Traduci

IL DOLORE CHE DIVENTA ORO

“Bisogna aver il caos dentro di sé per partorire una stella danzante”. Lo diceva Nietzsche nella sua fantasiosa genialità. Un uomo decisamente afflitto. Lui che nel terrore delle sue paure è riuscito ad offrire al mondo degli ottimi spunti di riflessione. Non è l’unico a partorire bellezza nel dolore. L’uomo è un essere decisamente particolare, dà il meglio quando si trova ad affrontare enormi difficoltà. Nessuno vuol vivere la sofferenza, ma molti puntano in alto. Il fatto è che il dolore strazia e forgia allo stesso tempo. Ti strappa le vesti per poi ricucirti addosso nuovi abiti. Bisogna cogliere le opportunità nascoste dietro ad ogni esperienza negativa. Ciò che fa male, permette di elevarti ad una condizione diversa. Il dolore frutto della vita è un maestro in gamba. Toglie quello che è giusto per regalarti la possibilità di arrivare ad un livello di accettazione e comprensione oltre ogni limite. Capirlo non è per tutti. C’è chi si crogiola nel vittimismo e incolpa il destino per la cattiveria immeritata. Nessuno si merita di soffrire però urge ricordare che la vita non è come l’ha descritta qualcuno. Giusto e ingiusto sono figli di una concezione umana. L’uomo sin dagli albori sviluppa tante teorie per spiegare l’inspiegabile, cerca di dare un senso a quello che va vissuto senza ipotesi. Inoltre parla con insistenza di verità assolute. Si dimentica poi che ci sono situazioni difficili, ingiuste e immeritate. Riesce a costruire teorie di ogni tipo senza accorgersi che l’ingiustizia non è una creazione della vita bensì dell’uomo. Noi uomini che riusciamo a dare un colpo d’accetta anche alle cose più belle. Ammettiamolo, dai. L’esistenza ci concede tutto il necessario per arrivar tutto d’un fiato alla massima felicità. Tuttavia siamo talmente masochisti da scegliere spesso le strade che producono dolore a noi e agli altri. Esiste un filo invisibile che unisce gli esseri umani indipendentemente dalla lontananza o dall’etnia di appartenenza. C’è un’uguaglianza di fondo che
è la capacità di provare sentimento.

cms_5906/2.jpgIl dolore che scava, unisce in maniera smisurata. Una volta caduti nella trappola dell’infelicità si può uscirne solo attraverso empatia e comprensione. Sappiate che il vostro dolore, è una fortuna quando lo usate per risollevarvi verso nuovi obiettivi. Dopo un amore che vi ha tradito, potrete finalmente apprezzare il valore del rispetto per voi stessi e incontrare chi vi accetta. L’aver vissuto l’umiliazione sul posto di lavoro può condurvi ad un impiego certamente migliore. La derisione degli altri regala la spinta a fare del proprio meglio e di conseguenza a raggiunger traguardi di vita elevati. Una famiglia che vi ha messo i bastoni tra le ruote, permette di avere le spalle larghe per evitar altri soprusi. Usate il vostro dolore, fatelo diventare oro che sgorga dal cuore.

Data:

31 Marzo 2017