Traduci

EUROBASKET: L’ITALIA AI QUARTI CONTRO LA LITUANIA

Dopo aver asfaltato Israele, ai quarti di finale, con il punteggio di 82-52, la nazionale italiana di basket questa sera gioca un match che le consente, oltre al passaggio alle semifinali, di occupare un posto tra le grandi in Europa.

cms_2712/italia-lituania-eurobasket-2015-744x445.jpg

La Lituania, prossima avversaria degli Azzurri, nel precedente turno, ha dovuto soffrire non poco contro una sorprendente Georgia, trascinata fino agli ultimi secondi da Zaza Pachulia, realizzatore di 23 punti. Intanto, notizie positive giungono dallo spogliatoio italiano: Andrea Bargnani ha recuperato dal lieve fastidio al polpaccio, accusato nel match contro gli israeliani. La presenza in campo, del giocatore dei Brooklin Nets verrà decisa poche ore prima dal fischio d’inizio. Fa sperare anche un immediato rientro di Gigi Datome, assente, per infortunio, dopo la partita contro la Turchia. E il neo acquisto del Fenerbache, è tornato a muovere i primi passi negli allenamenti di ieri.

cms_2712/azzurri--473x264.jpg

Quello visto nei giorni scorsi è davvero il risultato di un gruppo compatto che ha creduto fino in fondo nelle capacità dei compagni di squadra più blasonati come Bargnani, Belinelli, e Gallinari, che stanno dimostrando di mettersi a completa disposizione del coach, giocando con umiltà e dimenticando d’essere delle stelle dell’NBA. A conferma di ciò, arriva la dichiarazione di Danilo Gallinari: “Dal 20 Luglio scorso, un pensierino a dove potremmo arrivare lo stiamo facendo tutti. Fino in fondo, ci mancherebbe”.

cms_2712/lille_interieur_opt.jpg

La partita di stasera non è semplice, l’Italia incontra un’ottima squadra che ha fatto molto bene durante la fase a gironi, terminando al primo posto davanti all’altra squadra baltica del torneo: la Lettonia. E Gallinari, a riguardo dei lituani, aggiunge: “Squadra tosta, esperta, con tanti centimetri e pure qualche chiletto più di noi. Hanno ottimi giocatori, anche se contano diverse assenze. Ma noi abbiamo buone chances, se stiamo nel piano partita come con Israele e puntiamo per 40 minuti sui nostri concetti offensivi”. Invece, per quanto riguarda Andrea Bargnani, ha detto: “Parlare serve a poco, ma giorno dopo giorno vediamo che migliora e speriamo di averlo. Difficile dirlo ora, aspettiamo, detto pure che, a guarire dai propri malanni, ognuno di noi è diverso”. E tutti noi confidiamo in una pronta ripresa dell’atleta romano, nella speranza di vederlo in azione sul campo, anche se per pochi minuti, incantando gli avversari con le sue “magie” (ndr, È un nomignolo che gli è stato dato molti anni fa da Riccardo Pittis – ex cestista, commentatore televisivo per Sky Sport e dal marzo 2010 Team manager della Nazionale italiana di pallacanestro – quando giocava nelle giovanili, senza una ragione precisa).

cms_2712/aaaapiani.jpg

Fino ad oggi, tranne contro la Serbia, l’Europeo degli azzurri è stato in crescita, partita dopo partita. A dimostrazione della forte volontà di tornare ai vertici della pallacanestro europea, riportando a casa un trofeo che ci manca da quasi sedici anni.

Data:

15 Settembre 2015