COVID, LO STUDIO: VACCINO PER BOCCA O NASO PUO’ RIDURRE CONTAGIO

In Italia ulteriori 42.249 contagi e altri 115 morti - I dati delle Regioni -

12_5_2022.jpg

cms_26010/virus-4030721__340.jpg

cms_26010/vaccino_spraynasaleftg.jpgCovid, lo studio: vaccino per bocca o naso può ridurre contagio

Un vaccino anti-Covid somministrato per bocca o naso può aiutare ad alzare la barriera contro il contagio da Sars-CoV-2? Per un team di scienziati è una strategia praticabile, in grado di ridurre sia la malattia che la trasmissione per via aerea. E’ la conclusione a cui approdano gli autori di uno studio pubblicato su ’Science Translational Medicine’ e visibile online, nel quale si riportano i risultati di un test condotto su animali con un candidato vaccino a vettore adenovirale.

"I vaccini contro il coronavirus Sars-CoV-2 attualmente approvati", somministrati tramite iniezione, "sono in grado di proteggere i vaccinati da infezioni sintomatiche, ospedalizzazione e morte per Covid. Tuttavia, non prevengono completamente l’infezione", fanno notare gli scienziati del Duke Center for Human Systems Immunology and Department of Surgery, dell’azienda Vaxart e del Lovelace Biomedical Research Institute, che hanno approfondito il possibile ruolo di un’altra immunità, quella della mucosa. "Sono necessarie strategie finalizzate a bloccare la trasmissione, che rallentino la diffusione del virus e proteggano dalla malattia", ragionano.

Per gli esperti "ci sarebbe un vantaggio sostanziale nello sviluppo di vaccini" con queste potenzialità. La variante Omicron, infatti, "sembra più in grado di evitare l’immunità indotta dal vaccino rispetto alla variante Delta e ha causato una notevole ondata invernale di infezioni, creando una grave carenza di operatori sanitari" per esempio negli Usa, e considerato che "la maggior parte del mondo è sotto immunizzata, compresi tutti i bambini under 5 e la maggior parte dei 5-12enni, la possibilità che un vaccinato con infezione post-iniezione scudo possa diffondere il virus a familiari o membri della comunità non immunizzati rappresenta un rischio". Gli scienziati hanno quindi sviluppato un candidato vaccino e per valutarne l’impatto lo hanno somministrato per via orale o intranasale ai criceti, dimostrando che questi avevano risposte anticorpali "robuste e cross-reattive".

Gli autori hanno indotto un’infezione post vaccinazione e hanno osservato che i criceti vaccinati per via orale o intranasale avevano una diminuzione dell’Rna virale e del virus infettivo nel naso e nei polmoni e presentavano meno patologie polmonari rispetto agli altri. I roditori sono stati esposti in una camera a flusso d’aria unidirezionale per essere vaccinati per via mucosale. Quelli infettati avevano un Rna virale inferiore nel tampone nasale e mostravano meno sintomi clinici rispetto agli animali di controllo. Questo, spiegano gli autori dello studio, suggerisce che la via della mucosa riduce la trasmissione virale. "I nostri dati dimostrano che l’immunizzazione della mucosa è una strategia" da considerare.

Il motivo per concentrarsi su questo ’passaggio’ del virus è presto detto: "La mucosa del tratto respiratorio superiore è il sito iniziale di replicazione di Sars-CoV-2 e il sito primario di infezione - evidenziano gli scienziati Usa - E di conseguenza gli interventi che inducono risposte immunitarie della mucosa robuste possono avere il maggiore impatto sulla riduzione della trasmissione di Sars-CoV-2". Da qui la scelta di esplorare questa strada. I vaccini adenovirali orali sviluppati dagli scienziati sono stati somministrati a oltre 500 persone, e sono stati "ben tollerati e in grado di generare robuste risposte immunitarie umorali e cellulari agli antigeni espressi".

cms_26010/4.jpg

cms_26010/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 42.249 contagi e altri 115 morti

Sono 42.249 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute.

Si registrano inoltre altri 115 morti che portano a 164.846 il totale dei decessi da inizio pandemia.

Sono 294.611 i tamponi processati nelle ultime 24 ore che portano il tasso di positività a 14,3%. In calo ricoveri per un totale di 8.412 (-167)e terapie intensive per un totale di 338(-20). Sono 1.041.196 (-41.776) le persone attualmente positive, 16.915.301 le persone contagiate da inizio pandemia mentre i guariti toccano la soglia di 15.709.259 (+84.344).

cms_26010/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 11 Maggio 2022)

LOMBARDIA - Sono 6.157 i nuovi contagi da coronavirus in Lombardia secondo il bollettino di oggi, 11 maggio. Si registrano altri 12 morti, per un totale di 40.198 decessi nella regione da inizio pandemia. I ricoverati in terapia intensiva sono oggi 37, 1 più di ieri; mentre cala quello dei pazienti nei reparti Covid ordinari, oggi 1.044, 42 meno di 24 ore fa.

