Traduci

IL BARI CAMBIA ATTEGGIAMENTO E PROVA A RIALZARE LA CRESTA, MA NON PUNGE E PERDE ANCHE A CATANZARO.

A Catanzaro arriva, purtroppo per il Bari, la seconda sconfitta consecutiva – l’ottava stagionale – in virtù delle reti, una per tempo, di Vandeputte (4’) e Iemmello (77’). Un risultato forse eccessivo nel punteggio perché dopo la sconfitta di Bolzano una reazione c’è stata. La squadra, in effetti, ha giocato con un atteggiamento diverso rispetto alla gara precedente soprattutto nella prima parte del primo tempo e nella ripresa quando ha provato a raddrizzare il risultato. E probabilmente, con un po’ di fortuna e con maggiore precisione sotto porta – ricordiamo la traversa di Di Cesare e la super occasione in avvio di gara di Lulic – il Bari avrebbe potuto anche conquistare un risultato positivo. Ma la squadra biancorossa ha mostrato tutti i propri limiti soprattutto nella fase realizzativa. Anche quando ha provato a velocizzare le operazioni, di fatto non ha quasi mai impensierito i calabresi. Basti pensare che la migliore occasione del Bari nella ripresa è capitata sui piedi di un difensore, di capitan Di Cesare. Mancano i gol degli attaccanti, le giocate di qualità negli ultimi metri, le invenzioni, gli strappi che hanno caratterizzato la straordinaria stagione dello scorso anno.

Si è perso, dunque, anche questa volta, ma almeno c’è stata la cattiveria agonistica, la voglia di riprendere il risultato, sia pure con tutti i limiti del caso. Una sconfitta che lascia segni evidenti sul morale e, in parte, anche sulla classifica. Sono sempre due, infatti, i punti di distacco dalla zona play-off (in attesa delle ultime gare della ventisettesima giornata), mentre si sono ridotti a quattro i punti di vantaggio sulla zona play-out. L’impegno va bene, ma purtroppo non basta qualunque possa essere l’obiettivo. Non ci resta che sperare, dunque, nella determinazione e nel lavoro di Iachini e dei suoi ragazzi.

cms_33694/FOTO_2_Iachini_Rino_ok_1.jpg

“C’è grande rammarico oggi – ha dichiarato il tecnico del Bari, Iachini – per il risultato non meritato. Il Bari non è mai stato in difficoltà e paga fin troppo rispetto a quanto ha prodotto. La palla l’abbiamo quasi sempre tenuta noi, siamo stati sempre propositivi, potevamo anche andare in vantaggio, ma loro hanno trovato quel gran gol su punizione. È stata la più bella partita da quando sono qua, giocata contro una squadra forte che lavora insieme da due anni. Non ha nulla a che vedere con la partita di Bolzano. Abbiamo anche alzato il numero delle realizzazioni portando più uomini in area. Dobbiamo continuare a lavorare così e mi auguro che possano arrivare quei gol che i ragazzi meritavano già oggi. Ma questa è la strada ed è la mentalità che voglio dalle mie squadre. Certo, qualcosa doveva essere fatto meglio, ma abbiamo preparato in due giorni la gara e non era facile. Ora dobbiamo guardare una partita per volta”.

(Foto 2 di Rino Lorusso – Si ringrazia)

Autore:

Data:

28 Febbraio 2024