VERTICE EGITTO, FUMATA NERA:NESSUNA DICHIARAZIONE FINALE - A Gaza i primi camion di aiuti

VERTICE_EGITTO_FUMATA_NERA_NESSUNA_DICHIARAZIONE_FINALE_-_A_Gaza_i_primi_camion_di_aiuti_Pagina_Internazionale__2.jpg

E mentre sembra avvicinarsi sempre di più il momento dell’inizio dell’operazione di terra israeliana a Gaza, il vertice per la pace in Medio Oriente si è concluso senza dichiarazione finale. A quanto si apprende non è stato raggiunto un consenso unanime tra i partecipanti. La mancanza di una dichiarazione finale non è una sorpresa data le differenze di posizione fra i partecipanti. Diplomatici e osservatori avevano anticipato la difficoltà di raggiungere un consenso.

cms_32178/001.jpg

Secondo quanto riportato da SkyNews Arabia, la dichiarazione finale è saltata a causa dei disaccordi tra il gruppo dei Paesi arabi e i rappresentanti occidentali. Gli arabi, afferma l’emittente, riferiscono che gli occidentali "volevano che la dichiarazione includesse solo una condanna del movimento di Hamas, mentre si rifiutavano di condannare Israele per l’uccisione di migliaia di civili a Gaza, o di chiedere un cessate il fuoco urgente e l’ingresso di aiuti umanitari nella Striscia assediata".

A Gaza i primi camion di aiuti

cms_32178/israele_gaza_aiuti_afp.jpeg

Ieri sono entrati dal valico di Rafah i primi convogli di aiuti per la Striscia di Gaza. Il valico è stato aperto e subito richiuso dopo il passaggio di soli 20 camion. Venerdì, in attesa di passare, c’erano più di 50 camion. Hamas, che controlla la Striscia, ha affermato del convoglio facevano parte camion che trasportano medicinali, forniture sanitarie e una quantità limitata di scorte di cibo.

Non è entrato invece carburante, ha detto Hagari. Un funzionario della sicurezza israeliana ha dichiarato nelle stesse ore che "non c’è alcuna crisi umanitaria a Gaza. "E’ difficile spostare in pochi giorni le persone verso il sud della Striscia di Gaza, ma la popolazione se la cava. Non c’è carenza di acqua a Gaza - ha affermato ancora, coperto da anonimato - C’è cibo a sufficienza per le prossime settimane, oltre alle forniture di medicinali che, per quanto sappiamo, non mancano negli ospedali".

Nei giorni scorsi Israele ha avvertito i palestinesi nel nord dell’enclave palestinese, chiedendo di spostarsi verso le aree a sud. Secondo le Idf sono circa 700mila le persone, su 1,1 milioni nel nord di Gaza, che si sono spostate verso le zone meridionale. L’ufficiale ha accusato Hamas, che controlla la Striscia nel mirino dei bombardamenti israeliani dall’attacco di due settimane fa, di continuare a impedire gli spostamenti verso sud.

cms_32178/VALICO_EGITTO.jpg

L’annuncio dell’apertura del valico di Rafah era arrivato dall’ambasciata Usa in Israele, che in un avviso ha chiarito di non essere a conoscenza di "quanto resterà aperto, se sarà aperto, per il passaggio di cittadini stranieri in uscita da Gaza". L’ambasciata avverte che "molte persone cercheranno di passare se il valico verrà aperto" e mette in guardia i cittadini Usa per quella che rischia di diventare una situazione "caotica e disordinata su entrambi i lati del transito".

Anna Maria Stanca

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram