Traduci

HOW TO SAVE A DEAD FRIEND – Di Marusya Syroechkovskaya

Il film rivelazione di una generazione di giovani nella Russia di Putin

_______________°_______________

Arriva al cinema a Roma “How to save a dead friend”, il documentario di Marusya Syroechkovskaya, martedì 16 aprile alle 21.30 al Cinema Troisi (via Girolamo Induno, 1). Il film,  una storia d’amore tra due giovani nella Russia di Putin, è un commovente ritratto-testamento lungo dodici anni, che diventa il messaggio scioccante di un popolo messo a tacere. 

HOW TO SAVE A DEAD FRIEND

Lungometraggio d’esordio della regista russa, presentato in anteprima mondiale al Vision du Réel e al Festival di Cannes in “Acid”, il film si è aggiudicato diversi premi a numerosi festival internazionali, tra cui il Festival dei Popoli in Italia: arriva ora in sala distribuito da ZaLab in collaborazione con il Pordenone Docs Fest. Alla fine del tour, da venerdì 19 aprile il documentario sarà disponibile in streaming sulla piattaforma Zalabview.org (https://www.zalabview.org/). 

Girato nel corso di 12 anni (dal 2005 al 2017), è, come ho detto in premessa,  il resoconto di una storia d’amore in un mondo dove mancano o non si vedono prospettive, nella periferia russa del decennio scorso. Marusya, una 16enne insofferente al regime della “Federazione della depressione”, si propone di rientrare nelle statistiche dei suicidi giovanili entro la fine dell’anno.

Porta con sé solo la telecamera, dono di famiglia. Ma poi incontra Kimi, suo coetaneo, in un concerto grunge, e tra i due nasce un’inaspettata e travolgente storia d’amore, intrappolata – come sono loro – nella risacca di un governo oppressivo.

Insieme, Marusya e Kimi filmano l’euforia, l’ansia e la disperazione della loro gioventù, alimentata da droghe e musica. Si alternano momenti lucidi e acidi, con i Joy Division in cuffia, e stridono le chitarre e i synth in sottofondo, come le grida no future di un mondo punk fuori stagione, interiore e introverso, in un sopito clima post-sovietico.

 Il tempo scorre, scandito dai discorsi di fine anno, ora di Putin, ora di Medvedev, del tutto simili tra loro. Quando la dipendenza minaccia di far svanire Kimi per sempre, la telecamera di Marusya diventa l’ultima possibilità per salvare l’amico.

TRAILERhttps://youtu.be/Ag0X00i4JQQ  


Marusya Syroechkovskaya

La regista Marusya Syroechkovskaya (1989) è una pluripremiata filmmaker e artista visiva nata a Mosca. A marzo 2022 ha dovuto abbandonare la Russia mentre aumentava la repressione sulle voci dell’opposizione. Il suo cortometraggio studentesco, “Exploration of Confinement”, ha ricevuto il premio della giuria al New Orleans Film Festival 2013 ed è stato candidato agli Academy Awards 2013. Per la sua formazione ha frequentato workshop come Ex Oriente Film, Flahertiana e l’IDFAcademy. Marusya è stato borsista presso il Nipkow Program 2025  (Berlino, Germania). “How to save a dead friend” è il suo primo lungometraggio. 

“Come trovi un linguaggio univoco per un film che abbraccia dodici anni di vita e che non era pensato per diventare un film mentre veniva girato? – si legge nelle note di regia di Marusya Syroechkovskaya – Volevo dare l’idea di come fosse crescere negli anni 2000, immergersi nelle soleggiate giornate estive e in un caleidoscopio di formati, immagini pulsanti e suoni provenienti da tutte le direzioni. Con il passare del tempo, i giorni bui e invernali prendono il sopravvento, isolando le persone le une dalle altre nei loro appartamenti. Il nostro mondo esterno, una volta così allettante, ora diventa sempre più violento, con meno musica e meno amici per le strade. I colori diventano tenui, meno saturi. E Kimi sta svanendo nell’oscurità. Quando perdi qualcuno vicino, qualcuno che ti conosceva bene, parte della tua storia scompare insieme a lui. Tutto ciò che rimane da fare è raccogliere i ricordi prima che si trasformino in polvere digitale.”

Marusya Syroechkovskaya sarà presente in sala insieme a Alice Sagrati, regista, autrice e sceneggiatrice (firma di cinema e linguaggi dell’audiovisivo su Il Tascabile, LINK-Idee per la tv e minima&moralia, e fondatrice di Rivista Stanca), e Andrea Segre, regista e distributore ZaLab.

Repliche:
mercoledì 17 aprile, ore 15 e 19
giovedì 18 aprile, ore 15
venerdì 19 aprile, ore 11 e 16
sabato 20 aprile, ore 22.30

Data:

14 Aprile 2024