Traduci

ENNIO MORRICONE

Non immaginavo, allora, il valore che avrebbe avuto in futuro l’esperienza che vi racconto oggi.

cms_25452/4.jpg

Ennio Morricone era già un richiestissimo autore di colonne sonore, ma non era ancora definita quell’aurea mitologica che gli attribuirono in seguito.

Avevo il suo numero e gli telefonai per conto del mio amico Alessandro Dotti, che voleva fargli un servizio fotografico per un magazine.

Contrariamente al rifiuto a cui un suo amico mi aveva preparato, accettò e ci demmo appuntamento a casa sua, di fronte al Campidoglio.

Ci presentammo puntuali nel giorno stabilito e, mentre Alessandro montava il set, mi intrattenni a parlare con lui.

Chiesi infatti se potevo fargli delle domande per redigere un pezzo a corredo del servizio.

Ma tutto in maniera informale, come intuii che gradisse.

Eravamo in un grande salone con pareti in legno intarsiato, qualche specchio e delle scaffalature pertinenti.

Non era un gran parlatore, anzi, mi sembrò quasi che fosse timido.

Approfittando della sua gentilezza gli chiesi di poter vedere la stanza in cui nascevano le sue composizioni; mi accontentò portandomi in uno studio dove c’era il suo pianoforte e una montagna di spartiti di una forma che non avevo mai visto.

Fu il momento più prezioso di quel pomeriggio: il pensiero che lì dentro fossero venute all luce le musiche che avevano inondato mezzo mondo, mi fece ammutolire e provare una sensazione di ebbrezza.

Per questa rubrica ogni volta cerco di recuperare e rivivere il tempo di un incontro; in questo caso ricordo solo che ci fu silenzio, che ero fermo ad osservare; praticamente come se fosse tutto sospeso.

Un ambiente pregno di qualcosa di indefinibile, ma comunque di una presenza materiale e spirtuale al contempo.

Aspettò che riprendessi a parlare ma solo per ringraziarlo.

Con rispetto uscii, come sapessi che non potevo abusare di quell’evento.

“Maestro, perché si vuole diventare compositore?”

“Parlo per me. Ero affascinato dai grandi compositori, potevo eseguirli ma era necessario che la mia conoscenza del linguaggio musicale mi permettesse di andare oltre”.

cms_25452/1.jpg

“E il cinema è stato il veicolo?”

“Inizialmente non pensavo al cinema, componevo senza finalità specifiche.

Il mio primo concerto lo composi in 9 mesi.

Ma non guadagnavo e quindi non potevo vivere continuando così.

Cominciai con arrangiamenti di dischi, scrivendo musiche per radio, televisione e teatro.

Quando ci furono abbastanza miei lavori in circolazione, mi chiamò Luciano Salce per la colonna sonora de “Il federale”.

Il cinema è un veicolo, ma qualcosa di atipico, di provvisorio, di condizionato, di finalizzato. certo può capitare che per un film venga fuori una sinfonia ma… la composizione va oltre le finalità. E’ un assoluto.”

cms_25452/2_1648861737.jpg

Ripenso ora a questo concetto: ora che le musiche di Morricone hanno avuto vita propria, non legata alle immagini. I suoi concerti in molti Paesi ne sono la prova.

Ricordo solo alcuni punti della conversazione; per me non fu facile perché mi guardava negli occhi in un modo che senbrava penetrasse in profondità, come se mi avvisasse di non fare domande stupide o come se mi studiasse per trarne qualche spunto per non so cosa.

“Ma nel caso del cinema, la composizione è per lo più viziata dalle varie esigenze e quindi è possibile che delle musiche le siano state più gradite di altre? che alcuni prodotti li consideri non completamente di suo gusto?”

“Scrivere per un film è il lavoro più difficile per un musicista. Bisogna coniugare tanti elementi e trovare un equilibrio tra la semplicità e la ricercatezza e c’è un pubblico variegato da raggiungere.

Mi creda, è una gran fatica, bisogna saper fare di tutto con le note per arrivare al riultato più adeguato”

cms_25452/3.jpg

A distanza di anni Le dico, maestro, che Lei è riuscito in maniera sublime ad amalgamare nelle sue composizioni gli elementi più preziosi.

Quando ascolto le Sue opere provo amche l’orgoglio per il privilegio di avermi accolto, dedicato del tempo e un’altra lezione di vita.

Data:

2 Aprile 2022