Traduci

De Magistris:”Dopo Napoli farò progetto nazionale” (Altre News)

De Magistris guarda al futuro: “Dopo Napoli farò progetto nazionale”

“Cosa farò dopo aver fatto il sindaco? Un progetto nazionale è quello che più mi interessa”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, ospite di “Centocittà” su Radio 1, interpellato sull’ultimo anno del suo secondo mandato da sindaco. Il progetto “nazionale”, ha spiegato de Magistris, consiste nel “costruire un’alternativa nel Paese che metta al centro l’attuazione della Costituzione, quei valori che sono persi: la questione morale, la giustizia sociale, l’uguaglianza, l’ambiente, i diritti. Se sarà un partito o un movimento? Non lo so, vediamo. Napoli ha dimostrato che si può andare lontano senza costruire partiti. Secondo me serve mettere in connessione quella parte del Paese che oggi non è rappresentata e che è molto forte”.

A Napoli, ha ricordato de Magistris, “abbiamo realizzato forse per primi un’esperienza unica in Italia: la grande città più a sinistra d’Italia, completamente governata da 10 anni da liste civiche e dalla sinistra. Il Pd, il M5S e il centrodestra sono stati sempre all’opposizione. Abbiamo fatto cose di sinistra, abbiamo portato Napoli prima del Covid ai vertici internazionali per cultura e turismo. I giovani protagonisti, i beni comuni, sono tematiche che la sinistra di governo inserisce solo nella retorica e nelle campagne elettorali. Napoli invece – ha concluso – ha dimostrato che dal basso si può costruire un’alternativa che vorremmo poi riproporre a livello nazionale”.

Puglia, Bellanova: “Emiliano? Candidati possono essere invitati a farsi da parte”

“Sottoscrivo le dichiarazioni di Zingaretti: è ridicolo insistere su candidati che hanno dimostrato di non svolgere un’azione di governo di livello, a partire dalla mia Puglia. Su questo dico a Zingaretti: passiamo dalle parole ai fatti, l’unità si fa su un programma non sul singolo soggetto. Noi siamo pronti”. Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, Teresa Bellanova, ministra dell’Agricoltura e senatrice di Italia Viva.

Avete candidato Scalfarotto in Puglia per far perdere Michele Emiliano? “Noi abbiamo candidato Scalfarotto per presentare una nostra idea di governo. Emiliano ha messo in campo il peggior notabilato. Se Zingaretti svolge un’azione di governo su questo processo noi ci siamo: i candidati possono essere invitati a farsi da parte, bisogna intendersi su un programma”.

Intende dire che se il Pd ritira Emiliano voi fate lo stesso con Scalfarotto con l’obiettivo di trovare un candidato comune? “Se si vuole fare unità bisogna darne effettivamente dimostrazione. Se l’unità vuol dire subalternità non va bene”. Di certo Emiliano non si ritirerà. “Allora sarà Emiliano che vorrà giocare a perdere, non Italia Viva”, conclude Bellanova.

Meloni: “Non scaricate Immuni. E’ business di dati sensibili”

“Non ho scaricato l’app Immuni e invito tutti a non scaricarla. Perchè è una iniziativa fatta in violazione del codice appalti e delle norme italiane. Il decreto approvato dice che le informazioni presenti sull’app non possono essere utilizzate per altri scopi ma non sanziona il diverso utilizzo”. Così la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, che oggi si trova a Bari per la candidatura di Raffaele Fitto alle elezioni Regionali, intervenendo alla trasmissione ’Non è un Paese per Giovani’ di Radio2.

“Non c’è stata una gara pubblica – aggiunge Meloni – ma il problema è che i dati sulle condizioni sanitarie e gli spostamenti delle persone è il business più appetibile del mondo, per le case farmaceutiche. Senza una legge e delle garanzie costituzionali non si poteva fare, secondo me”, conclude.

Salvini: “Migranti positivi e il governo pensa alla mia mascherina”

“Mentre il governo pensa di smontare i Decreti sicurezza e spalanca i porti, le ong portano in Italia immigrati positivi al Covid-19, come quello sbarcato dalla Sea Watch e ora ricoverato in Malattie infettive, e ci sono altri casi sospetti. Altro che scandalizzarsi per qualche selfie con la mascherina: questo governo mette in pericolo l’Italia e gli italiani”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini commentando le ultime notizie sugli immigrati sbarcati in Sicilia.

M5S, Drago: “Io via dal gruppo del Senato? Forse i vertici mi vogliono fuori…”possibile approdo alla Lega

(Antonio Atte)- “Io via dal Movimento? Sempre la stessa domanda…”, si schermisce la senatrice grillina Tiziana Drago, interpellata dall’Adnkronos. Le indiscrezioni secondo cui la parlamentare sarebbe pronta ad abbandonare il gruppo pentastellato a Palazzo Madama (con un possibile approdo alla Lega di Matteo Salvini) si rincorrono da tempo. “Che tristezza! Non siamo abituati al confronto e alla diversità!”, commenta la senatrice, che però certifica come il suo rapporto con i vertici grillini non sia dei più idillici: “Forse è il Movimento che mi vorrebbe fuori. Occorrerebbe chiedere a qualcuno dei vertici…”. A cosa si riferisce? “Solo sensazioni”, taglia corto Drago.

Dopo il passaggio della senatrice Alessandra Riccardi alla Lega i numeri della maggioranza si sono ulteriormente assottigliati. Nuovi addii nelle file pentastellate sono nell’aria e per i giallorossi a Palazzo Madama l’incubo numeri diventa sempre più concreto.

Autore:

Data:

25 Giugno 2020