_intervista_fg.jpgVariante Omicron Italia, Sileri: "Entro fine 2022 raggiungerà tutti"

"La variante Omicron raggiungerà tutti, non c’è scampo. Non c’è dubbio che entro la fine del 2022, salvo un’altra variante, io credo che quasi tutta la popolazione bene o male incontrerà questa variante". Il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, risponde così a Domenica In, su Rai1. "Raggiungerà tutti. Poi c’è chi è vaccinato e chi non è vaccinato, che avrà problemi", dice Sileri.

"Dovremo convivere con un virus. Non so se la Omicron sarà la variante dominante. Ogni quanto dovremo vaccinarci? Ce lo dirà la scienza. E’ probabile che serva un upgrade del vaccino che abbiamo, è possibile che ci siano altre varianti", prosegue.

Negli ultimi giorni, il dibattito si è sviluppato sulla possibilità di modificare il bollettino quotidiano dei dati e in particolare sulla distinzione tra ricoveri di malati e di positivi. "Sono d’accordo sulla necessità di una revisione che potrà essere fatta entro un paio di settimane con la distinzione tra positivi e malati", afferma.

"Oggi circola ancora la variante Delta, si va in terapia intensiva anche con la variante Omicron. In terapia intensiva vanno anche vaccinati, ma sono persone fragili, con molte patologie o che hanno fatto la seconda dose molte mesi fa. Chi non è vaccinato va in terapia intensiva con molta più facilità, anche con un’età inferiore di 10-12 anni rispetto ai soggetti vaccinati” che hanno bisogno delle cure in area critica.

cms_24481/BURIONI.jpgVariante Omicron, Burioni: "Con questo vaccino continuerà a circolare"

"Potevamo pensare di liberarci del virus originale. Con la variante Omicron e con il vaccino che abbiamo, questo non è più immaginabile. Omicron continuerà a circolare. Ognuno di noi la incontrerà: la scelta è se farlo da vaccinati o da non vaccinati". Il professor Roberto Burioni, nell’’aula’ di Che tempo che fa, tiene una lezione sulla variante Omicron, ormai padrona della scena anche in Italia.

"Omicron è un nuovo virus, molto diverso dalle varianti precedenti. Con il virus del 2020, un malato infettava 2 persone. Con la variante Delta, un malato infettava 6 persone. Con la variante Omicron siamo al livello di uno dei virus più contagiosi sulla faccia della Terra, un paziente infetta più di 10 persone", dice il virologo.

"Altre caratteristiche della malattia provocata da Omicron rendono più difficile il controllo e più facile la diffusione. Per esempio, l’incubazione: il virus originale provocava la malattia 6-7 giorni dopo l’infezione. La variante Omicron provoca la malattia dopo 2-3 giorni e questo rende più difficile il tracciamento dei casi. L’altro elemento importante è che Omicron riesce a contagiare in maniera molto più efficace anche le persone vaccinate", dice.

"E’ vero, chi è vaccinato viene infettato meno, c’è un grado di protezione importante soprattutto con la terza dose. Quando il vaccinato si infetta è meno contagioso, ma la barriera del vaccino è diventata meno efficace" rispetto al contagio. "E’ rimasta molto efficace la capacità del vaccino di bloccare la forma grave della malattia. Gli ultimi dati dell’Iss mostrano una protezione molto superiore al 90%", con 3 dosi, osserva.

"Potevamo pensare di liberarci del virus originale", afferma. "Con Omicron e con il vaccino che abbiamo, questo non è più immaginabile. Omicron continuerà a circolare. Ognuno di noi la incontrerà: la scelta è se farlo da vaccinati o da non vaccinati".

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos