Traduci

Il 2013, UN ANNO RICCO DI EVENTI EPOCALI

Il 2013 volge al termine. È stato un anno ricco di eventi epocali, notizie drammatiche e colpi di scena. Il 2013 certamente resterà scolpito, indelebile, nelle pagine dei libri di storia per essere stato l’anno dei “due Papi”. Ma anche per aver dato l’ultimo addio ad uno degli eroi della storia contemporanea. Un simbolo per il mondo intero nella lotta contro il razzismo e le discriminazioni. Dunque un anno di notizie ed eventi belli e meno belli. International Post ha stilato per i propri affezionati lettori la classifica dei 10 eventi salienti del 2013. Ripercorriamoli assieme.

Elezione di Papa Francesco.cms_267/1_Papa1363246315777.jpg

L’11 Febbraio 2013 Benedetto XVI° in un Concistoro per la canonizzazione dei martiri a Otranto annuncia al mondo le sue dimissioni dal soglio pontificio. Eletto il 19 Aprile 2005 dopo la morte di Giovanni Paolo II°, ad ottantasei anni decide di lasciare la guida della Chiesa. “Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio,- annuncia in latino ai Cardinali presenti- sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino”. Il 13 marzo 2013 alle ore 19.06 davanti a migliaia di fedeli riuniti in Piazza San Pietro, dal comignolo della Cappella Sistina si leva la fumata bianca: “Habemus Papam”. Il Cardinale argentino (figlio di immigrati italiani di origini piemontesi) Jeorge Mario Bergoglio (76 anni) viene eletto alla quinta votazione nella seconda giornata del Conclave. Nel 2005, Bergoglio risultò il secondo più votato dopo Ratzinger. Il 266esimo Pontefice della Storia della Chiesa Cattolica è il primo latino americano e Gesuita a sedere il trono di Pietro. Il Cardinale argentino sceglie come nome quello del Santo d’Assisi: Francesco. Simbolo di umiltà e attenzione verso la condizione dei poveri. Inizia cosi l’era della nuova Chiesa di Francesco. Sobria, umile e attenta alla condizione degli ultimi.

Elezioni Politiche in Italia

cms_267/2_Bersani_images.jpg 24 e 25 Febbraio 2013 il popolo italiano dopo quattro anni e mezzo di legislatura è chiamato a rinnovare l’organo Parlamentare. Le elezioni si svolgono in un drammatico contesto di crisi economico-sociale per il Paese. Il Governo uscente del Premier Mario Monti, succeduto alle dimissioni di Silvio Berlusconi cms_267/3_Berlusconiimages.jpgnel Novembre 2011, ha messo in atto le politiche di Austerity propugnate dalla “Troika” (BCE, UE e Fondo Monetario Internazionale) per abbattere la crisi del debito sovrano che minacciava l’intera Eurozona. Alla competizione elettorale partecipano la coalizione di centro sinistra rappresentata dal cms_267/4_Monti_images.jpgcandidato Pier Luigi Bersani (Segretario nazionale del Partito Democratico), quella del centro destra di Silvio Berlusconi (leader del Popolo delle Libertà). Al centro la lista civica del Premier uscente Monti (leader di Scelta Civica) appoggiato dall’Unione di Centro di Pierferdinando Casini e Futuro e Libertà di Gianfranco Fini. L’outsider è il comico genovese Beppe Grillo cms_267/5_Grillo_download.jpgcon il suo Movimento 5 Stelle. Il risultato è straordinario e per certi versi epocale. L’ultimo degli arrivati, il Movimento 5 Stelle si conferma primo partito d’Italia con il 25% di consensi. Le due coalizioni opposte si equivalgono l’un l’altra. Per poche centinaia di voti Bersani ottiene la maggioranza assoluta alla

cms_267/napolitano_download.jpgCamera (345 seggi). Ma non quella al Senato dove ottiene solo 125 seggi. La mancanza di una maggioranza in Senato determina ingovernabilità per il Paese. Il 20 Aprile 2013, dopo vari tentativi per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica e dare un governo stabile alla Nazione, viene rieletto Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Mai nella Storia della Repubblica Italiana un Presidente era stato rieletto. La rielezione di Giorgio Napolitano da vita al Governo di Larghe intese tra i due maggiori partiti (Pd e Pdl). Enrico Letta (vice segretario del Pd) viene nominato Primo Ministro. Angelino Alfano del Popolo delle Libertà diventa il Vice Premier e Ministro dell’Interno.

Iran

cms_267/6_elezioni-iran-rohani-presidente-focus-on-israel_(1).jpg15 Giugno 2013 l’Iran è chiamato al voto. Quattro anni prima nel 2008 la riconferma del Presidente Ahmadinejad aveva scosso la Repubblica Islamica per la presenza di sopsetti brogli elettorali. Il sopruso alla democrazia fu espresso con moti rivoluzionari dal popolo iraniano (la Rivoluzione Verde) sceso in piazza per manifestare il proprio dissenso contro il Governo conservatore al potere da otto anni. Questo dissenso, che ha scosso le fondamenta delle istituzioni iraniane, quattro anni dopo ha portato alla vittoria un Presidente riformista e moderato. Ad Hassan Rohani sono andati più di 18 milioni di voti. È stato eletto presidente dell’Iran al primo turno con il 50,71% e con un affluenza record per l’Iran: il 72% degli aventi diritto di voto si sono recati ai seggi. Rohani, chierico sciita moderato ha cosi sconfitto il dominio incontrastato dei conservatori iraniani. Ex negoziatore per il programma nucleare iraniano, Rohani appena eletto ha manifestato subito l’intenzione di ridurre le tensioni con l’Occidente soprattutto per quanto riguarda i programmi nucleari. Nella politica interna il Presidente riformista si è detto pronto a ridurre il divario legale e sociale tra uomini e donne.

Royal Baby, Sua Altezza Reale il Principe George Louis Alexander William

cms_267/7_images.jpgIl 22 Luglio 2013 i sudditi del Regno Unito e l’intero mondo, salutano l’arrivo del futuro sovrano d’Inghilterra. Il Principe George terzo in linea di successione al trono inglese è il figlio del Principe e Duca di Cambridge William (della Casa di Windsor) e della borghese Kate Middelton (figlia di due dipendenti della British Airways). In migliaia davanti al St Mary’s Hospital di Paddington hanno accolto l’arrivo del Royale Baby. Il primo Principe della Storia britannica ad essere “figlio della borghesia” inglese. Un segno del cambiamento dei tempi. La Monarchia che si avvicina al popolo. Non ci sarà da meravigliarsi se nel prossimo futuro il “figlio del popolo” George proclami la Repubblica.

Tifone Haiyan

cms_267/8_filippine-dopo-tifone.jpegIl 7 Novembre 2013 le Filippine sono colpite da un tremendo tifone chiamato Haiyan. Una spaventosa tempesta che viaggiava a 300 km orari e che ha provocato più di 3000 vittime. Per gli scienziati, che hanno studiato le immagini satellitari, Haiyan è stata una delle tempeste più forti abbattutesi sulla terraferma. Regno Unito e Stati Uniti d’America hanno subito inviato navi da guerra per aiutare i soccorsi nelle Filippine. Altri paesi come Cina e Giappone hanno provvisto a mandare soldi, medicine e aiuti umanitari.

Addio alla “Lady di Ferro”

cms_267/9_thatcher_01_941-705_resize.jpgL’8 Aprile 2013 nella sua suite dell’Hotel Ritz vicino Londra, all’età di ottantasei anni, si spegne Margaret Thatcher. Primo ministro britannico dal 1979 al 1990. Unica donna a ricoprire la carica di Premier nella storia del Regno Unito. Per la sua capacità di leadership e la sua durezza nelle ricette politiche la Thatcher venne soprannominata dalla stampa inglese “Iron Lady” la Signora di Ferro. In Politica estera famosa è stata la sua fermezza nella guerra delle Isole Falkland contro l’Argentina. Nel 1982 la giunta militare di Buenos Aires occupa militarmente i territori inglesi delle Isole Falkland-Malvinas. La Lady di Ferro risponde all’attacco con una task force navale e si riprende in breve tempo le isole, acclamata e osannata dai patrioti britannici. In Politica interna è ancora più dura. Eclatante la risposta politica data allo “sciopero dei minatori” del 1984. Episodio che ha contraddistinto nella storia la sua politica intransigente e neo-liberista. Allo sciopero dei minatori la Thatcher rispose con una legge che rendeva illegale lo sciopero sindacale nel caso in cui non vi fosse l’approvazione con voto segreto della maggioranza dei lavoratori.

