Traduci

E’ il giorno dell’eclissi

Appuntamento stanotte con l’eclissi totale di Luna più lunga del secolo. Ma non solo. Il nostro satellite si tingerà di rosso sangue, mentreMarte sarà all’opposizione e in congiunzione con la Luna eclissata. Un doppio spettacolo visibile a occhio nudo in Italia e nel resto d’Europa ma anche in Asia, Australia, Antartide, Africa, Medio Oriente, nell’Oceano Pacifico Atlantico e in America del Sud. Ma a che ora bisognerà osservare il cielo?

cms_9812/eclissi-lunare-totale-1-640x464.jpg

La Luna sorgerà pochi minuti prima delle 21, ora locale italiana, verso sud est. La fase di totalità si verificherà tra le 21 e 30 e le 23 e 13, mentre il massimo dell’eclissi, ovvero il maggiore oscuramento della Luna, è previsto alle 22 e 22. “La Luna – spiega Marco Galliani dell’Inaf – dopo l’uscita dalla totalità, attraverserà il cono di penombra per emergerne definitivamente e segnare così la fine dell’eclissi all’1 e 30 della mattina del 28 luglio”. E’ un “appuntamento imperdibile con una eclissi totale di Luna davvero super – aggiunge il ricercatore – la sua fase di totalità sarà infatti la più lunga tra tutte le eclissi di luna che si verificheranno in questo secolo, durando ben un’ora e 43 minuti”.

cms_9812/Sistema-Solare-pianeti.jpg

Ma oltre all’eclissi di Luna si avrà una vera e propria ’Notte dei pianeti’. Questa sera infatti, segnala l’Uai (Unione Astrofili Italiani), la Luna in eclissi si troverà in congiunzione con il pianeta Marte all’opposizione. I due astri sono nella costellazione del Capricorno, spiegano gli astrofili, vicino al limite con il Sagittario, che sottolinea come “nel corso della sera potremo osservare ben 4 pianeti ad occhio nudo: Venere, Giove, Saturno e, naturalmente, Marte”.

(fonte AdnKronos)

Autore:

Data:

27 Luglio 2018