Traduci

IL CIBO NELL’ARTE – XXIV^ Parte

Evaristo Baschenis (1617 -1677), pittore bergamasco, è conosciuto soprattutto per le nature morte con strumenti musicali, era infatti anche un musicista, tuttavia raffigurò con maestria tavole imbandite con frutta e cacciagione. In Baschenis spesso la natura morta è allegoria della vita e della sua caducità, della vanità dei beni terreni e dell’insensatezza di coloro che s’affannano a ottenerli, richiamando la frase biblica ‘Vanitas vanitatum et omnia vanitas’, ovvero… vanità delle vanità, tutto è vanità.

Evaristo Baschenis-Cucina-1660 ca- Collezione privata

Così appaiono teschi e candele spente con ovvio riferimento alla morte, orologi e clessidre per lo scorrere del tempo, bolle di sapone e calici di vetro significando la fragilità delle cose terrene, strumenti musicali e oggetti preziosi rappresentano i piaceri e le ricchezze terrene che sono effimere, i fiori e i frutti la caducità, l’opulenza che si decompone e imputridisce.

Evaristo Baschenis- Natura morta di Strumenti Musicali- 1670 ca- Musées royaux des Beaux-Arts- Bruxelles 

I cibi in genere hanno un significato allegorico, spesso religioso: vino, pane, pesci e uva rimandano a Cristo, la mela e il fico rammentano il peccato originale, burro e formaggio alludono all’opulenza, il melograno all’abbondanza, le arance alla fecondità e all’amore, il limone all’inganno in quanto bello e luminoso fuori e aspro dentro, le ostriche alla voluttà e via così. Tuttavia anche un’alzata con succose e vellutate pesche, incoronate da fiori di gelsomino e pere cotogne può nascondere un messaggio poco simpatico. Fede Galizia (1578-1630) pittrice milanese autrice non solo di nature morte, ma anche di ritratti e di pale religiose ci presenta un’opera all’apparenza piacevole e rilassante, ma la presenza in primo piano della piccola e innocua locusta è simbolo di devastazione e di morte, nonché di invidia e di superbia.

Fede Galizia-Alzata in vetro con pesche, gelsomino, mele cotogne e una locusta-1607  

Particolari sono le nature morte di Sebastian Stoskopff (1597-1657) un pittore tedesco che insiste sulla fragilità della vita proponendosi con diverse rappresentazioni di bicchieri e bottiglie, spesso in primo piano vi inserisce un calice in frantumi.  

Sebastian Stosskopff- Natura morta con cesto di oggetti di vetro -1644

Georg Flegel (1566 -1638) altro pittore tedesco uno tra i primi nel suo Paese a dedicarsi alla pittura di nature morte, le sue opere si propongono certune assai raffinate, luminose ed eleganti, altre più semplici e rustiche altre delle vanitas alquanto particolari, come in “Natura morta con pane, brocca, calice e topo”, il dolce in questo caso frutta e fichi, non ci alletta per niente. 

Georg Flegel- Natura morta con biscotti e dolci

il topo e gli insetti ci ricordano con triste ineluttabilità la fine che faremo e Flegel non è delicato come Fede Galizia, il topo sembra sinistramente osservarci, mentre gli insetti sembrano quasi correre, creando l’allegoria di una morte che può essere vicina.   

Georg Flegel – sec. XVI/ XVII – Natura morta con pane, brocca, calice e topo

(Continua)

——————————————————————————————————————–

Le parti precedenti ai links:

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(I%5E_Parte)_32186.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(II%5E_Parte)_32282.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(III%5E_Parte)_32352.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(IV%5E_Parte)_32427.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(V%5E_Parte)_32505.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(VI%5E_Parte)_32580.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(VII%5E_Parte)_32660.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(VIII%5E_Parte)_32738.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(IX%5E_Parte)_32822.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_(X%5E_Parte)_32905.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XI%5E_Parte_32982.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XII%5E_Parte_33138.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XIII%5E_Parte_33226.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XIV%5E_Parte_33312.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XV%5E_Parte_33412.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XVI%5E_Parte_33497.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XVII%5E_Parte_33575.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XVIII%5E_Parte_33670.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/IL_CIBO_NELL%E2%80%99ARTE_-_XIX%5E_Parte_33769.html

——————————————————————————————————————–

Data:

9 Aprile 2024