Traduci

I QUOTIDIANI? SEMBRANO BOLLETTINI DI GUERRA.

Il tanto atteso piacere di sfogliare giornalmente il vostro quotidiano preferito è diventato un momento nel quale vorresti non averlo mai comprato e tanto meno leggerlo. Dalla prima all’ultima pagina sei pervaso da notizie sconfortanti o quanto meno spiacevoli. La cronaca è riservata ad avvenimenti incredibili, impensabili e, per lo più, assurdi. Non è pensabile colpevolizzare i cronisti che riportano più o meno fedelmente l’accaduto, ma l’assurdità di quanto accada quotidianamente rispecchia il periodo storico-epocale che stiamo vivendo.

cms_1699/Lattacco-a-Charlie-Hebdo-564x292.jpg

Le notizie internazionali sono zeppe di attentati, morti violente, stragi e terrorismo. Le cronache locali non parlano altro che di mamme assassine e/o di mariti uxoricidi. Nel nord est della Nigeria, si legge, una bambina kamikaze, di meno di dieci anni, imbottita di tritolo, salta per aria provocando oltre venti morti in un mercato rionale di Maiduguri (ansa). Ultim’ora, altre due bimbe si immolano per seminare morte tra gli stessi Nigeriani.

cms_1699/Mafia-Roma-Capitale.jpg

Le notizie locali, poi, evidenziano essenzialmente una serie continua di arresti di amministratori indegni di sedere su quelle poltrone e che, quotidianamente, si appropriano indebitamente di soldi pubblici. Leggo, oltretutto, che giorni fa, a Napoli, per l’ennesima volta, un “diacono” cinquantenne e un prete di periferia venganoarrestati con l’accusa grave di pedofilia e violenza su minori. Da indagini della polizia pare che ogni notte, nella stessa città, oltre cento lugubri personaggi vadano alla ricerca affannosa di minorenni/e pur di fare sesso. Roba da non credere.Basta poi spostarsi di qualche chilometro per leggere che scosse di terremoto di forte magnitudo sono state segnalate dal sud Italia a Manila, nelle Filippine. Una vera anticipazione dell’apolisse biblica.In Egitto hanno bloccato la linea ferroviaria Alessandria-Cairo a causa di alcune bombe sistemate sui binari. Ma passiamo ad altro.

cms_1699/maxi-frode-fiscale-scoperta-da-gdf-napoli-arresti-e-sequestri-1.jpg

La frode fiscale di oltre 16.000.000,00 di euro dell’ex gran venerabile maestro della massoneria, Licio Gelli, è “finalmente” caduta in prescrizione restituendo allo stesso personaggio tutta la sua onorabilità omni comprensiva dei beni a suo tempo sequestrati. Se ne deduce che “lor signori” non siano stati capaci di incastrarlo nemmeno questa volta. E noi assistiamo inermi e basiti nel leggere queste notizie.

cms_1699/cintura-pantaloni-stringere-corbis-258x258.jpgContestualmente, il nostro Governo, invita, per l’ennesima volta, tutti noi a stringere la cinghia e fare sacrifici, a causa della revisione della spesa pubblica (spending revue).Come dimenticare i 90.000.000.000,00. (novanta miliardi) di euro condonati ai 10 concessionari di slot machine? Come riporta “l’Huffington” dell’11 gennaio 2015, lo Stato Italiano, grazie a degli assurdi e difficilmente spiegabili marchingegni, sta pagando o ha pagato con i nostri soldi i debiti della azienda paterna, fallita, del papà del nostro premier.Da bravo cattolico credente, di fronte a simili storture, mi chiedo quale possa essere la funzione precisa dei divini “angeli custodi” che dovrebbero perennemente proteggerci. A questo proposito, pur di strapparvi un sorriso, riporto testualmente quanto postato su f.b. o twitter da alcuni colleghi umoristi, sulla funzione degli Angeli custodi subito dopo la morte di diversi personaggi pubblici.

cms_1699/normalangelxk6rd1.jpg

Quando è morto Robbie Williams, tutti hanno postato che, lo stesso, insegnerà agli angeli “il senso della risata”. Quando è morta Virna Lisi, in parecchi hanno scritto che l’ attrice insegnerà agli angeli la “recitazione”. Sicuramente la dipartita di Pino Daniele, servirà agli angeli per imparare a “cantare” meglio di prima. Personalmente, spero, che se, tra cent’anni, dovesse morire Fausto Le-Ali, quest’ultimo possa finalmente insegnare agli angeli come usare al meglio Le-Ali per poterci raggiungere e proteggere ancor più facilmente. Nell’attesa….!

Autore:

Data:

14 Gennaio 2015