Traduci

DRAGHI:"IL VACCINO NON E’ UN ARBITRIO"

cms_22605/conf2.jpgUna ventata di concreto ottimismo. A trasmetterlo, il presidente del Consiglio, Mario Draghi in conferenza stampa, ieri, dopo il Consiglio dei Ministri.. La campagna vaccinale ha raggiunto numeri che colmano di speranza tutti gli italiani . L’obiettivo è riprendere al più presto una vita normale. Il Green Pass è gettonatissimo (oltre 40 milioni di italiani lo hanno richiesto) e l’economia finalmente riprende quota. Nella sala polifunzionale del Governo, presenti anche i ministri della Giustizia Cantarbia, e della Salute, Speranza.

“Iniziamo con una constatazione – puntualizza orgoglioso il Presidente del Consiglio – l’economia italiana va bene, si sta riprendendo, e l’Italia cresce ad un ritmo anche superiore a quello di altri Paesi europei. Ho detto tante volte che per l’Italia questo è momento favorevole”. Se va meglio, “ il merito è della campagna vaccinale: prendere coscienza dei miglioramenti che ha apportato, serve anche a rassicurare, a tranquillizzare”.

cms_22605/draghi1.jpgE snocciola i dati: “circa due terzi degli italiani con più di 12 anni ha ricevuto almeno una dose di vaccino; oltre la metà degli italiani ha completato il ciclo vaccinale. L’obiettivo di somministrare almeno 60 milioni di dosi di vaccino entro il 20 luglio è stato superato; ad oggi abbiamo inoculato circa 105 dosi ogni 100 abitanti come la Germania, più di Francia e Stati Uniti”. Completamente vaccinati il 90% degli ultraottantenni e circa l’80% dei nostri settantenni. Il tasso di ospedalizzazione, in forte decrescita: “oggi (ieri,ndr) ricoverate circa 1300 persone versus le oltre 30.000 di 4 mesi fa, mentre in terapia intensiva 160 persone a fronte di 3.500 a fine marzo.”.

Rimarca che “la produzione industriale è cresciuta del 1,2% rispetto ai tre mesi precedenti; l’occupazione è in aumento; la quota di lavoratori inattivi è in calo e con la stagione estiva ci aspettiamo un’ulteriore ripresa delle attività nel settore dei servizi.”. E sul Green Pass, Draghi taglia corto: “Che sia chiaro: il Green Pass non è un arbitrio, è una condizione per tenere aperte le attività economiche”.

cms_22605/speranza.jpgTre sono i punti essenziali del decreto. Lo dice il ministro Speranza: “Primo punto: lo stato di emergenza sarà esteso fino al 31 dicembre di quest’anno. Secondo: un cambio dei parametri che consentono il cambio di colore alle Regioni Fino a pochi mesi fa, il parametro prevalente era l’RT, ultimamente il parametro decisivo è stato riconosciuto nel numero dei casi ogni 100.000 abitanti alla settimana . Ora ecco la modifica: si considererà come parametro prevalente per il cambio di zona il tasso di ospedalizzazione. Per esempio, una Regione che oggi è in zona bianca – in questo momento tutte le Regioni italiane sono in zona bianca – passerà in zona gialla soltanto quando il tasso delle terapie intensive supererà il 10% e contemporaneamente il tasso di occupazione dell’area medica supererà il 15%. Le stesse Regioni potranno passare invece in arancione quando il tasso delle terapie intensive supererà il 20% e contemporaneamente quello dell’area medica supererà il 30%. Si andrà invece in area rossa quando il tasso di occupazione delle terapie intensive supererà il 30% e quello dell’area medica il 40%”.

Perché è avvenuta questa modifica? “Oggi il nostro Paese, a differenza di pochi mesi fa, ha somministrato oltre 63 milioni di dosi. L’aspettativa quindi – aggiunge Speranza – è che ci possa essere anche una maggiore circolazione virale senza una ricaduta sulle ospedalizzazioni forte come c’è stato nella fase precedente. Quindi è giusto che in questa fase il driver fondamentale per il cambio di zona sia esattamente costituito dalle ospedalizzazioni”.
“Terzo: l’estensione del Green Pass. In poche settimane , oltre 40 milioni il numero di “certificazioni verdi” scaricate dagli italiani. Questo è il dato di questa mattina (ieri, ndr) alle sette: 40.067.000. È un numero altamente significativo, importante. Con questo decreto estendiamo in maniera piuttosto significativa l’utilizzo di questo strumento ad altre attività e ad altri servizi. Tra questi: i servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo al chiuso; gli spettacoli aperti al pubblico, gli eventi e le competizioni sportive; i musei e gli altri istituti e luoghi della cultura; le piscine, le palestre e i centri benessere; le fiere e le sagre, i convegni, i congressi; i centri termali, i parchi tematici e di divertimento; i centri culturali, i centri sociali e ricreativi; le attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo, casinò; e, ancora, le procedure concorsuali.”.

