VARIANTE OMICRON SPAVENTA L’EUROPA

In Italia ulteriori 12.877 contagi e altri 90 morti - I dati dalle Regioni - Variante Omicron Italia, in Campania primo caso: sintomi lievi

28_11_2021.jpg

cms_23964/Omicron_coronavirus-variante-sudafricana.jpg

Variante Omicron spaventa Europa

La variante Omicron sbarca in Europa. Dopo il primo caso individuato in Belgio, arrivano segnalazioni da Italia - con il primo positivo in Campania con sintomi lievi -, Inghilterra, Germania. In Olanda manca l’ufficialità per i test sui passeggeri di un volo. News da Portogallo e Repubblica Ceca. La variante, individuata inizialmente in Sudafrica e Botswana, monopolizza l’attenzione non solo nel Vecchio Continente. Allerta anche negli Usa e in Israele.

GRAN BRETAGNA, TORNA LA MASCHERINA NEI NEGOZI E SUI MEZZI

In Inghilterra i primi due vasi sono stati individuati nelle aree di Chelmsford e Nottingham. I due soggetti positivi - si tratta di due casi collegati - sono rientrati da un viaggio in Sudafrica e sono in isolamento. I familiari dei due positivi sono stati sottoposti a nuovi controlli. Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato subito nuove misure: la mascherina torna quindi obbligatoria nei negozi e sui mezzi pubblici. "Non sappiamo quanto saranno efficaci i nostri vaccini, ma abbiamo buone ragioni per credere che forniranno almeno una certa protezione", ha detto Johnson, "assolutamente fiducioso" che Natale 2021 sarà migliore rispetto a quello dello scorso anno. La variante omicron "si diffonde molto rapidamente" e può anche "diffondersi tra le persone che hanno due dosi" di vaccino contro il covid, ha aggiunto.

Tutti i viaggiatori che entrano nel Regno Unito dovranno sottoporsi a un test pcr entro 48 ore dal loro arrivo ed autoisolarsi fino a quando non avranno ricevuto un risultato negativo, ha spiegato Johnson, che ha sottolineato però di non voler interrompere i viaggi, spiegando che le restrizioni agli ingressi possono solo rallentare la diffusione di qualsiasi nuova variante, non fermarla.

GERMANIA, I PRIMI CASI CONFERMATI

La Germania, già alle prese con oltre 60mila contagi nell’ennesima giornata critica della quarta ondata, ha scoperto i primi due casi di variante Omicron a Monaco di Baviera. Si tratta di due persone rientrate il 24 novembre con un volo dal Sudafrica, secondo il ministro della Salute della Baviera, Klaus Holetschek

In mattinata un altro caso più che sospetto in Assia, come annunciato il ministro della Sanità del Land, Kai Klose, secondo cui alcune mutazioni tipiche della nuova variante apparsa nei giorni scorsi in Sudafrica sono state riscontrate in una persona proveniente da quel Paese. Klose ha scritto su Twitter che "molto probabilmente è già arrivata" in Germania la nuova variante. Le notizie provenienti qualche ora più tardi da Monaco gli hanno dato ragione.

OLANDA

Attesa per l’esito dei test sui 61 passeggeri positivi rientrati nei Paesi Bassi dal Sudafrica. La presenza della variante Omicron appare certa, ma non è ancora ufficiale. Tutti i 624 passeggeri che hanno viaggiato a bordo dei due aerei "sono in quarantena", hanno reso noto le autorità sanitarie, ribadendo l’obbligo di test per tutte le persone - anche senza sintomi - arrivate in Olanda dal 22 novembre se sono state di recente in Botswana, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sudafrica, Swaziland e Zimbabwe.

STATI UNITI

L’allerta sale anche al di fuori dell’Europa. La variante sudafricana Omicron potrebbe già essere negli Stati Uniti, ma non è ancora stata rilevata, ha affermato l’immunologo e consigliere del presidente Usa Biden, Anthony Fauci, in un’intervista alla ’Nbc’. "Non sarei sorpreso se lo fosse, non l’abbiamo ancora rilevata, ma quando hai un virus che mostra questo livello di trasmissibilità e hai casi legati ai viaggi già individuati in altri luoghi, è quasi inevitabile che arrivi dappertutto", ha dichiarato.

A New York, la ’porta’ del paese sull’Atlantico, scattao stato d’emergenza in vista di una possibile impennata di contagi. La governatrice dello Stato, Kathy Hochul, ha spiegato che l’emergenza entrerà in vigore venerdì prossimo 3 dicembre. "Continuiamo a vedere segnali di aumento in occasione dell’inverno e, anche se la nuova variante Omicron non è stata rilevata a New York, sta arrivando".

ISRAELE

Israele, che pure vanta risultati eccellenti nella campagna di vaccinazione, ha deciso di chiudere per due settimane l’aeroporto Ben Gurion per gli arrivi internazionali degli stranieri. Per i cittadini israeliani che arrivano dall’estero invece scatterà la quarantena obbligatoria per almeno tre giorni. E’ quanto riferisce Times of Israel.

cms_23964/4.jpg

cms_23964/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 12.877 contagi e altri 90 morti

Sono 12.877 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano altri 90 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 596.898 tamponi con un tasso di positività al 2,15%. Da ieri sono guarite 6.451 persone.

Sono 624 (+18) le terapie intensive occupate. Salgono anche i ricoveri pari a 4.826 (+78) nei reparti Covid. Da inizio pandemia le vittime sono state 133.627 in Italia.

cms_23964/italia.jpg

I dati dalle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 27 Novembre 2021)

LAZIO - Sono 1.204 i nuovi contagi da coronavirus nel Lazio secondo il bollettino di oggi, 27 novembre. Si registrano inoltre altri 6 morti. I nuovi casi nella sola città di Roma sono 545. "Oggi nel Lazio su 16.626 tamponi molecolari e 31.103 tamponi antigenici per un totale di 47.729 tamponi, si registrano 1.204 nuovi casi positivi (-362), sono 6 i decessi (-2), 715 i ricoverati (+9), 89 le terapie intensive (-2) e +786 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,5%.

I casi a Roma città sono a quota 545. Ieri oltre 34 mila vaccini somministrati con un incremento del 63% rispetto alla settimana precedente. Le dosi booster sono l’88% del totale delle somministrazioni", comunica in una nota l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

PIEMONTE - Sono 859 i nuovi contagi da coronavirus in Piemonte secondo il bollettino di oggi, 27 novembre. Registrati inoltre altri 2 morti. I nuovi casi sono pari all’1,4% di 63.333 tamponi eseguiti, di cui 55.776 antigenici. Degli 859 nuovi casi gli asintomatici sono 495 (57,6%). I casi sono 389 di screening, 363 contatti di caso, 107 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa 401.322, di cui 32.990 Alessandria, 19.365 Asti, 12.635 Biella, 57.564 Cuneo, 31.141 Novara, 213.681Torino, 14.903 Vercelli, 14.367 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.664 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 3.012 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva sono 33 (+4 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 335 (+6 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 9.163 I tamponi diagnostici finora processati sono 9.730.405 (+63.333 rispetto a ieri), di cui 2.492.018 risultati negativi.

EMILIA ROMAGNA - Sono 1.273 i contagi da coronavirus in Emilia Romagna oggi, 27 novembre 2021, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 17 morti.

La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 3,6%. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 601 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 391 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 434 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 40,6 anni.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 18.095 tamponi molecolari, per un totale di 6.562.313. A questi si aggiungono anche tamponi rapidi 16.809. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 435 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 420.029. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 18.492 (+821). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 17.840 (+803), il 97,8% del totale dei casi attivi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 58 (-1 rispetto a ieri), 594 quelli negli altri reparti Covid (+19).

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 728 i contagi da coronavirus in Friuli Venezia Giulia oggi, 27 dicembre 2021, secondo numeri e dati del bollettino covid. Registrati altri 6 morti. Nel dettaglio, su 8.395 tamponi molecolari sono stati rilevati 665 nuovi contagi con una percentuale di positività del 7,92%. Sono inoltre 16.456 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 63 casi (0,38%).

