Traduci

EUROPEI DI BASKET: L’ITALIA SUONA LA CARICA!

E’ tutto pronto per l’esordio della nazionale italiana al Campionato Europeo di Basket. Per questa edizione del Torneo, è stata scelta una formula diversa dal solito. Anziché disputare la manifestazione in un solo Paese, ognuno dei quattro gironi gioca in una città europea diversa dall’altra: Berlino, Zagabria, Riga e Montpellier. Alla fine la scelta dell’Ucraina, come unica sede dell’Evento, è stata annullata per motivi di sicurezza a causa della diatriba geo-politica con la vicina Russia.

cms_2666/Basket_due_gallinari-belinelli-bargnani.jpg

L’Italia gioca tutte le partite della fase eliminatoria a Berlino. Stasera, alle 21, scende in campo contro la Turchia. Nel “girone di ferro” del team guidato da Pianigiani, oltre agli squadroni Spagna e Serbia, ci sono anche Turchia, Islanda e Germania. Tutti gli occhi sono puntati sui nostrani giocatori NBA: Bargnani, Belinelli, Gallinari. Il “Trio delle Meraviglie” (così vengono identificati i tre giocatori italiani che militano negli USA), reduce dalla vittoria del “Torneo di Trieste” su compagini di spessore come Russia e Serbia, deve dimostrare quanto fatto di buono fino ad oggi durante la preparazione pre-campionato, cercando di amalgamare un gruppo che annovera giocatori carismatici e dall’elevato spessore tecnico come Alessandro Gentile e Daniel Hackett.

cms_2666/basket_terza.jpg

Il “Dodici” italiano non parte come testa di serie e per riuscire a strappare un pass per la fase finale che si disputa a Lille (Francia), deve affrontare l’otto settembre la Spagna della stella dei Chicago Bulls, Paul Gasol. Gli iberici, vincitori nel 2009 e 2001, sono una squadra che nell’ultimo decennio è riuscita a ritagliarsi uno spazio tra le grandi che contano, rimediando una vittoria ai Campionati del Mondo del 2006, e tre medaglie d’argento alle Olimpiadi del 1984, 2008 e 2012.

cms_2666/basket_quarta.jpg

Invece l’Italia, ha un Palmares non proprio all’altezza delle big: due gli Europei vinti nel 1983 e nel 1999, e due le medaglie di argento alle Olimpiadi del 1980 e del 2004. Sicuramente, quella di oggi è una Nazionale giovane e di esperienza internazionale; ma il decennio che ci separa dalla conquista dell’ultimo importante risultato (argento olimpico Atene-2004) pesa come un macigno su tutto il gruppo Azzurro. Questo deficit di medaglie nella bacheca della pallacanestro italiana, può rappresentare lo stimolo giusto per suonare la carica al ritmo del “pick and roll”, mandando a segno, con le “batterie da tre punti” (ndr, in gergo cestistico indica i canestri da tre punti segnati con molta frequenza in una frazione di gioco), i bombardieri Bargnani e Belinelli.

cms_2666/Basket_quinta.jpg

Nel frattempo è arrivata un’iniezione di fiducia, con una buona dose d’incoraggiamento, dall’ex c.t. azzurro (oro all’europeo del 1999), Bogdan Tanjevyc: “Si, è la nazionale più forte di sempre, ma ci vuole ancora una scintilla; l’Italia è al top e credo parta favorita”, dice l’allenatore montenegrino con passaporto italiano. I match di questa sera e domenica prossima, rispettivamente contro Turchia e Islanda, sono importanti per capire se i ragazzi di Pianigiani sono pronti per la corazzata spagnola , e per comprendere se, a detta di Tanyevic, “Possono arrivare fino in fondo al torneo e conquistare anche un pass per le Olimpiadi di Rio de Janeiro”. Non ci resta che aspettare la diretta televisiva per tifare i ragazzi e sussultare ogni volta che la palla rotola all’interno del canestro.

Data:

5 Settembre 2015