Il Governo vuole diffondere un messaggio sempre “più fermo e più convinto,” vaccinarsi è l’unica via d’uscita per allontanare definitivamente il periodo difficile che abbiamo affrontato.

cms_22605/cantarbia.jpgMinistro Cartarbia sula riforma del processo penale: “il problema della durata dei processi è un problema grave in Italia e non solo perché nelle condizioni del PNRR c’è stato richiesto di ridurre del 25% i processi penali, ma per ragioni legate innanzitutto a esigenze dei cittadini. La ragionevole durata del processo evita la prescrizione, la ragionevole durata del processo è una garanzia dei diritti voluta dalla Costituzione. Il Consiglio dei Ministri precedente ha trovato un punto di condivisione nel dibattito che ne è seguito, si è aperta qualche preoccupazione su un punto specifico: data la criticità di alcune Corti di Appello, perché il problema riguarda alcune zone d’Italia, evitare che l’impatto di una novità come quella introdotta – soprattutto la improcedibilità dopo un certo periodo di tempo, che è variabile a seconda della gravità delle situazioni – non provocasse una interruzione di procedimenti importanti. Questa è una preoccupazione molto seria che anche il Governo ha avuto sin dall’inizio ed è il terreno sul quale si stanno valutando proprio questi accorgimenti tecnici”.

cms_22605/conf_stampa_1.jpgUn collega solleva la questione delle sacche di impunità e Draghi evidenzia: “Nessuno vuole sacche di impunità, intendiamoci, nessuno vuole stabilire soglie di impunità, va bene? Quindi processo rapido e tutti i colpevoli puniti. Nessuno è a favore dell’uso della dilazione dei tempi, di quelle prescrizioni che c’erano anni fa.

No, non è questo l’intento di questo Governo. Giusto per mettere in chiaro da quale parte stiamo.”

Cantarbia rincara: “ Questa riforma non è la riforma della prescrizione, bensì è una riforma complessiva del sistema giustizia che mira ad abbreviare i processi anche per evitare le zone di impunità perché i processi lunghi – con percentuali molto alte – portano alla prescrizione di processi anche nelle fasi iniziali. Questo vogliamo evitarlo, e per tale ragione, il governo ha messo in campo risorse umane con il grande reclutamento previsto al PNRR, digitalizzazione, riforma organizzativa e riforma processuale che prende tutto il processo dall’inizio delle indagini preliminari fino alla fine. Dove c’è una difficoltà – e sono sette le Corti d’Appello, le stiamo visitando una ad una – interveniamo con strumenti ad hoc, con strumenti per fare in modo che nessuno possa essere in condizione di dire non ce la faccio a chiudere un processo in due anni o in tre anni a seconda della gravità del fatto”.
Draghi tira le orecchie a Salvini, le cui parole (“vacciniamo e mettiamo in sicurezza chi ha dai 60 in su, dai 40 ai 59 scelgano, per i giovani non serve”) sono state riprese da un collega in conferenza . “L’appello a non vaccinarsi – spiega Draghi – è un appello a morire – non ti vaccini? ti ammali, muori – oppure fai morire, contagiandolo –“

Cantarbia risponde ad una domanda sulla riforma del processo: “C’è una percentuale importante – a mia conoscenza il 37% – delle prescrizioni che sono in fase di indagini preliminari e altrettante prima della fine del primo grado, Lo Stato sta investendo proprio per evitare che le lungaggini producano anche queste prescrizioni. Poco tempo fa, a marzo, siamo stati condannati dalla Corte europea perché un processo si era prescritto addirittura nelle fasi delle indagini preliminari. Quindi ben vengano innanzitutto gli investimenti in organizzazione, risorse, digitalizzazione; secondo, la riforma prende per mano ogni singolo segmento del processo. Sulla fase delle indagini preliminari, ad esempio, si sono rivisti i termini della durata massima delle indagini preliminari; si è dato un potere al Giudice delle indagini preliminari di sollecitare il Pubblico Ministero se non ha finito (scaduto il termine si devi decidere: o archivi o rinvii a giudizio); si è dato un potere anche alle parti, all’indagato ma anche alle vittime, di chiedere la cosiddetta “discovery” proprio per incentivare una conclusione di questa fase che in molti casi dura troppo a lungo e tiene, tra l’altro, gli imputati in uno stato di grande incertezza”.

Ma il green pass – chiede una giornalista russa – per i vaccinati con Sputnik, quando verrà riconosciuto? “Il Green Pass – replica Speranza – è un’iniziativa di tipo europeo e il vincolo che abbiamo è di riconoscere i vaccini che sono stati approvati da Ema. Quindi in questo momento non siamo ancora nelle condizioni di poter utilizzare il Green Pass per il vaccino russo, proprio perché non è stato ancora approvato da Ema. Dalla Russia si può, comunque, già arrivare facendo la quarantena”.

Data:

23 Luglio 2021