Traduci

FINE VITA – Governo presenta ricorso a Tar contro delibere Emilia-Romagna

Il governo ha presentato ricorso al Tar dell’Emilia Romagna il 12 aprile scorso contro la Regione, in particolare, contro la direzione sanitaria Salute della persona, per chiedere l’annullamento delle delibere di Giunta che davano attuazione al suicidio medicalmente assistito in Emilia Romagna.

Ad annunciarlo è la consigliera regionale di Forza Italia Valentina Castaldini, che pure aveva depositato un ricorso analogo nel marzo scorso, insieme a un gruppo di associazioni. ”A marzo io, insieme ad alcune associazioni, avevo presentato un analogo ricorso al Tar: il testo è di oltre 50 pagine”, dice all’Adnkronos l’esponente azzurra che esprime soddisfazione per il provvedimento del governo che rafforza il lavoro di questi mesi”.

Il ricorso del governo

La Regione Emilia Romagna “ha previsto un articolato procedimento amministrativo che conduce alla erogazione della prestazione ‘suicidio medicalmente assistito” e ha agito “in evidente carenza di potere per assenza di copertura legislativa e violazione, tra gli altri, del principio di uguaglianza e di riserva al legislatore statale della materia dell’ordinamento civile e penale”, si legge nel ricorso che il governo ha presentato al Tar dell’Emilia Romagna.

Con le delibere la Regione Emilia-Romagna, spiega il ricorso, “nel dichiarato intento ‘di consentire da subito ai cittadini l’effettivo accesso a tale diritto’ (il suicidio medicalmente assistito, n.d.r.), riconosciuto, ad avviso della Regione stessa, dalla sentenza n. 242/2019 della Corte costituzionale, ha illegittimamente disciplinato in via amministrativa quali siano gli organismi competenti a valutare gli stringenti requisiti indicati dalla stessa Corte per scriminare il reato di aiuto al suicidio” previsto dall’articolo 580 codice penale.

Dunque, argomenta ancora il ricorso “in assenza di qualunque previsione normativa statale, in palese violazione del principio di legalità, la Regione Emilia Romagna ha disciplinato una pretesa a carico del Ssn senza che tale pretesa sia stata in qualche modo riconosciuta dall’ordinamento, e ciò sulla base di un procedimento destinato, oltretutto, ad operare al di fuori di un quadro ordinamentale omogeneo”. Le delibere sono dunque state assunte “in palese violazione del principio di legalità del potere amministrativo” che “prescrive che la Pubblica Amministrazione possa agire solo nei limiti di quanto prevede una norma di legge e per il perseguimento dei fini indicati nella norma stessa” e hanno “nella sostanza, riconosciuto e disciplinato le modalità di esercizio di un diritto ‘al suicidio assistito”’ diritto che non è previsto dalla legge e che la stessa Corte costituzionale ha escluso”.

“Appare evidente che non vi è alcun diritto al ‘suicidio assistito’ che possa legittimare un intervento attuativo dell’autorità amministrativa, come invece accaduto nel caso di specie”, denuncia ancora il ricorso. “L’organo di governo della Regione Emilia Romagna è dunque intervenuto, non solo e non già in assenza di disciplina legislativa o regolamentare sul punto, ma ponendosi in frontale contrasto con la relativa disciplina normativa statale, la quale ha delineato le specifiche modalità ed i percorsi procedimentali per pervenire alla implementazione degli ambiti di operatività del Ssn, tutti impostati nel segno del coinvolgimento delle amministrazioni regionali, e della concertazione con le stesse”.

Autore:

Data:

20 Aprile 2024
Tagged: