Traduci

GOOGLE: ARRIVA IL BLOCCO AUTOMATICO IN CASO DI FURTO DELLO SMARTPHONE

Obbiettivo di scoraggiare i furti e complicare la vita ai ladri

_______________°_______________

Nella recente conferenza Google I/O dedicata agli sviluppatori, Google avrebbe annunciato un importante aggiornamento per la sicurezza di tutti dispositivi Android. Infatti, tra le numerose novità mostrate dal colosso di Mountain View, troviamo nuovi miglioramenti della protezione dei dispositivi e dei dati per scoraggiarne il furto prima che accada. Come riportato nel blog ufficiale di Google: “Stiamo lavorando per rafforzare la sicurezza del dispositivo contro i furti con nuove e migliorate funzionalità di protezione che faranno pensare ai ladri due volte a provare. Ci impegniamo a mantenere il tuo dispositivo e i tuoi dati al sicuro su Android.” Una di queste sarebbe l’aggiornamento del ripristino dei ai dati di fabbrica che impedirebbe un reset da un ladro.

Siccome per alcuni criminali, l’obiettivo è quello di ripristinare rapidamente il dispositivo rubato e rivenderlo, grazie a questa nuova misura di sicurezza, se un ladro dovesse forzare un reset del dispositivo rubato, non sarebbe in grado di impostarlo di nuovo senza conoscere le credenziali dell’account Google collegato, rendendo così il sopracitato dispositivo praticamente invendibile disincentivando i furti fin dalla radice. Invece, per coloro che temono il anche furto dei dati, entra in gioco “Private Space”, una nuova funzionalità consentirebbe di creare un’area separata e protetta da un PIN, dove è possibile nascondere app contenenti dati sensibili, come informazioni finanziarie o sanitarie, garantendo così un ulteriore livello di sicurezza contro i tentativi di accesso non autorizzato. Gli aggiornamenti relativi al blocco del ripristino di fabbrica e a Private Space saranno inclusi in Android 15 e mentre le impostazioni di autenticazione avanzate verranno distribuite entro la fine dell’anno.

Di conseguenza, modificare impostazioni critiche come disabilitare “Trova il mio dispositivo” o estendere il timeout dello schermo richiederà ora un’autenticazione più rigorosa, inclusa quella biometrica. Inoltre, la nuova funzione “Theft Detection Lock” determinerà se il telefono è stato sottratto dalla mano dell’utente e bloccherà automaticamente lo schermo: In assenza di ciò, un malintenzionato potrebbe accedere ai dati sul dispositivo, comprese le informazioni bancarie. Utilizzando i sensori dello smartphone, come l’accelerometro, il giroscopio e grazie all’intelligenza artificiale, Google ha addestrato i suoi algoritmi a rilevare i cambiamenti improvvisi nel posizionamento del telefono e i movimenti che potrebbero indicare che è stato sottratto al proprietario. Infine, queste nuove misure di sicurezza rappresenterebbero un significativo passo avanti nella protezione degli smartphone, scoraggiando sempre di più i furti.

Data:

15 Giugno 2024
Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *