Traduci

COVID,L’IMPEGNO DEL G7:”DISTRIBUZIONE GLOBALE DEI VACCINI”

cms_21042/COVID_G7.jpg

cms_21042/0.jpgCovid, l’impegno del G7: “Distribuzione globale dei vaccini”

I leader del G7 riuniti per la prima volta in videoconferenza sotto presidenza britannica “accelereranno lo sviluppo e la distribuzione globale dei vaccini” contro il coronavirus, “lavoreranno con l’industria per accrescere la capacità di produzione, anche attraverso la concessione volontaria dei brevetti, miglioreranno la condivisione delle informazioni, come sulla sequenza delle nuove varianti e promuoveranno pratiche ragionevoli e trasparenti e la fiducia nei vaccini”. E’ quanto si legge nella dichiarazione diffusa al termine della riunione, nella quale si definisce “il ruolo di un’immunizzazione estesa un bene globale collettivo”.

“Oggi, con un aumento degli impegni finanziari di oltre quattro miliardi di dollari per Act-A e Covax, il sostegno collettivo del G7 ammonta a sette miliardi e mezzo di dollari”, proseguono i leader nella dichiarazione in cui si invitano “tutti i partner, compreso il G20 e le istituzioni finanziarie internazionali, a unirsi a noi per aumentare il sostegno all’Act-A” e migliorare l’accesso dei “Paesi in via di sviluppo ai vaccini approvati dall’Oms attraverso il meccanismo Covax”.

“Ribadiamo il nostro sostegno ai Paesi più vulnerabili e agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e la nostra partnership con l’Africa, anche per sostenere una ripresa resiliente. Lavoreremo attraverso il G20 e con le istituzioni finanziarie internazionali per rafforzare il sostegno alle risposte dei Paesi esplorando tutti gli strumenti disponibili, inclusa l’attuazione piena e trasparente dell’iniziativa di sospensione dei pagamenti al servizio del debito”.

Durante l’incontro l’Unione Europea “ha insistito sia sulla necessità di accelerare l’accesso ai vaccini e di far riprendere l’economia”. L’Unione, sottolineano fonti Ue, si “compiace” del fatto che la dichiarazione finale “menzioni chiaramente ’prassi trasparenti e responsabili’ per quanto riguarda i vaccini”. Per Bruxelles, è un messaggio alle multinazionali farmaceutiche, affinché “rispettino gli obblighi contrattuali in modo corretto”. All’incontro hanno partecipato Ursula von der Leyen e Charles Michel, per la Commissione e per il Consiglio Europeo, rispettivamente.

“Ci compiacciamo – notano le fonti – che i leader abbiano fatto riferimento ad un possibile trattato internazionale sulle pandemie: Charles Michel lo ha proposto nell’incontro del G20 di novembre e resta una priorità per lui”. L’Unione “ha insistito per la solidarietà con i Paesi terzi, in particolare con quelli africani, e sulla necessità di impegnarsi per Covax, per la quale l’Ue ha aumentato il suo contributo”. Il blocco dei 27 ha anche insistito sulle transizioni verde e digitale, “spina dorsale della ripresa economica” post pandemica. L’Ue “vuole trattare in modo costruttivo con la Cina e resta salda su interessi e valori”.

In tema di salute, L’Europa “ha insistito perché ci fosse un riferimento alla vaccinazione come ’bene pubblico globale’” e la dichiarazione finale “riflette chiaramente questo punto di vista”. Nella dichiarazione c’è anche, infine, un riferimento allo sforzo per “’raggiungere una soluzione basata sul consenso sulla tassazione entro metà 2021 nel contesto dell’Ocse’”. E per l’Ue trovare un accordo globale sulla tassazione del digitale “rimane una priorità”.

cms_21042/4.jpg

cms_21042/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 14.931 contagi e altri 251 morti

Sono 14.931 i contagi da coronavirus in Italia, secondo i dati del bollettino della Protezione Civile pubblicato dal ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 251 morti, che portano il totale a 95.486 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia di covid-19. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.063 (+4). Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti eseguiti 306.078 tamponi, l’indice di positività è al 4,9%. La diffusione del coronavirus e il rischio rappresentato dalle varianti del covid è al centro delle discussioni tra le regioni.

Medici

Salgono a 326 i medici morti in Italia durante la pandemia di Covid-19. Vincenzo Di Benedetto, medico di famiglia, è l’ultima vittima ricordata nell’’elenco caduti’ aggiornato dalla Fnomceo, Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri.

cms_21042/italia.jpg

I dati dalle Regioni

Lombardia

Sono 3.019 i contagi da coronavirus in Lombardia, secondo i dati del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati 37 morti, che portano il totale a 28.808 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia nella regione.

Valle d’Aosta

Sono 4 i nuovi contagi da Coronavirus in Valle d’Aosta secondo il bollettino reso noto. Da ieri è stato registrato un morto per Covid. Nella Regione sono stati analizzati 119 tamponi nelle ultime 24 ore. Da inizio pandemia il totale delle vittime è stato di 414.

Puglia

Sono 905 i nuovi contagi da Coronavirus in Puglia secondo il bollettino reso noto. Da ieri sono stati registrati altri 23 morti.

Campania

Sono 1.677 i contagi da coronavirus in Campania oggi, secondo i dati del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati 11 morti, che portano il totale a 4.106 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia nella regione.

Lazio

Sono 921 i nuovi contagi da Coronavirus nel Lazio secondo il bollettino reso noto. Da ieri sono stati registrati altri 32 morti e 1.051 guariti. I tamponi da ieri sono stati 12mila. Nel Lazio sono 35.446 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 1.883 ricoverati, 228 in terapia intensiva e 33.335 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia i guariti sono in totale 183.616, i decessi 5.704 e il totale dei casi esaminati è pari a 224.767.

” I casi a Roma città scendono sotto quota 400″ dice l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Toscana

“I nuovi casi” di covid “registrati in Toscana sono 953 su 21.572 test di cui 13.471 tamponi molecolari e 8.101 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,42% (8,3% sulle prime diagnosi)”. Lo annuncia su Facebook il presidente della Toscana, Eugenio Giani, anticipando il dato del bollettino regionale sull’andamento dell’epidemia di coronavirus.

Basilicata

Sono 91 i nuovi contagi da Coronavirus in Basilicata secondo il bollettino reso noto. Da ieri sono stati registrati altri due morti a Nova Siri e Potenza, mentre i guariti sono stati 74. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 1.302 tamponi molecolari. Aggiornando i dati complessivi, i lucani attualmente positivi salgono a 3.329, di cui 3.246 in isolamento domiciliare. Il totale dei decessi è stato di 352 persone.

Friuli Venezia Giulia

Sono 216 i contagi da coronavirus in Friuli Venezia Giulia, secondo il bollettino della regione. Da ieri, registrati altri 8 morti. I 216 casi su 5.783 tamponi molecolari determinano l’indice di positività del 3,74%.

Emilia Romagna

Sono 1.724 i nuovi contagi da coronavirus in Emilia Romagna secondo il bollettino reso noto. Da ieri sono stati registrati altri 23 morti. Da ieri sono stati fatti 31.943 tamponi. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,4%. I guariti sono stati 1.489 nelle ultime 24 ore per un totale da inizio epidemia di 198.733 persone.

Calabria

Sono 218 i nuovi contagi da Coronavirus in Calabria secondo il bollettino reso noto. Da ieri sono stati registrati altri 2 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati 118 i guariti nella Regione.

Sicilia

Sono 474 i nuovi contagi da coronavirus in Sicilia secondo il bollettino reso noto. Da ieri sono stati registrati altri 18 morti. I tamponi fatti da ieri sono stati 23.307. I dimessi o guariti sono stati 2.119. In totale, in Sicilia, ci sono 29.906 positivi: 862 ricoverati in regime ordinario e 145 in terapia intensiva.

Veneto

Sono 1.244 i nuovi contagi di Coronavirus in Veneto secondo il bollettino. Sono 18 i morti registrati nelle ultime 24 ore nella regione. Sale così a 325.789 il numero dei casi totali, mentre per quanto riguarda le vittime sono 9.701 dall’inizio della pandemia. Gli attualmente positivi sono 21.787, inclusi 100 pazienti in terapia intensiva e 772 in area non critica. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 44.145 tamponi.

Piemonte

Sono 765 i nuovi contagi di Coronavirus in Piemonte secondo il bollettino. Si registrano altri 12 decessi, un dato che porta a 9.257 il totale delle vittime dall’inizio dell’emergenza. I casi totali nella regione salgono invece a 238.147. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 20.595 tamponi. Gli attualmente positivi sono 12.608, inclusi 130 pazienti in terapia intensiva e 1.857 ricoverati in area non critica.

Sardegna

Sono 73 i nuovi contagi da Coronavirus in Sardegna secondo il bollettino. Da ieri sono stati registrati altri 7 morti. In totale sono stati eseguiti 717.300 tamponi, 2.227 i test in più rispetto al dato precedente. la percentuale di positività è del 3,2%. I guariti sono stati 115 da ieri per un numero totale di 26.035 dall’inizio dell’emergenza, mentre i decessi sono stati in tutto 1.109. I pazienti ricoverati in ospedale sono 277, mentre sono 29 quelli pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 12.974.

cms_21042/Lockdown_ITALIA_.jpg

cms_21042/controlli_coronavirus_fg.jpgSpostamenti tra regioni, verso stop fino a 31 marzo

Stop agli spostamenti tra le regioni fino al 31 marzo: a quanto si apprende, è ciò che il governo sta valutando. L’ipotesi che circolava negli ultimi giorni era quella di uno slittamento fino al 5 marzo, quando sarebbero scadute anche le altre misure anti-Covid. Ma nelle riunioni di ieri a Palazzo Chigi si sarebbe valutato di prorogare lo stop agli spostamenti, indipendentemente dall’area di rischio, fino al 31 marzo, è sarebbe questa -riferiscono fonti di governo – la linea che dovrebbe essere adottata nel Cdm in programma lunedì mattina alle 9.30.

Data:

21 Febbraio 2021