“Fenomeno” Harlem Shake

cms_267/10_Harlem_download.jpg

A partire da inizio 2013 si diffonde su Youtube un “meme” (un fenomeno) virale. Il meme consiste in un video comico della durata di circa 30 secondi accompagnato dalle melodie della canzone Harlem Shake di Baauer. Caricato inizialmente su Youtube il 30 Gennaio sul canale Dizasta Music nel video “Filthy Compliation #6”, riscuote un notevole successo venendo replicato da migliaia di persone provenienti da tutto il mondo. Ognuno inserisce su Yotube la propria versione dell’Harlem Shake. Il fenomeno diventa virale e si diffonde su Facebook con migliaia di video caricati in rete. Oltre alle persone comuni anche alcune celebrità del mondo dello spettacolo o dello sport sono stati contagiati dal fenomeno, come ad esempio i calciatori del Manchester City e della Juventus.

Miley Cryus: il lato “hot” della musica

cms_267/download.jpgDalla dolce fanciulla Disney “Hannah Montana” alla spregiudicata e irriverente pop star della musica. Il 2013 è l’anno che consacra la giovane teenager americana nel mondo della musica. Il video del singolo “Wrecking Ball” è un richiamo per riviste patinate e copertine. Il gossip la fa da padrone. Nel video infatti si vede una Cryus completamente nuda che cavalca ammiccante e sensuale una palla da demolizione. Non contenta, l’ex enfant prodige del mondo Disney, davanti al pubblico dell’MTV Video Music Awards ipnotizza il pubblico con balli sensuali e linguacce scabrose.

Boston, bombe alla maratona

cms_267/12_Boston_images.jpg

Il 15 Aprile 2013 sotto il cielo sereno e limpido di Boston l’America e il mondo intero assiste ad una tragedia immane. Nella tradizionale e storica maratona ,improvvisamente, dal nulla si materializzano sotto gli occhi attoniti di atleti e pubblico due spaventose esplosioni. 10 secondi l’una dall’altra. Gli Stati Uniti a quasi 12 anni dai terribili attentati di Wall Strett dell’11 Settembre 2001, tornano a respirare l’alacre e terribile odore del terrorismo. I morti sono tre. Tra cui un bimbo di otto anni. Cento i feriti, alcuni in gravissime condizioni. Il Presidente Americano Barack Obama subito parla alla Nazione, assicurando che “verrano trovati i responsabili”. Le bombe nascoste in due zainetti risultano essere rudi e artigianali. Costituite da pentole a pressione con all’interno chiodi che con l’esplosione sono diventate schegge armate per uccidere. 72 ore dopo l’FBI individua i sospettati. Sono due fratelli ceceni islamici appena divenuti americani. Uno dei due rimane ucciso nello scontro a fuoco con gli agenti. L’altro viene assicurato alla giustizia. A dodici anni dagli attentati terroristici di Al-quaeda, l’America scopre di avere il nemico in casa.

Il Centenario del Tour de France, parla Inglese

cms_267/13_tour-de-france-648x372.jpgIl 29 Giugno 2013 si è conclusa, sfilando sugli Champs Elysees, la centesima edizione del tradizionale Tour de France. La gara ciclistica più famosa di Francia ha visto trionfare per la prima volta nella sua storia, un ciclista britannico. Christopher Froome del Team Sky. Dopo 3.404 Km e 21 tappe il corridore britannico è stato incoronato “Roi” della Grande Boucle, indossando l’agognata maglia gialla. Sul podio anche il colombiano Nairo Quintana della Movistar e lo spagnolo Joaquim Rodriguez della Katusha.

Addio “Madiba”, ultimo eroe della lotta al razzismo

cms_267/14_img1024-700_dettaglio2_Mandela.jpg

Il 5 Dicembre 2013 si è spento nella sua abitazione a Johannesburg attorno ai suoi famigliari all’età di 95 anni, Nelson Mandela. Eroe della lotta all’apartheid nel sud Africa e premio Nobel per la Pace nel 1994. È stato il simbolo dell’ultima lotta dell’Africa nera contro il predominio della razza bianca nel continente africano. Un uomo cresciuto nello spietato regime di segregazione razziale che ha oppresso il popolo “nero” dal 1948 al 1994. Mandela (leader della lotta armata) ha trascorso quasi un terzo della propria vita nel carcere di Robben Island. Nel 1994 è stato eletto Presidente del Sud Africa. Da Presidente la sua politica è stata quella della riconciliazione tra bianchi e neri nel rispetto reciproco l’un l’altro, mettendo fine all’era della segregazione razziale.

Autore:

Data:

1 Giugno 2014