VERGINE

VERGINE_CIELO_E_TERRA.jpg

Il sesto segno sulla ruota dello Zodiaco è la Vergine (♍︎). Si tratta di un Segno mobile, in quanto si situa alla fine di una stagione - in questo caso l’estate. Il suo periodo di transizione, è compreso tra il 23 agosto e il 22 settembre.

Come il Toro e il Capricorno, la Vergine è un Segno di Terra, quindi ci troviamo di fronte ad una realtà di concretezza, di affidabilità e di forte senso del dovere.

Dal punto di vista astronomico, la costellazione della Vergine - che domina il cielo da febbraio a luglio - è una delle più ampie e più ricca di galassie. È formata da poche ma brillanti stelle, tra cui Spica (= spiga) e Vindemiatrix (= vendemmiatrice) ed è facilmente localizzabile seguendo la curva dell’Orsa Maggiore verso Arturo e continuando la stessa curva.

cms_32073/FOTO_1.jpg

Costellazione e glifo della Vergine

Il segno della Vergine, dunque, chiude la stagione calda e rassicurante dell’estate, aprendo le porte ai primi freddi. La terra fertile del Toro, che ha visto crescere e sviluppare i suoi frutti nella stagione dominata dal segno del Leone, cede il posto alla raccolta di questi ultimi, prima che le fronde li abbandonino definitivamente al loro destino. Come per la formica del racconto di Jean de La Fontaine, quello della Vergine non è più il tempo della festa, ma è quello in cui ci si deve dar da fare per non rimanere sprovvisti di sostentamento nel momento in cui la terra riposa.

I nati sotto questo Segno sono, in effetti, degli organizzatori previdenti che, con senso di responsabilità

e metodo, mettono a punto il piano per permettere a tutti di stare al sicuro e di vivere una regolare quotidianità senza troppe ansie.

I tratti principali del segno della Vergine sono proprio la serietà, la razionalità, la metodicità, l’ordine, la precisione. È difficile cogliere impreparati i nati sotto questo Segno, perché preferiscono “prevenire che curare”. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia. Se spinto all’eccesso, il perfezionismo della Vergine può degenerare in pignoleria o, peggio ancora, in ossessione. Allo stesso modo, le sue capacità previdenziali possono trasformarsi in mania di controllo. Sicura di sé all’eccesso, è facile alle critiche ma non ama affatto riceverne!

cms_32073/FOTO_2.jpg

Dipinto raffigurante la dea Cerere-Demetra

Rifacendoci alla sua Costellazione, la Vergine è da sempre rappresentata come una donna alata che tiene in grembo il raccolto - i covoni di grano e la frutta - rappresentati dalle due stelle Spica e Vindimiatrix.

Come per il Toro e il Cancro, dunque, anche in questo caso la mitologia si rifà alla Grande Madre Terra e alle sue numerose incarnazioni, tra cui Iside, Astrea, Diana, Cibele, Sibilla e la Vergine Maria.

Emerge, tuttavia, una figura in particolare: Cerere-Demetra, figlia di Urano e Gaia, dea delle messi e protettrice del lavoro nei campi.

Cerere, divinità materna della terra e della fertilità generalmente identificata con la dea greca Demetra, dà alla luce Proserpina dalla sua unione con Giove. Quando Ares-Plutone, dio degli Inferi, rapisce Proserpina facendone la sua regina con l’inganno, Cerere sfoga tutto il suo dolore madre, minacciando di colpire la terra con gravissime carestie. Dinanzi a tale proposito, Giove propone un compromesso: per sei mesi l’anno Proserpina starà con la madre (dal 21 Marzo al 23 settembre, il periodo della Vergine) e per gli altri sei con il suo sposo (il periodo autunno-inverno).

Va anche detto che il nome “Vergine” non ha nulla a che vedere - nel suo significato etimologico originario - con l’integrità fisica della donna, né tantomeno è collegato al concetto di purezza o di castità. La “virgo” latina era semplicemente una donna non sposata, dunque libera e indipendente. Per la donna illibata si usava, invece, il termine “virgo intacta”. “Vir“e “virgo” sono dunque le due forme - maschile e femminile - dell’adulto libero, forte e autonomo, e la “verginità” è il corrispettivo femminile della “virilità”.

cms_32073/FOTO_3.jpg

La psicologia dei nati sotto questo segno è piuttosto complessa. Sarebbe riduttivo relegarli alla loro puntigliosità e pignoleria. In realtà la Vergine è dotata di un grande spirito di osservazione, per cui ha bisogno di comprendere e controllare ogni cosa. In quanto segno di Terra, è poco incline ai voli pindarici ma è efficace nell’azione e nella risoluzione pratica dei problemi. Doti innate di questo Segno sono la capacità di analisi e di sintesi come pure il senso di discrezione e di riservatezza. Per contro, il suo carattere spigoloso e maniacale può creare barriere in chi è particolarmente sensibile.

Puntuale ed efficiente, presta molta attenzione ai dettagli, tanto nella vita materiale quanto nelle relazioni affettive; insomma, non gli sfugge nulla! I nati sotto questo Segno sono precisi, attenti al dettaglio, amano fare le cose per bene e godono quando tutto va secondo i loro piani. Sono affidabili al 100% e la loro apparente freddezza è semplicemente la manifestazione di una forte razionalità.

Il glifo della Vergine si rifà a una donna seduta di profilo, Cerere, che raccoglie e custodisce su di sé il raccolto proprio della stagione. Pare che, con l’avvento del cristianesimo, questo simbolo si sia trasformato in una M, con l’asta finale ripiegata all’interno a simboleggiare Maria e la sua Verginità.

cms_32073/FOTO_4.jpg

L’archetipo del segno della Vergine è il Cercatore, colui che, seguendo la propria naturale curiosità,

lascia il conosciuto per l’ignoto. Poco importa cosa troverà, l’importante è vedere, comprendere, analizzare. Si spinge in esplorazione è perché è forte in lui il desiderio di crescere, tant’è vero che il Cercatore corrisponde alla ricerca del Sacro Graal, che solo chi è puro di cuore - cioè “vergine” - può trovare.

Dal punto di vista fisico, la Vergine corrisponde all’intestino, apparato preposto al discernimento e alla differenziazione tra nutrienti e scarto. Molto attenta alla propria salute e igiene personale, è in quest’organo che la Vergine somatizza il suo stress mentale.

Tra i personaggi famosi nati sotto questo Segno, ricordiamo: Caligola (31 agosto 12), Girolamo Savonarola (21 settembre 1452), la regina Elisabetta I d’Inghilterra (7 settembre 1533), Antoine Lavoisier (26 agosto 1743), Tolstoj (28 agosto 1828), Maria Montessori (31 agosto 1870), Agatha Christie (15 settembre 1890), Greta Garbo (18 settembre 1905), Madre Teresa di Calcutta (26 agosto 1910), Leopoldo Pirelli (25 Agosto 1925), Peter Falk (16 settembre 1927), Sandra Mondaini (1 settembre 1931), Dario Argento (7 settembre 1940), Freddie Mercury (5 settembre 1946), Michael Jackson (29 agosto 1958), Keanu Reeves (2 settembre 1964).

In sintesi:

Archetipo: cercatore

Domicilio primario: Y

Colore: giallo chiaro, blu intenso, verde

Metallo: mercurio, alluminio, leghe

Numero: 6

Giorno: mercoledì

Simona HeArt

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram