Traduci

Fermato Sarkozy

Fermato Sarkozy

cms_8737/sarkozy_volto_afp.jpgL’ex presidente della Repubblica francese, Nicolas Sarkozy, è in stato di fermo ed è stato ascoltato nei locali della polizia giudiziaria di Nanterre sui sospetti di finanziamenti illeciti che pesano sulla sua campagna presidenziale del 2007. Lo rivela il quotidiano ’Le Monde’ precisando che Sarkozy è stato convocato nel quadro dell’inchiesta su possibili finanziamenti libici della campagna vinta dall’ex inquilino dell’Eliseo. E’ la prima volta che Sarkozy viene ascoltato a questo riguardo dall’apertura di un’informazione giudiziaria nell’aprile 2013.

Il suo stato di fermo può durare 48 ore, scrive ’Le Monde’. Sarkozy si è sempre detto innocente.

I magistrati hanno ascoltato anche Brice Hortefeux, braccio destro dell’ex presidente Sarkozy. Lo riferiscono fonti giudiziarie, citate dai media francesi. A differenza di Sarkozy, Hortefeux rimane a piede libero. Ministro dell’Interno fra il 2009 e il 2011, Hortefeux è poi diventato consigliere politico dell’allora presidente francese, di cui è sempre stato uno stretto confidente.

Tutto nasce da un documento libico pubblicato nel 2012 dal sito Mediapart, che parla di presunti finanziamenti del governo di Muammar Gheddafi alla campagna presidenziale di Sarkozy nel 2007. L’intermediario libico Ziad Takieddine ha riferito nel 2016 allo stesso sito di aver consegnato fra la fine del 2006 e l’inizio del 2007 diverse valigette di denaro al ministero dell’Interno, allora guidato da Sarkozy, per un totale di cinque milioni di euro. L’arresto a gennaio a Londra dell’intermediario finanziario Alexandre Djouhri, vicino alla destra francese, avrebbe aggiunto nuovi elementi, secondo i media d’oltralpe.

San Marino, il capo di Stato ha 27 anni

cms_8737/SanMarino.jpgMatteo Ciacci, 27 anni, è stato eletto Capitano reggente di San Marino, diventando così il capo di Stato più giovane del mondo. Salirà sul trono “reggenziale” l’1 aprile e ci resterà per sei mesi, condividendo con l’altro Capitano la più alta carica della Repubblica.

Classe 1990, Matteo Ciacci proviene dal Movimento Civico 10, di cui è stato uno dei cofondatori, membro del Parlamento sammarinese dal novembre del 2016 è stato, già nel 2009, eletto nel Consiglio della Giunta di Castello di Città.

È una bella soddisfazione“, ha commentato Ciacci al momento della sua designazione, “è un grande segnale quello che diamo. Spesso si dice che ai giovani si tarpano le ali ma se ci si impegna tramite il lavoro si può riuscire ad emergere. L’impegno sarà difficile ma stimolante, cercherò di colmare la mancanza di esperienza con l’entusiasmo”.

Staminali ridanno la vista a due pazienti

cms_8737/Staminali_laboratorio_Fg.jpgCellule staminali ridanno la vista a due pazienti affetti da degenerazione maculare senile, la più comune forma di cecità, dovuta all’età che avanza. Ad applicare la nuova tecnica i medici del Moorfields Eye Hospital di Londra: si tratta di cellule staminali ottenute da embrioni umani che sono state fatte crescere su un tessuto, che è stato poi inserito nel retro dell’occhio dei malati. Ora i pazienti possono leggere il loro giornale o guardare un film alla televisione.

La macula – organo che viene danneggiato con l’avanzare degli anni – è formata da coni e bastoncelli che percepiscono la luce, e dietro questi da uno strato di cellule chiamato epitelio pigmentato retinico. Quando questo strato di supporto si indebolisce, causa degenerazione maculare e cecità. I medici britannici hanno dunque escogitato un modo per costruire un nuovo epitelio pigmentato della retina, impiantandolo chirurgicamente nell’occhio di un uomo di 86 anni e di una donna di 60.

La tecnica, pubblicata su ’Nature Biotechnology’, si basa appunto sull’uso di staminali embrionali, cellule che sono in grado di diventare qualsiasi tipo di cellula del corpo umano. Sono state convertite in cellule dell’epitelio pigmentato della retina e ’incorporate’ in una sorta di impalcatura per tenerle in posizione. Un ’patch’ composto da uno strato di cellule, spesso circa 40 micron, lungo 6 mm e largo 4 mm.

Nel corso dell’operazione, della durata di circa due ore, il tessuto è stato posto sotto le aste e i coni della retina, nella parte posteriore dell’occhio. Il chirurgo Lyndon da Cruz, spiega alla Bbc on line: “Abbiamo ripristinato la visione di due pazienti, nei quali è stato operato un solo occhio. E’ un sistema incredibilmente eccitante: quando si invecchia, alcune parti del corpo smettono di funzionare e per la prima volta siamo riusciti a prendere una cellula e a trasformarla in una parte specifica dell’occhio, quella che sta perdendo ’colpi’, ottenendo il ritorno della visione”.

Tuttavia, l’esperto specifica che non si tratta ancora di una vera e propria ’cura’, poiché la vista non è tornata in modo definitiva: finora i pazienti hanno ottenuto una visione migliore nell’occhio trattato per la durata di un anno. Sono passati dal non essere in grado di leggere con l’occhio malato, a leggere da 60 a 80 parole al minuto. Altri otto pazienti prenderanno parte a questa sperimentazione clinica, che dovrà anche appurare se le cellule trapiantate possano in qualche modo nuocere, ad esempio diventare cancerose, sebbene finora non ci siano stati segni in questo senso.

Autore:

Data:

21 Marzo 2018