Traduci

Hotel Rigopiano, trovati 8 superstiti: ci sono due bimbi

(AdnKronos) – Sono almeno otto i superstiti trovati sotto le macerie dell’hotel Rigopiano, crollato sotto una valanga mercoledì scorso. A quanto apprende l’Adnkronos da fonti dei soccorritori,tra le persone già messe in salvo ci sarebbero anche due bambini.Una dei due bambini potrebbe essere la piccola Ludovica Parete, figlia di Giampiero Parete, uno dei due uomini sopravvissuti alla sciagura perché si trovavano fuori dall’albergo al momento della valanga.Un primo superstite è arrivato in ospedale a Pescara. A quanto apprende l’AdnKronos Salute, 2 sono attesi al nosocomio dell’Aquila e 6 a Pescara.

cms_5357/Titti_Postiglione.jpg

Il ritrovamento di superstiti “fa crescere la speranza”, ha detto Titti Postiglione, direttrice dell’Ufficio emergenze della Protezione Civile, nel punto stampa tenuto alla Dicomac di Rieti. “Speranza ne abbiamo sempre avuta, è la speranza che però in ogni attività di soccorso si affievolisce man mano che passa il tempo – ha spiegato – Il fatto di avere avuto conferma che una sopravvivenza è stata possibile è un dato molto confortante”.

cms_5357/scavare.jpg

Si è scavato tutta la notte e si continua a scavare tra la neve e le macerie dell’hotel alle pendici del Gran Sasso. Finora sono due le vittime accertate. Sono circa 40 i soccorritori impegnati nella ricerca dei dispersi, tra dipendenti della struttura e ospiti che mancano ancora all’appello.

cms_5357/pm_di_Pescara_Andrea_Papalia.jpg

Intanto ci si interroga sulle cause che potrebbero aver determinato la valanga e sul ruolo che potrebbero aver esercitato le scosse sismiche degli ultimi giorni. Sulla vicenda il pm di Pescara Andrea Papalia ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo. Già nella giornata di ieri gli investigatori hanno ascoltato come testimone Giampiero Parete, uno dei superstiti. Molto probabilmente, non appena le operazioni di ricerca delle persone sarà completata, la struttura sarà posto sotto sequestro. Si cerca di capire tante cose, a cominciare, forse, dalla scelta di localizzare la struttura in quel posto che in tanti in queste ore hanno definito “completamente esposta”.

Autore:

Data:

20 Gennaio 2017