Traduci

Coronavirus, superati i 10mila casi in Italia

cms_16513/00.jpg

cms_16513/LOGO-PROTEZIONE-CIVILE-NAZIONALE.jpgA oggi, in Italia sono stati 10.149 i casi totali, mentre sono 8.514 le persone che al momento risultano positive al virus. E’ quanto emerge dal monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del coronavirus sul territorio nazionale da parte del Dipartimento della Protezione Civile.

In una giornata ci sono stati 168 decessi. Sono persone che sono morte non per il coronavirus ma che avevano il coronavirus”, ha sottolineato il commissario straordinario per l’emergenza Angelo Borrelli. In totale le vittime salgono a 631.

I guariti di oggi sono 280, facendo salire così il bilancio totale a 1004 persone.

cms_16513/2.jpg“In Lombardia abbiamo avuto 135 decessi – sottolinea – in Emilia Romagna 15, in Veneto sei, in Piemonte quattro, nelle Marche tre, in Friuli Venezia Giulia due, in Abruzzo uno, nel Lazio e in Liguria uno”.

“Il 2% dei deceduti si trova nella fascia di età tra i 50 e i 59 anni, l’8% nella fascia 60-69, il 32% tra 70-79, il 45 % nella fascia 80-89, il 14 % nella fascia maggiore di 90 anni”, comunica ancora.

Quanto ai positivi oggi sono stati 529 “ma il dato della Lombardia non è completo”, ha fatto presente ancora il commissario per l’emergenza coronavirus: quindi sono attualmente 8.514 i casi.

Ci “sono 877 persone ricoverate in terapia intensiva, pari al 10% del totale dei positivi”.

Nel frattempo oggi “avremo una distribuzione giornaliera di oltre un milione di mascherine e verranno ripartite sulla base delle esigenze delle regioni. Abbiamo distribuito anche ventilatori per le terapie intensive. Oltre a quelli dalla Protezione Civile in un contratto stipulato sabato sera abbiamo anche i ventilatori acquisiti da Consip, una disponibilità complessiva di 2264 ventilatori per la terapia intensiva e 1.645 per la terapia sub intensiva”, fa sapere Borrelli.

cms_16513/Robert_Gallo.jpg“L’epidemia in corso in Italia non è esattamente come quella che si è verificata in Cina. E non credo sia scontato che il nuovo coronavirus si diffonderà in maniera sostenuta anche al Sud perché, mappamondo alla mano, stiamo notando una diffusione da Est a Ovest e viceversa, piuttosto che da Nord a Sud. Se guardiamo appunto il globo, vediamo che il virus, ad esempio, non si è diffuso in Russia, come nemmeno in Africa. Non sappiamo ancora perché, forse è un fattore legato alle temperature, forse no. Ma è un elemento che ha senso tenere in considerazione”. A dirlo in un’intervista all’Adnkronos Salute è Robert Gallo, fra gli scopritori, negli anni ’80, del virus dell’Aids e del primo test per diagnosticare l’Hiv, oggi direttore dell’Institute of Human Virology presso la University of Maryland (Usa).

Gallo, classe 1937, con forza al timone dell’importante struttura di ricerca americana, risponde da Baltimora: “L’estensione dell’epidemia di Covid-19 in Italia è estremamente seria e tutti qui negli Usa ne stanno seguendo con apprensione l’andamento. Ho molti collaboratori che provengono dal Nord del vostro Paese e che sono molto preoccupati, così come lo sono io. E’ difficile dare consigli, da qui soprattutto, ma penso che le misure decise dal governo non siano di certo una reazione eccessiva. Sono state prese le giuste decisioni. Quello che succederà nei prossimi giorni nel vostro Paese – evidenzia – dipenderà dalla risposta delle persone”.

cms_16513/0.jpg

“Spero che gli italiani ascolteranno i consigli del governo. Ma è molto difficile fare previsioni – aggiunge Gallo – Quello che posso dire è che come virologi, scambiando opinioni anche con colleghi epidemiologi, abbiamo notato che il virus si sta spostando all’interno di latitudini massime che hanno per ora escluso, per esempio, Russia e Africa, mentre sono toccati Paesi più o meno ‘paralleli’ come Cina, Corea, Iran, Giappone (dove non si è diffuso al Sud), Italia”.

“E guardiamo con interesse la risposta del vostro Paese perché avete un’epidemia diversa dalla Cina, con una mortalità che è più alta: si dovrà verificare come mai”, conclude.

(fonte AdnKronos (Barbara Di Chiara) – foto dal web)

Autore:

Data:

11 Marzo 2020