Traduci

FRANCIA, CENTINAIA DI MIGLIAIA IN PIAZZA CONTRO RIFORMA PENSIONI – 13 aprile nuova mobilitazione

La riforma delle pensioni in Francia “è considerata come adottata“, ed è quindi legge. E’ quanto ha affermato la presidente dell’Assemblea Nazionale, dopo che è stata respinta anche la seconda mozione di censura, quella presentata da Rn, che ha avuto 94 voti.

cms_30023/Elisabeth_Borne.jpgLa prima mozione di censura contro il governo francese di Elisabeth Borne non è passata, invece, per soli 9 voti in meno della maggioranza assoluta richiesta per essere adottata, 287. I deputati si sono espressi sul testo del partito Liot che ha raccolto 278 voti. Le mozioni di sfiducia erano state convocate in seguito alle proteste contro la riforma che prevede l’aumento dell’età pensionabile statale da 62 a 64 anni.

Dopo la bocciatura delle mozioni di censura al Parlamento e l’adozione della riforma delle pensioni, la premier francese Elisabeth Borne si è detta, riferiscono i media francesi che citano una sua dichiarazione all’Afp, “determinata a continuare a portare avanti le trasformazioni necessarie“.

cms_30023/1.jpg

Nuova giornata di mobilitazione oggi in Francia, dove 570mila persone – secondo i dati forniti dal ministero dell’Interno, sono scese in piazza per l’undicesima manifestazione di protesta contro la riforma delle pensioni voluta dal governo del presidente francese Emmanuel Macron e che alza l’età pensionabile da 62 a 64 anni.

cms_30023/2_1680839298.jpg

Ingente anche la presenza delle forze dell’ordine con 4.200 agenti in campo solo a Parigi, dove i manifestanti sono stati 57mila, come riferito dalla Questura, con il corteo partito da Place des Invalides.

Sono ’’154 i feriti tra gli uomini delle forze dell’ordine’’ oggi in Francia, ’’a margine delle manifestazioni’’ contro la riforma delle pensioni, ha annunciato il ministro degli Interni francese Géald Darmanin precisando che ’’alcuni sono stati feriti in modo grave’’ e aggiungendo che ’’111 persone sono state arrestate’’ dalle forze di sicurezza.

Numerosi i manifestanti anche in altre località della Francia. A Rennes, 20mila persone hanno manifestato secondo i sindacati, mentre per la prefettura sono 8.500, contro i 13.600 dell’ultima volta. A Bordeaux erano invece 60mila i manifestanti presenti secondo i sindacati, meno di diecimila per la prefettura. A Lione 32mila (13mila per la questura). In questo corteo secondo le autorità anche 400 teppisti: due persone sono state arrestate e la prefettura riferisce di tre agenti feriti e un manifestante.

cms_30023/3.jpg

E la protesta continua. I sindacati hanno fissato per il 13 aprile una nuova giornata di mobilitazione nazionale contro la riforma delle pensioni. La prossima protesta si terrà il giorno prima dell’attesa decisione della Corte costituzionale sulla riforma.

Data:

7 Aprile 2023