Nella giornata odierna si registrano 6 decessi: un uomo di 100 anni di Ronchi dei Legionari deceduto in una residenza per anziani, un uomo di 88 anni di Savogna d’Isonzo deceduto in ospedale, un uomo di 87 anni di Trieste deceduto nel proprio domicilio, un uomo di 84 anni di Capriva del Friuli deceduto in ospedale, una donna di 84 anni di Trieste deceduta in ospedale e, infine, un uomo di 82 anni di Gorizia deceduto in ospedale. Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 26, mentre i pazienti in altri reparti risultano essere 260, come comunica il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

I decessi complessivamente ammontano a 3.961, con la seguente suddivisione territoriale: 904 a Trieste, 2.041 a Udine, 700 a Pordenone e 316 a Gorizia. I totalmente guariti sono 118.780, i clinicamente guariti 163,

VENETO - Sono 2.113 i nuovi contagi da coronavirus in Veneto secondo il bollettino di oggi, 27 novembre. Registrati inoltre altri 6 morti. Le province con maggior numero di contagi sono quelle di Treviso, Padova, Venezia e Vicenza. Sale così a 511.449 il numero dei positivi da inizio pandemia, mentre sono 27.612 gli attualmente positivi. Sale anche il numero dei decessi a 11.941. L’incidenza dei casi su 106.724 tamponi (24.019 molecolari e 81.705 test rapidi) è dell’1,97%. Sale anche la pressione sugli ospedali. In quattro città si sono oltrepassati i 400 contagi in un giorno: si tratta di Treviso, Padova, Venezia e Vicenza.

TOSCANA - Sono 477 i contagi da coronavirus in Toscana oggi, 27 novembre 2021, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione anticipati dal governatore Eugenio Giani sui social. "I nuovi casi registrati in Toscana sono 477 su 31.534 test di cui 9.196 tamponi molecolari e 22.338 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 1,51% (5,2% sulle prime diagnosi)", scrive Giani, aggiungendo che i vaccini attualmente somministrati sono 6.278.425.

CALABRIA - Sono 279 i nuovi contagi da coronavirus in Calabria secondo il bollettino di oggi, 27 novembre. Si registra inoltre un altro morto. 4.800 i tamponi effettuati, +134 guariti, 1.492 il totale dei decessi. Il bollettino, inoltre, registra +144 attualmente positivi, +139 in isolamento, +2 ricoverati e, infine, +3 terapie intensive (per un totale di 16).

PUGLIA - Sono 299 i nuovi contagi da coronavirus oggi 27 novembre 2021 in Puglia, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri due decessi. I nuovi casi di positività rilevati su 20.305 test giornalieri. Sono 3.953 le persone attualmente positive nella Regione, 136 quelle ricoverate in area non critica, 22 in terapia intensiva. Da inizio emergenza, in Puglia sono stati registrati 278.763 casi totali, 4.720.803 i test eseguiti, 267.927 le persone guarite e 6.883 i decessi.

VALLE D’AOSTA - Sono 45 i nuovi contagi da coronavirus in Valle D’Aosta secondo il bollettino di oggi, 27 novembre. Non si registrano invece nuovi decessi. Il numero totale dei contagiati da inizio epidemia sale a 13.029. I positivi attuali sono 599 di cui 583 in isolamento domiciliare, 15 ricoverati in ospedale, 1 in terapia intensiva. I guariti sono complessivamente 11.951, +10 rispetto a ieri, i casi fino ad oggi testati 96.847, i tamponi effettuati 280.505. Da inizio emergenza ad oggi i decessi di persone risultate positive al Covid in Valle D’Aosta sono 479.

BASILICATA - Sono 34 i nuovi contagi da coronavirus in Basilicata secondo il bollettino di oggi, 27 novembre. Non si registrano invece nuovi decessi. Il totale dei tamponi molecolari effettuati è di 853. I lucani guariti o negativizzati sono 18. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 16 (-1) e di questi 3 sono in terapia intensiva. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 1.062 (+14). Per la vaccinazione, ieri sono state effettuate 4.381 somministrazioni di cui 3.642 sono terze dosi. Finora 436.864 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (79 per cento del totale della popolazione residente), 403.534 hanno completato il ciclo vaccinale (72,9 per cento) e 42.311 sono le terze dosi (7,6 per cento), per un totale di 882.709 somministrazioni effettuate.

SARDEGNA - Sono 125 i nuovi contagi da Coronavirus oggi sabato 27 novembre 2021 in Sardegna, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 3 morti: un 92enne di Cagliari, un 83enne di Sassari e una 78enne della provincia del Sud della Sardegna. Nelle ultime 24 ore sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 7.153 tamponi. I pazienti, ricoverati nei reparti di terapia intensiva, sono 13 come ieri. I pazienti ricoverati in area medica sono 61, stabili anche questi. Crescono, invece, di 46 unità i casi di isolamento domiciliare che arrivano a 2.513 sono i casi di isolamento domiciliare.

CAMPANIA - Sono 1.154 i nuovi contagi da Coronavirus oggi 27 novembre 2021 in Campania, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Nelle ultime 48 ore ci sono stati 3 morti, altri 3 sono stati registrati ieri ma sono decessi dei giorni precedenti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 29.695 test, tra molecolari e antigenici. I ricoverati per Covid in Campania sono 298 nei reparti ordinari, mentre le terapie intensive occupate sono 25.

LIGURIA - Sono 360 i nuovi contagi da Coronavirus oggi sabato 27 novembre 2021 in Liguria, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri non c’è stato alcun morto nella Regione. Al momento i positivi sono 5.492 in Liguria. Sono 156 i ricoveri in ospedale, 5 in meno da ieri, mentre sono 20 le terapie intensive occupate, una in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore sono 190 i guariti. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Genova a 138, Imperia a 94, Savona a 65 e La Spezia a 50.

LOMBARDIA - Sono 1.926 i nuovi contagi da Coronavirus oggi sabato 27 novembre 2021 in Lombardia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 14 morti. Al momento i positivi nella Regione sono 27.774. Nelle ultime 24 ore i guariti sono stati 795. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Milano a 567, Varese a 293, Brescia a 287, Monza e Brianza a 169 e Bergamo a 133.

SICILIA - Sono 645 i nuovi contagi da Coronavirus oggi sabato 27 novembre 2021 in Sicilia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati 8 morti, ma solo 3 sono delle ultime 24 ore. Nell’Isola gli attuali positivi salgono a quota 11.376. In un giorno sono guarite 500 persone. Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 322, mentre si trovano in terapia intensiva 45 pazienti.

Questa la ripartizione su base provinciale dei nuovi casi: 61 a Palermo, 215 a Catania, 174 a Messina, 7 a Ragusa, 65 a Trapani, 42 a Siracusa, 20 a Caltanissetta, 21 ad Agrigento e 40 a Enna.

cms_23964/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_23964/italia_OMICRON.jpgVariante Omicron Italia, in Campania primo caso: sintomi lievi

La variante Omicron arriva in Italia, il primo caso è stato individuato in Campania. L’uomo, 55 anni e vaccinato con 2 dosi, presenta pochi sintomi. Cinque familiari, che non mostrerebbero sintomi, sono in isolamento. "Il paziente e i suoi contatti familiari sono in buone condizioni di salute", comunica l’Istituto superiore di Sanità in una nota. Il dirigente d’azienda della provincia di Caserta è rientrato nei giorni scorsi dal Mozambico, è atterrato a Milano ed è risultato positivo al Covid-19 con una sequenza genomica riconducibile alla variante scoperta in Sudafrica e Botswana.

cms_23964/2_ISS.jpgLa variante B.1.1.529 è stata sequenziata dal laboratorio di microbiologia Clinica, virologia e diagnostica delle Bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano. "Le inchieste epidemiologiche sono state svolte da Ats Milano e dalla Asl di competenza della Regione Campania. Sono già stati programmati i sequenziamenti sui campioni dei contatti familiari del paziente risultati positivi e residenti nella regione Campania, i cui laboratori sono stati allertati e stanno già lavorando per ottenere in tempi brevi i risultati genomici. Al momento non sono stati identificati contatti positivi in Lombardia", spiega l’Iss.

cms_23964/Massimo_Ciccozzi,_Università_Campus_Bio-Medico_di_Roma.jpgIn attesa di riscontri più dettagliati, si ipotizza che la variante possa essere più contagiosa delle precedenti. "Dai primi dati epidemiologici la variante Omicron sembrerebbe davvero più contagiosa della Delta. Al momento nei laboratori del Sudafrica, con i quali siamo in costante contatto, sono già stati fatti più di 500 sequenziamenti. L’epidemiologia ci dice che sta soppiantando la variante Delta. Le informazioni certe, però, arriveranno dai dati molecolari, sia per quanto riguarda la contagiosità, sia per quanto riguarda la capacità dei vaccini di proteggere. E le analisi sono già in corso", spiega Massimo Ciccozzi, responsabile dell’unità di Statistica medica ed Epidemiologia della facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma, già attivato sullo studio della nuovissima variante.

Secondo i dati provenienti dai laboratori sudafricani "nel Paese, con la variante Omicron, si ha un R0 di 1,34. Questo vuol dire che l’epidemia non è più sotto controllo. Il fenomeno può essere legato alla maggiore contagiosità della nuova variante, ma va tenuto conto anche di altri elementi come la bassissima percentuale sulla copertura vaccinale nel Paese, circa al 20%, e lo scarso utilizzo delle misure anti Covid, molto lontano dai nostri standard. E’ certo, però, che, al momento, in Sudafrica, Omicron corre più della Delta".

In questa variante, aggiunge Ciccozzi, "ci sono tutte le mutazioni delle singole varianti fino ad ora viste. Tutte insieme sulla stessa proteina Spike. E, almeno sul piano epidemiologico, la Omicron al momento sembra avere spiccato una corsa".

Assume maggior importanza quindi il tracciamento. Il ministero della Salute raccomanda di rafforzare e monitorare le attività di tracciamento e sequenziamento in caso di viaggiatori provenienti da Paesi con diffusione della variante Omicron e loro contatti o nei casi di focolai caratterizzati da rapido ed anomalo incremento di casi, inoltre applicare tempestivamente e scrupolosamente le misure già previste di quarantena e isolamento.

"La variante esiste ma bisogna stare attenti a fare terrorismo perché rischiamo di minare la fiducia delle persone. La gente dice ’abbiamo una nuova variante che buca i vaccini’".

cms_23964/Bassetti,Infettirologo.jpgIl professor Matteo Bassetti si esprime così dopo le notizie relative alla nuova variante Omicron del covid. "Siamo di fronte ad una variante che ha molte mutazioni che avevamo già visto nelle varianti precedenti. In più è mutata anche la proteina Spike, attraverso cui vengono aggredite le nostre cellule. Dal Sudafrica abbiamo informazioni di casi ’mild’, lievi. Non sembra essere più aggressiva, probabilmente sarà più contagiosa ma non abbiamo alcuna certezza sul fatto che i vaccini siano bucati", dice il direttore della clinica di malattie infettive del policlinico San Matteo di Genova intervenendo a In Onda.

"E’ successo un cortocircuito informativo: io ho saputo di questa variante dai media e non dalla comunità scientifica, è successo qualcosa che non dovrebbe accadere. All’opinione pubblica è arrivata la notizia della variante prima che lo sapessimo noi medici", aggiunge.

"E’ gravissimo l’inchino della scienza alla politica: fino a ieri abbiamo chiamato le varianti seguendo l’alfabeto greco, questa avrebbe dovuto chiamarsi Nu". Ma si rischiavano confusioni con la parola inglese "new". "La lettera successiva" avrebbe ricordato il presidente cinese Xi e quindi si è optato per Omicron per non offendere la Cina: "La scienza non dovrebbe inchinarsi alla politica".

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos