Headlines

Traduci

DRAGHI, IL CANDIDATO DI TUTTI CHE NON VUOLE FARSI CANDIDARE

(AdnKronos-Fabio Insenga) La presidenza del Consiglio Ue, dopo quella della Commissione. L’ipotesi di una candidatura per Mario Draghi questa volta viene rilanciata dal Financial Times, come opportunità offerta dal passo indietro di Charles Michel, dopo la scelta di candidarsi alle elezioni europee. Che il nome di Draghi circoli, e anche con una certa insistenza, ogni volta che si pensi a una scelta ’di peso’ per un ruolo chiave in Europa è fisiologico, per autorevolezza, competenza e storia.

E’ l’uomo che più di tutti è stato capace di incidere sulla storia recente del Continente, difendendo e salvando l’Euro dalla più violenta crisi finanziaria che abbia mai dovuto affrontare. L’ha fatto da Presidente della Bce, con una interpretazione molto politica di un ruolo tecnico. Da Presidente del Consiglio, in Italia, è stato chiamato a tirare fuori il Paese da un’altra crisi, tutta politica, dopo l’implosione della maggioranza che sosteneva il secondo governo guidato da Giuseppe Conte. Si sarebbe poi volentieri spostato al Colle, da Presidente della Repubblica, prima che l’impasse in Parlamento non si risolvesse con un plebiscito per il secondo mandato di Sergio Mattarella.

Nel percorso di Draghi c’è una linea di coerenza che ne ha sempre ispirato il comportamento: non fa politica e non si fa candidare dalla politica, o almeno non lavora per farsi candidare dalla politica. E’ la colpa, peraltro, che gli attribuisce chi sostiene che abbia giocato male le sue carte proprio nella corsa al Quirinale. Ha ritenuto possibile, sbagliando valutazione, che intorno al lui si coagulasse il consenso necessario per essere eletto ma ha fatto poco, o nulla, perché questo avvenisse.

Nell’ultimo anno la postura è stata la stessa. Con una formula che ricorre anche nelle ricostruzioni di parte, quelle che la stampa attribuisce a fonti a lui vicine: non è interessato ad assumere posizioni di vertice in Europa e, comunque, non sta in nessun modo favorendo o stimolando soluzioni del genere. Draghi ha le idee chiare rispetto a quello che l’Europa dovrebbe e potrebbe essere e quando ne ha l’opportunità lo dice con sufficiente chiarezza: “il modello di crescita europeo si è sostanzialmente dissolto, occorre inventarsi un modo diverso per crescere e per farlo l’Europa deve farsi Stato”. Le parole utilizzate durante la presentazione del libro di Aldo Cazzullo ’Quando eravamo padroni del mondo’ sono un programma ambizioso, che esprime insieme tutta la preoccupazione e l’interesse di Draghi per la sorte dell’Europa. Non solo. L’ex Presidente della Bce sta anche lavorando, nel quadro dell’incarico ricevuto dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen per il Rapporto sulla competività, proprio per indicare la strada per fare passi avanti nella direzione indicata, come dimostra l’incontro in programma mercoledì a Milano con le aziende dell’European round table (Ert) for Industry.

Arriveranno, nei prossimi mesi, nuove indiscrezioni e nuove potenziali candidature per Draghi ma la sua posizione resterà la stessa, quella di un candidato ’naturale’ che non vuole farsi candidare. Altra cosa potrebbe essere valutare una ’investitura’ a valle di un percorso che la politica dovrebbe fare in autonomia. Difficile che ci si arrivi, considerando gli interessi in gioco e l’incrocio delle legittime aspirazioni delle famiglie politiche europee e dei partiti nazionali.

Data:

10 Gennaio 2024