Traduci

Beyond Performance at Palazzo Strozzi

cms_12623/1.jpeg

Produced and organised by Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione CR Firenze and the Osservatorio per le Arti Contemporanee From 12 April to 14 July 2019 Palazzo Strozzi, Florence will host Beyond Performance, a special project produced and organised by the Fondazione Palazzo Strozzi, the Fondazione CR Firenze and the Osservatorio per le Arti Contemporane.

cms_12623/2.jpeg

Curated by Alberto Salvadori, Beyond Performance will feature site‐specific work by artists Cally Spooner, Mario García Torres (in the Strozzina undercroft from 12 April to 12 May 2019) and by the Opavivará! collective (in the courtyard of Palazzo Strozzi from 16 May to 14 July 2019). The project explores three different approaches to performance art today by experimenting with different media, and contexts and involving the audience in a debate on public participation with performance‐based works.

cms_12623/3.jpeg

Celebrated for her ability to combine space, performance and writing, Cally Spooner (United Kingdom, 1983) presents And You Were Wonderful, On Stage, a video installation based on a musical of the same name produced in 2013 and proposed by the artist as a live performance in numerous international exhibition venues and museums. Adopting a meta‐narrative approach, the work shows the construction of a film based on the musical across five large screens. Music plays while there’s live filming capturing actors and performers moving seamlessly between the stage and the backstage.

cms_12623/4.jpeg

A female chorus is the protagonist of the film as they transform into song the notes of a meeting in an advertising agency discussing how to turn personal facts into potential advertisements for the firm. Citing pop culture icons such as Beyoncé and Justin Bieber or politicians such as Michael Gove and Jon Favreau, the text and the installation are transformed into an ironic reflection on how media and technologies can conceal, manipulate or transform reality.

cms_12623/9.jpeg

Mario García Torres (Mexico, 1975) proposes Falling Together in Time, a framework in which video, painting, music, sculpture and performance come together to create a series of connections, displacing the gallery to the concert arena. The title is taken from one of the videos in the show: starting in Los Angeles in the early 1980s, the video recounts events and stories from popular and musical culture that are connected through a series of random connections through time, place, and pop culture.

cms_12623/5.jpeg

This project includes a sound installation entitled This Sound Makes Me Think Something Great Is About to Happenand a series of five black monochrome paintings, each one of which is provided with an LED light on canvas, wired to an electronic device that reproduces five different songsthat pulse to the beat of several songs in the video, including: Holiday di Madonna, Instant Crush dei Daft Punk, Gentlemen Take Polaroids di Japan, 1984 di Van Halen, Physical di Olivia Newton‐John. The Opavivará! collective (Brasil 2005) brings the project to a close by turning the courtyard of Palazzo Strozzi into an area for the public to interact with the installation, Rede Social. A large and extremely colourful hammock measuring over 10 metres, Rede Social, encourages the public to climb into it to experience the space and architecture of the Palazzo from a new and unusual perspective.

cms_12623/6.jpeg

The artwork has been designed specifically for the Courtyard of Palazzo Strozzi, an enclosed space in the heart of the Palazzo that is also open to the city. Inspired by Brazilian culture, open, free and deeply collective, Rede Social(Social Network, a title that plays on the double meaning of ‘social’ and ‘network’) consists of a structure akin leading to an open tunnel supporting a coloured hammock with twelve interlinked stations. By climbing into the structure, the public are encouraged to abandon their daily lives and routine, to relax and see the world afresh.

cms_12623/7.jpeg

“Alongside our major exhibition on Verrocchio, Master of Leonardo, we are eager to underscore the fact that contemporary art continues to form an integral part of Palazzo Strozzi’s identity: a stimulus for causing the past and the present to interact” – said Fondazione Palazzo Strozzi Director General Arturo Galansino– “Following the success of the Radical Utopias exhibition in 2017, this new project based on collaboration between the Fondazione Palazzo Strozzi, the Fondazione CR Firenze and its Osservatorio per le Arti Contemporanee confirms the two foundations’ commitment to production and research in the field of contemporary art, fostering a renewed reflection on the Strozzina and Courtyard of Palazzo Strozzi as vibrant, dynamic spaces in which to stimulate active enjoyment and public participation”.

