Traduci

European Parliament votes for EU-wide arms export embargo against Saudi Arabia

Saudi Arabia has been accused of bombing civilians with European-made equipment during in its war in Yemen. The European Parliament has voted in favour of an EU-wide embargo on selling arms to Saudi Arabia.

cms_3501/3.jpg

A resolution calling for a ban on all weapons sales to the country was passed by 359 votes to 212, with 31 MEPs abstaining. The non-binding motion calls on member states to stop selling weapons to the country, which is currently conducting a widely-criticised military operation in neighbouring Yemen marked by high civilian casualties.

Saudi Arabia is intervening in Yemen to fight Houthi rebels, who control the country’s capital but are not internationally recognised as its government. Criticism of the country’s military operation have however included the bombing of multiple hospitals run by the charity Médecins Sans Frontières and the deaths of thousands of civilians, including 130 at a single wedding. While international observers have recognised abuses on all sides, in late December UN human rights chief Zeid Raad al-Hussein said that a “disproportionate” number of attacks of civilians in Yemen had come from the Saudi-led invasion force.

cms_3501/4.jpg

“I have observed with extreme concern the continuation of heavy shelling from the ground and the air in areas with high a concentration of civilians as well as the perpetuation of the destruction of civilian infrastructure – in particular hospitals and schools – by all parties to the conflict, although a disproportionate amount appeared to be the result of airstrikes carried out by Coalition forces,” Mr Zeid said. The UN has also said Saudi Arabia is contributing to a “humanitarian disaster” in Yemen. Figures reported by the Independent in January showed British arms firms cashing in on the conflict, with sales of bombs and missiles to the autocratic regime surging from £9 million to £1 billion in just three months last year.

The Government must approve all arms exports by UK companies abroad. Overall UK licences granted to military equipment to the country are £6.7 billion since David Cameron took office in 2010 and £2.8 billion since the bombing of Yemen began. Recent opinion polling by Opinium found that 62 per cent of UK adults oppose arms sales to Saudi Arabia, with only 16 per cent supporting them. Andrew Smith of Campaign Against Arms Trade said the sale of European weapons to the region was fuelling the war in the region and that EU member states should listen to the European Parliament.

cms_3501/5.jpg

“The European Parliament has sent a clear, strong and much needed message to governments like the UK, that have been complicit in the destruction of Yemen,” he said. “The toxic combination of arms sales and political support has helped to fuel, facilitate and legitimise the humanitarian catastrophe that is taking place.” Alyn Smith, a Scottish National Party MEP involved in the tabling the motion, said Europe had a duty to the civilians of Yemen being killed by Saudi Arabian weaponry. “I have a close association with Saudi Arabia. I grew up there and I am sensitive to the realities of the Saudis and appreciate that the Saudis have concerns in their neighbourhood,” Mr Smith said. “But our duty is to the civilians in Yemen, and given widespread and very valid concerns over the conduct of the war by Saudi forces, our call for an EU-wide arms embargo is proportionate and necessary.”

cms_3501/6.jpg

Mr Smith, who is a lawyer by profession and who sits on the EP’s foreign affairs committee, said he believed EU-made weapons being exported to Saudi Arabia were breaching international law. Earlier this year lawyers from the Leigh Day firm, representing Campaign Against the Arms Trade, took steps towards a legal challenge of the British Government’s arms sales. Richard Howitt, a Labour MEP who is the Socialist group’s foreign affairs spokesperson, said Europe had a legal duty to work towards the end of the crisis in Yemen.

cms_3501/7.jpg

“This is a clear humanitarian appeal to end the bloodshed in Yemen, and call on Saudi Arabia to pursue a political rather than a military solution to the conflict,” he said. “Europe and the world must not ignore the unacceptable death toll in Yemen, and the European Parliament voted today that the allegations of breaches of international humanitarian law by Saudi Arabia in Yemen are now so serious that continuing arms sales would constitute a breach of the EU’s own legally-agreed Code of Conduct.” Parliament’s International Development Committee earlier this month said the UK should suspend all arms sales to Saudi.

cms_3501/8.jpg

David Cameron has defended British support to the operation, arguing that the UK’s relationship with the petro-state was “important for our security”. Foreign Secretary Phillip Hammond said in November that he wanted to sell even more munitions to Saudi Arabia. “We’d always like to do more business, more British exports, more British jobs and in this case very high end engineering jobs protected and created by our diplomacy abroad,” he told the BBC’s Newsnight programme when asked about the issue.

cms_3501/9.jpg

He admitted that the weapons were being used in Yemen but said that Saudis “deny there have been any breaches of international humanitarian law”. A Government spokesperson said of arms exports to Saudi Arabia: “We operate one of the most rigorous and transparent arms export control regimes in the world with each licence application assessed on a case by case basis, taking account of all relevant information, to ensure compliance with our legal obligations. No licence is issued if it does not meet these requirements. “We regularly raise with Saudi Arabian-led coalition and the Houthis, the need to comply with international humanitarian law (IHL) in Yemen. We monitor the situation carefully and have offered the Saudi authorities advice and training in this area.”

cms_3501/italfahne.jpgIl Parlamento europeo vota l’embargo sulle esportazioni di armi contro l’Arabia Saudita.


L’Arabia Saudita è stata accusata di bombardare i civili con armi europee nella guerra contro lo Yemen. Il Parlamento europeo ha votato a favore di un embargo dell’UE sulla vendita di armi all’Arabia Saudita. Una risoluzione che chiede il divieto di vendita di tutte le armi al paese è stata approvata da 359 voti a favore su 212, e 31 deputati che si sono astenuti. La mozione non vincolante invita gli Stati membri a smettere di vendere armi al paese, che sta attualmente conducendo un’operazione militare ampiamente criticata nel vicino Yemen segnata da tante vittime civili. L’Arabia Saudita sta intervenendo in Yemen per combattere i ribelli Houthi, che controllano la capitale del paese, ma non sono riconosciuti a livello internazionale come il suo governo. La critica all’operazione militare del paese ha però incluso il bombardamento di più ospedali gestiti da Medici Senza Frontiere e la morte di migliaia di civili, tra cui 130 in un unico attacco. Mentre gli osservatori internazionali hanno riconosciuto gli abusi su tutti i fronti, verso la fine di dicembre il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Zeid Raad al-Hussein ha detto che un numero “sproporzionato” di attacchi di civili in Yemen era venuto dalla forza d’invasione guidata dai sauditi.

“Ho osservato con estrema preoccupazione la continuazione di pesanti bombardamenti da terra e dall’aria nelle zone ad alta concentrazione di civili, nonché il perpetuarsi della distruzione delle infrastrutture civili – in particolare ospedali e scuole – da tutte le parti del conflitto, anche se una quantità sproporzionata sembrava essere il risultato di attacchi aerei condotti dalle forze della coalizione”, ha detto Zeid.

L’ONU ha anche affermato che l’Arabia Saudita sta contribuendo ad una “catastrofe umanitaria” nello Yemen. I dati riportati dall’Indipendent nel mese di gennaio mostrano come le aziende di armi britanniche incassano sul conflitto, con un fatturato di bombe e missili al regime autocratico in aumento da 9 milioni a 1 miliardo di sterline in soli tre mesi dello scorso anno. Il governo deve approvare tutte le esportazioni di armi da parte di imprese del Regno Unito all’estero. Le licenze del Regno Unito concesse da David Cameron a equipaggiamenti militari nel paese sono di 6,7 miliardi di sterline nel 2010 e 2,8 miliardi di sterline da quando il bombardamento dello Yemen è iniziato. L’opinione data dai recenti sondaggi da Opinium ha trovato che il 62 per cento degli adulti britannici si oppongono alla vendita di armi all’Arabia Saudita, con solo il 16 per cento che li sostengono. Andrew Smith che sostiene la campagna contro il commercio delle armi ha detto che la vendita di armi europee alla regione sta alimentando la guerra nella regione e che gli Stati membri dell’UE dovrebbero ascoltare il Parlamento europeo.

“Il Parlamento europeo ha inviato un chiaro e forte messaggio necessario ai governi come il Regno Unito, che sono stati complici della distruzione nello Yemen”, ha detto. “La combinazione tossica di vendita di armi e di supporto politico ha contribuito ad alimentare, facilitare e legittimare la catastrofe umanitaria che si sta svolgendo.” Alyn Smith, un eurodeputato dello Scottish National Party ha detto che l’Europa ha il dovere di salvaguardare i civili dello Yemen che vengono uccisi dalle armi dell’Arabia Saudita. “Ho uno stretto legame con l’Arabia Saudita. Sono cresciuto lì e sono sensibile alla realtà dei sauditi e nell’apprezzare il fatto che i sauditi si preoccupino dei loro interessi”, ha affermato Smith. “Ma il nostro dovere è quello di salvare i civili nello Yemen, date le preoccupazioni diffuse e molto valide circa la condotta della guerra da parte delle forze saudite, la nostra richiesta di un embargo a livello europeo sulle armi è proporzionato e necessario”. Il deputato Smith, che è un avvocato di professione e siede nella commissione degli affari esteri del Parlamento europeo ha detto di ritenere che le armi UE esportate in Arabia Saudita abbiano provocato la violazione del diritto internazionale.

All’inizio di quest’anno gli avvocati della società di Leigh Day, che rappresenta la campagna contro il commercio delle armi, hanno compiuto importanti passi verso una sfida legale della vendita di armi del governo britannico. Richard Howitt, un eurodeputato laburista, che è il portavoce degli affari esteri del gruppo socialista, ha detto che l’Europa ha il dovere legale di lavorare per la fine della crisi in Yemen. “Questo è un chiaro appello umanitario per porre fine allo spargimento di sangue in Yemen, e invitare l’Arabia Saudita a perseguire una politica piuttosto che una soluzione militare del conflitto”, ha detto. “L’Europa e il mondo non devono ignorare il numero di morti inaccettabile nello Yemen, e il Parlamento europeo ha votato oggi che le accuse di violazioni del diritto internazionale umanitario da parte dell’Arabia Saudita in Yemen sono ormai così gravi che le vendite continue di armi costituirebbero una violazione della UE legale del Codice di comportamento”. La Commissione per lo sviluppo internazionale del Parlamento all’inizio di questo mese ha detto che il Regno Unito dovrebbe sospendere tutte le vendite di armi in Arabia Saudita. David Cameron ha difeso il sostegno britannico all’operazione, sostenendo che il rapporto del Regno Unito con il petro-stato è “importante per la nostra sicurezza”. Il ministro degli esteri Philip Hammond a novembre ha affermato di voler vendere ancora più munizioni in Arabia Saudita. “Abbiamo sempre piacere di fare affari, incrementare le esportazioni britanniche, creare più posti di lavoro britannici e in questo caso i lavori di ingegneria di fascia alta create dalla nostra diplomazia all’estero”, ha detto durante il programma Newsnight della BBC quando gli è stato chiesto in merito alla questione. Ha ammesso che le armi sono state utilizzate nello Yemen, ma ha detto che i sauditi “negano ci siano state eventuali violazioni del diritto umanitario internazionale”. Un portavoce del governo ha detto di esportazioni di armi verso l’Arabia Saudita: “Operiamo in un regime di controllo più rigoroso e le esportazioni di armi sono trasparenti in tutto il mondo con ogni domanda di licenza valutata caso per caso, tenendo conto di tutte le informazioni pertinenti, per assicurare la conformità con i nostri obblighi di legge. Nessuna licenza è rilasciata se non soddisfa questi requisiti. “Siamo in costante contatto con l’Arabia Saudita affinché sia firmato un accordo tra la coalizione saudita e gli Houthi, con la necessità di rispettare il diritto internazionale umanitario (IHL) nello Yemen. Monitoriamo attentamente la situazione e inoltre le autorità saudite si sono rese disponibili a consulenza e formazione in questo ambito”.

(Tradotto dall’articolo European Parliament votes for EU-wide arms export embargo against Saudi Arabia scritto da Jon Stone pubblicato su independent.co.uk giovedì 25 febbraio 2016).

Data:

27 Febbraio 2016