Traduci

ELEZIONI USA 2024: VIA LIBERA DA CORTE SUPREMA OREGON – Trump tira dritto: “Ho scelto il vice”

Corte Suprema Oregon sancisce eleggibilità Trump

cms_33134/a.jpeg

La Corte Suprema dell’Oregon ha sancito l’eleggibilità di Donald Trump, non accogliendo il ricorso dei gruppi che chiedono che l’ex presidente venga rimosso dalle schede elettorali per il suo ruolo nell’assalto al Congresso che violerebbe la sezione 3 del 14esimo emendamento della Costituzione, che vieta a chi ha partecipato a un’insurrezione di candidarsi.

Presentato in diversi stati, il ricorso contro l’eleggibilità di Trump è stato respinto nella maggioranza dei casi, ma è stato invece accolto dalla Corte Suprema del Colorado che ha ordinato di eliminare l’ex presidente dalle scheda delle primarie repubblicane che si svolgeranno nello stato il 5 marzo.

La decisione però ora è sospesa in attesa del pronunciamento della Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha accettato il valutare il ricorso contro la decisione dei sommi giudici del Colorado. Anche le autorità elettorali del Maine hanno accolto gli argomenti del gruppo liberal Free Speech for the People ed hanno eliminato Trump dalle primarie.

***** ***** ***** ***** *****

Trump tira dritto: “Ho scelto il vice”

cms_33134/b.jpeg

E’ stato un duello senza esclusione di colpi, quello che tra Ron DeSantis e Nikki Haley, che si sono ritrovati soli sul palco dell’ultimo dibattito per le primarie repubblicane, scontrandosi per ottenere il riconoscimento di essere l’alternativa a Donald Trump nelle elezioni presidenziali Usa 2024. Trump non solo ha disertato anche quest’ennesimo dibattito, che si è svolto a Des Moines, ma in contemporanea ha partecipato ad un incontro con gli elettori su Fox News, sempre in Iowa dove lunedì prossimo ci saranno i caucus.

Con un enorme vantaggio nei sondaggi, Trump ha dato per scontata la sua nomination ed ha parlato della scelta del suo vice. “Non posso ancora dirvelo, ma so già chi sarà”, ha detto l’ex presidente che poi a chi gli chiedeva se avesse preso in considerazione qualcuno dei candidati delle primarie che si sono ritirati ha risposto: “Christie ora già mi piace molto di più”, riferendosi al fatto che poche ore prima l’ex governatore del New Jersey, acceso critico dell’ex presidente, si è ritirato dalla corsa per la Casa Bianca.

Intanto, sul palco del dibattito, trasmesso dalla Cnn, il governatore della Florida e l’ex ambasciatrice all’Onu si sono attaccati su tutti i fronti, con DeSantis che ha accusato Haley, parlando del sostegno dell’Ucraina, di essere “una globalista che crede che abbiamo risorse illimitate”.

La repubblicana – che in questi ultimi mesi è in ascesa nei sondaggi, mentre DeSantis dopo le grandi aspettative della scorsa estate sembra perdere terreno – ha detto che il suo avversario “ha sperperato 150 milioni per la sua campagna, e non ha niente in mano”. “Ha speso più soldi per aerei privati che per spot elettorali per convincere gli elettori dell’Iowa a votarlo, se non sa gestire un campagna, come potrà gestire il Paese?”, ha poi aggiunto.

Se non hanno risparmiato colpi reciproci, i due invece sono stati molto cauti nel non attaccare in modo frontale il super favorito Trump, per non inimicarsi l’ampia base elettorale che lo sostiene. Entrambi infatti hanno evitato di rispondere quando è stato chiesto loro se credono che Trump “abbia le qualità per essere di nuovo presidente”.

“Sono d’accordo con molte sue politiche, ma il suo modo di procedere non è il mio, io non cerco vendette, non prendo le cose in modo personale”, ha risposto Haley, che è stata ambasciatrice all’Onu di Trump. Ancora più vago DeSantis che è partito con i complimenti all’ex presidente, per poi passare a parlare delle “differenze tra me e Nikki Haley”, descritta come una liberal.

Entrambi, però, in varie occasioni hanno lamentato il fatto che Trump abbia scelto di disertare i dibattiti. “Avrei voluto che Donald Trump fosse su questo palco, è lui che sto sfidando”, ha detto Haley. “Trump dovrebbe essere su questo palco, lo deve a voi, agli elettori dell’Iowa – le ha fatto eco DeSantis – deve spiegare perché non ha costruito il Muro ed ha aggiunto 7,8 trilioni al debito pubblico”.

Data:

14 Gennaio 2024