“For some time now” – Director General Gabriele Gori pointed out – “the Fondazione CR Firenze has been involved, via its Osservatorio per le Arti Contemporanee, in sponsoring projects, events and proposals in the research and dissemination of contemporary art, an involvement that is part and parcel of a broader reflection on the multiple faces of Florence, which stretch well beyond its traditional Renaissance aspect. In supporting this project with its three site‐specific artworks, we aim to contribute once again to demonstrating that, today as in the past, our city can continue to be a fertile hub of creativity and of international art production”.

cms_12623/8.jpeg

Beyond Performance is a project produced and organised by the Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione CR Firenze and its Osservatorio per le Arti Contemporanee. The Fondazione Palazzo Strozzi’s institutional supporters are the Comune di Firenze, the Regione Toscana and the Camera di Commercio di Firenze. Our gratitude for their cooperation goes to the Galleria Franco Noero, Turin; the Galleria Zero…, Milan.

cms_12623/italfahne.jpgBeyond Performance

Progetto speciale con gli artisti contemporanei Cally Spooner, Mario Garcia Torres e Opavivarà!

Dal 12 aprile al 14 luglio 2019 Palazzo Strozzi a Firenze presenta Beyond Performance uno speciale progetto prodotto e organizzato da Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione CR Firenze e Osservatorio per le Arti Contemporanee e a cura di Alberto Salvadori, con interventi site specific degli artisti Cally Spooner e Mario García Torres (dal 12 aprile al 12 maggio 2019 negli spazi della Strozzina) e del collettivo Opavivarà! (dal 16 maggio al 14 luglio 2019 nel cortile di Palazzo Strozzi).

Il progetto propone tre distinte modalità di rielaborare l’idea di performance nella produzione artistica di oggi, esaltando il suo essere forma espressiva interdisciplinare attraverso la sperimentazione con media e contesti diversi e il coinvolgimento del pubblico in una riflessione sul rapporto tra realtà e finzione e sul concetto di partecipazione. Celebre per la sua capacità di combinare spazio, performance e scrittura, Cally Spooner (Regno Unito, 1983) presenta And You Were Wonderful, On Stage (“Ed eri meraviglioso, sul palcoscenico”), installazione video che nasce da un’omonima opera musicale del 2013 proposta dall’artista come performance dal vivo in numerosi musei e spazi espostivi internazionali. Con un approccio meta‐narrativo l’opera mostra la costruzione di un film tratto dal musical, in un’immersione emotiva e concettuale per il pubblico che si ritrova al centro di cinque grandi proiezioni.

La musica scorre su immagini girate in presa diretta, in cui si susseguono varie azioni di attori e performer colti in un continuo avvicendamento tra palco e backstage, creando una forte tensione per i visitatori costantemente posti dentro e fuori lo spettacolo. Protagonista è un coro femminile che trasforma in canto gli appunti di una riunione di una agenzia pubblicitaria in cui si discute di come trasformare fatti personali in potenziali spot dell’azienda. Citando anche figure della cultura pop come Beyoncé e Justin Bieber o politici come Michael Gove e Jon Favreau, il testo e l’installazione diventano una ironica riflessione su come l’utilizzo di media, tecnologie o mezzi di informazione possono nascondere, manipolare o trasformare la realtà.

Mario García Torres (Messico, 1975) propone Falling Together in Time (“Ritrovarsi nel tempo”), un’installazione in cui video, pittura, musica, scultura e performance interagiscono al fine di creare una serie di rimandi e connessioni trasfigurando lo spazio espositivo in un’ambientazione ispirata a un’ arena per concerti. Il titolo è ripreso da uno dei video presentati in mostra: partendo dalla Los Angeles dei primi anni Ottanta sono raccontati fatti di cronaca e storie della cultura popolare e musicale che si intrecciano e si collegano tra loro attraverso una serie di connessioni casuali tra tempo, spazio e cultura pop.

A questo video si affianca l’installazione sonora This Sound Makes Me Think Something Great Is About to Happen (“Questo suono mi fa pensare che qualcosa di importante sta per accadere”) e una serie di cinque dipinti monocromi neri, ognuno dotato di una luce led sulla tela, collegata a un dispositivo elettronico che riproduce sotto forma di impulsi luminosi il ritmo di diverse canzoni presenti nel video, tra cui (Madonna, Holiday; Daft Punk, Instant Crush; Japan, Gentlemen Take Polaroids; Van Halen, 1984; Olivia Newton‐John, Physical).

Come ideale conclusione del progetto, il collettivo Opavivarà! (Brasile 2005) trasforma il cortile di Palazzo Strozzi in un grande spazio di partecipazione e coinvolgimento attraverso l’installazione Rede Social, una grande e coloratissima amaca di oltre 10 metri in cui il pubblico sarà invitato a salire per vivere lo spazio e l’architettura del palazzo da un punto di vista e da una posizione inconsueta. L’opera è stata pensata e disegnata appositamente per il Cortile di Palazzo Strozzi, luogo racchiuso nel cuore del Palazzo ma nel contempo aperto alla città.

Ispirato dalla cultura brasiliana, aperta, libera e fortemente collettiva, Rede Social (in inglese Social Network, ma anche con un doppio senso delle parole “rete” e “sociale”) consiste in una struttura simile ad un tunnel aperto, che sostiene una unica amaca colorata con 12 postazioni collegate insieme che permetterà al pubblico di abbandonare temporaneamente il ruolo sociale che ognuno ha nella vita di tutti i giorni, rilassandosi e prendendosi una pausa dal mondo esterno al fine di concentrarsi sulle cose più essenziali della vita e sulle relazioni umane.

“Anche nel periodo in cui protagonista è la grande mostra Verrocchio, il maestro di Leonardo, abbiamo voluto sottolineare come l’arte contemporanea rimanga parte integrante dell’identità di Palazzo Strozzi: uno stimolo per mettere in dialogo passato e presente” ‐ afferma Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi – “Dopo il successo della mostra Utopie Radicali nel 2017, questo nuovo progetto di collaborazione tra Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione CR Firenze e Osservatorio per le Arti Contemporanee conferma l’impegno alla produzione e alla ricerca nell’arte contemporanea delle due fondazioni, permettendo una rinnovata riflessione sullo spazio della Strozzina e del cortile di Palazzo Strozzi come luoghi vivi e dinamici, in cui sollecitare una fruizione attiva da parte del pubblico”.

“Da tempo Fondazione CR Firenze” – dichiara il Direttore generale Gabriele Gori – “ è impegnata, attraverso il suo Osservatorio per le Arti Contemporanee, nel sostegno di progetti, iniziative e proposte nella ricerca e divulgazione dell’arte contemporanea, impegno che si inserisce in una riflessione più ampia sulle molteplici ‘facce’ di Firenze che vanno ben oltre quella tradizionale legata al Rinascimento.

Sostenendo questo progetto con i suoi tre interventi site specific vogliamo contribuire ancora una volta a dimostrare che ancora oggi, come in passato, la nostra Città può continuare ad essere un fertile centro di creatività e di produzione artistica internazionale”. Beyond Performance è un progetto prodotto e organizzato da Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione CR Firenze e Osservatorio per le Arti Contemporanee. Sostenitori istituzionali della Fondazione Palazzo Strozzi: Comune di Firenze, Regione Toscana Camera di Commercio di Firenze. Si ringraziano per la collaborazione: Galleria Franco Noero, Torino; Galleria Zero…, Milano.

Autore:

Data:

27 Aprile 2019