Nel territorio metropolitano di Milano i nuovi casi sono 1.888, di cui 777 nella città capoluogo. Seguono le province di Brescia (+773), Monza e Brianza (+571), Bergamo (+569), Varese (+523), Como (+403), Pavia (+349), Lecco (+236), Mantova (+219), Cremona (+177), Lodi (+130) e Sondrio (+122).

LAZIO - Sono 3.859 i contagi da coronavirus e 9 i morti registrati oggi, 11 maggio, nel Lazio. Lo riferisce il bollettino della Regione. Nello specifico "su 7.223 tamponi molecolari e 20.268 tamponi antigenici per un totale di 27.491 tamponi, si registrano 3.859 nuovi casi positivi (-1.005), sono 9 i decessi (-6), 904 i ricoverati (-20), 47 le terapie intensive (-3) e +4.257 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 14,0%. I casi a Roma città sono a quota 1.931".

VENETO - Sono 4.141 i nuovi contagi da covid in Veneto secondo il bollettino di oggi, 11 maggio. Si registrano inoltre altri 7 morti. Il totale dei casi da inizio pandemia è arrivato a 1.712.400, mentre gli attualmente positivi sono 54.143. Il totale dei decessi da inizio pandemia è 14.544. Negli ospedali veneti sono ricoverate 482 persone in area medica e 24 in terapia intensiva. Negli ospedali di comunità i ricoverati positivi sono 108. Nella giornata di ieri sono state effettuate 737 vaccinazioni anti-Covid.

EMILIA ROMAGNA - Sono 3.892 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 maggio in Emilia Romagna, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 11 morti. Dall’inizio dell’epidemia, nella regione si sono registrati 1.446.347 casi di positività. I nuovi casi sono stati individuati su un totale di 19.943 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 11.050 molecolari e 8.893 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 19,5%. Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 10.441.068 dosi; sul totale sono 3.790.240 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 94,3%. Le dosi aggiuntive fatte sono 2.882.280.

PIEMONTE - Sono 2.481 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 maggio in Piemonte, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. I tamponi effettuati sono 19.025 di cui 16.471 test antigenici, il rapporto positivi tamponi si attesta al 13%. I ricoveri ordinari sono 627, +8 rispetto a ieri, quelli in terapia intensiva 18, in calo di una unità rispetto a ieri.

VALLE D’AOSTA - Sono 67 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 maggio in Valle d’Aosta, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registra 1 morto. Nelle ultime 24 ore si registrano inoltre 35 guariti. Gli attuali positivi sono 1.367 di cui 29 ricoverati in ospedale. Un paziente risulta, invece, ricoverato in terapia intensiva. Le persone decedute in Valle d’Aosta da inizio epidemia con diagnosi Covid salgono a 534. I nuovi casi testati nelle ultime 24 ore sono 59, i tamponi effettuati 363.

TOSCANA - Sono 2.365 i nuovi contagi da covid in Toscana secondo il bollettino di oggi, 11 maggio. 15.924 i test effettuati, di cui 2.827 tamponi molecolari e 13.097 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 14,85% (68,7% sulle prime diagnosi). Lo comunica su Telegram il presidente della Regione Eugenio Giani.

PUGLIA - Sono 2.673 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 maggio in Puglia, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 8 morti. I nuovi casi, individuati attraverso 18.478 tamponi, sono così suddivisi per provincia: Bari: 990; Bat: 140; Brindisi: 250; Foggia: 339; Lecce: 564; Taranto: 352; Residenti fuori regione: 26; Provincia in definizione: 12. Sono 91.823 le persone attualmente positive, 505 ricoverate in area non critica e 28 in terapia intensiva. Dati complessivi: 1.099.404 casi totali, 10.758.535 tamponi eseguiti, 999.213 persone guarite e 8.368 decessi.

CALABRIA - Sono 1.309 i nuovi contagi da coronavirus oggi 11 maggio in Calabria, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 2 morti. I nuovi casi sono stati registrati su 6.749 tamponi effettuati. Sono +3.039 i guariti. Il totale dei dcessi da inizio pandemia sale a 2.544. Il bollettino, inoltre, registra -1.732 attualmente positivi, -11 ricoveri (per un totale di 221) e, infine, +2 terapie intensive (per un totale di 10).

SARDEGNA - Sono 1.580 contagi da coronavirus confermati oggi, 11 maggio, in Sardegna secondo il bollettino con i dati Covid della Regione. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 8.215 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 10 (+1). I pazienti ricoverati in area medica sono 260 (-13). 24.305 sono i casi di isolamento domiciliare ( - 577 ). Si registrano 12 decessi: due uomini di 75 e 88 anni, residenti nella Città Metropolitana di Cagliari; due uomini di 74 e 88 anni, residenti nella provincia del Sud Sardegna; due donne di 89 e 95 anni più due uomini di 72 e 93 anni, residenti in provincia di Nuoro; tre donne di 86, 93 e 94 anni e un uomo di 89, residenti in provincia di Oristano.

International Web Post

Tags:

Commenti per questo articolo

[*COMMENTI*]

<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos