KAZAKISTAN ANCORA IN TUMULTO

Abbattuta la statua dello storico presidente Nazarbayev, alla guida del Paese per 30 anni

1641516917KAZAKISTAN_ANCORA_IN_TUMULTO.jpg

Continuano senza sosta i disordini in Kazakistan. Nelle scorse ore ad essere presa di mira è stata la statua di Nursultan Nazarbayev, che ha vestito i panni del presidente per 30 anni, fino al 2019. Il monumento, che campeggiava in una piazza a Taldykorgan, è stato abbattuto dalla violenza dei manifestanti, al grido di “Shal ket!” (“Old man go”: vecchio uomo, vai via!). Nazarbayev aveva mantenuto il titolo di presidente del Consiglio di sicurezza nazionale anche all’arrivo dell’attuale Presidente della Repubblica, nonché suo delfino, Kassym-Jomart Tokayev. Proprio quest’ultimo, essendo venuto a conoscenza delle forti polemiche che si stavano sollevando contro la figura di Nazarbayev, l’ha rimosso dall’incarico; ma a quanto pare ciò non è bastato a placare gli animi.

cms_24373/Foto_1.jpg

D’altronde c’era da aspettarselo: il destino di Nazarbayev è legato a doppio filo con quello del paese che ha guidato per tre decenni, tanto che la capitale ha cambiato nome in suo onore, passando da Astana a Nur-Sultan. L’ex presidente, oggi 81enne, ha amministrato il Kazakistan all’alba della sua indipendenza, subito dopo il crollo sovietico, fin dai primi anni ’90.

cms_24373/Foto_2.jpg

Per comprendere quanto sta accadendo oggi in Kazakistan occorre ripercorrere a grandi linee la sua storia ed alcuni aspetti geo-politici che lo caratterizzano: si tratta di un paese di ridotte dimensioni, con soli 18 milioni di abitanti, in cui è concentrato il 60% delle risorse minerarie dell’ex Unione Sovietica. Parliamo di ferro, carbone, metano, uranio e molti altri metalli, oltre a ricchissime riserve di petrolio (pare che se ne ricavino 1,5 barili ogni giorno). Una vera fortuna, che ha attirato ben 161 miliardi di investimenti diretti nel 2020, in favore di società occidentali come Eni, Shell, Chevron e General Electric. Proprio per questo, i rincari cui la popolazione si troverà a far fronte appaiono paradossali, suscitando l’ira delle folle.

Leonardo Bianchi

Tags:

Lascia un commento

[*COMMENTI*]

<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos