VASCO ERRANI E’ COMMISSARIO PER LA RICOSTRUZIONE

L’ex governatore dell’Emilia Romagna alla guida del post sisma. La sua nomina voluta fortemente dal premier Renzi

1472883694TERREMOTO_VASCO_ERRANI_COMMISSARIO_PER_LA_RICOSTRUZIONE_M_DIVELLA.jpg

Si abbassa il sipario sulle vittime del terremoto e si alza quello che riguarda la ricostruzione.
Così, a pochi giorni dai crolli che hanno fatto 297 morti coinvolgendo il Centro Italia, il piano di prevenzione pluriennale Casa Italia affida a Vasco Errani il ruolo di commissario per la ricostruzione. E’ lui dunque, con una nomina formalizzata il 1 settembre, la carta del premier Matteo Renzi per giocare una partita che vuole arrivare fino in fondo. A cominciare dalla trasparenza nella gestione delle risorse che è anche condizione per ottenere flessibilità dall’Unione Europea.

cms_4480/Foto_2.jpg

Vasco Errani, ravennate, 61 anni, quasi tutti passati in politica, arriva a fare il commissario per la ricostruzione dopo l’esperienza analoga fatta con il terremoto in Emilia nel 2012.
Nato e cresciuto nel Pci, Errani è diventato presidente della Regione Emilia-Romagna dopo essere stato uno strettissimo collaboratore di Pier Luigi Bersani, un rapporto che è sempre stato, ed è tuttora, molto stretto, sia dal punto di vista politico, sia personale. Nel 2012, quando il terremoto ha colpito l’Emilia, ha deciso di impegnarsi in prima persona per la gestione dell’emergenza e della ricostruzione. Oggi quel processo di ricostruzione in Emilia è giudicato in modo molto positivo, cosa che non si può dire di simili processi in altre zone colpite da terremoti come l’Irpinia o l’Aquila. La nomina di Errani ha attirato però anche molte polemiche: nel 2014 Errani si era dimesso da presidente della regione dopo essere stato condannato in appello a un anno di prigione per falso ideologico, con l’accusa di avere sviato le indagini su un finanziamento concesso dalla Regione Emilia-Romagna all’azienda agricola di suo fratello Giovanni. La vicenda si è comunque conclusa in maniera diversa: Errani è stato assolto nel secondo processo di appello, proprio poche settimane fa.

cms_4480/foto_3.jpg

Errani si è recato subito sui luoghi colpiti dal sisma. Nei giorni scorsi si è parlato molto di modelli: Friuli, Emilia, L’Aquila. Ad Amatrice, Errani ha spiegato che"non c’è un modello predefinito" per la ricostruzione, "il modello è il territorio". Errani farà un incontro con il sindaco Sergio Pirozzi nel centro operativo dei soccorsi e poi partirà per visitare gli altri paesi terremotati, prima Accumoli, poi Arquata del Tronto e infine sarà a Rieti. Dopo l’incontro con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, Errani ha detto: "Abbiamo fatto un primo incontro e ci rivedremo sabato dopo una serie di verifiche che dobbiamo fare. Abbiamo cominciato a lavorare - ha aggiunto - e l’obiettivo è quello di ridefinire gli interessi che rispondono all’esigenza di garantire piena identità del territorio, vale a dire l’economia, il commercio, le relazioni sociali, le scuole".

cms_4480/foto_4.jpg

Ieri intanto il ministro dell’Economia, Padoan, ha firmato il decreto di sospensione delle tasse nei Comuni colpiti dal terremoto. A essere sospesi (fino al 20 dicembre 2016) sono i versamenti delle imposte e gli adempimenti tributari per tutti i contribuenti, compresi quelli delle cartelle esattoriali e quelli conseguenti ad accertamenti esecutivi.

Mary Divella

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram