Traduci

IL MURO SERBO FERMA L’ITALIA

Il cammino della nazionale italiana a Eurobasket 2017, è finito contro il muro serbo. I ragazzi di Ettore Messina non sono riusciti a superare la forte compagine vice campione del mondo e olimpica. Eppure, qualcosa aveva fatto ben sperare a inizio partita. Soprattutto, una buona dose di concentrazione in difesa e stabilità nel gioco veloce son serviti a tenere sotto controllo la maggiore aggressività degli avversari. Alla fine è durato poco più di un quarto di gara il gioco alla pari contro i “mostruosi” serbi. Per 12 minuti li abbiamo tenuti alle corde riuscendo anche a stare in vantaggio di 5 punti. Il secondo quarto, invece, ci ha visti calare notevolmente, sul piano dell’equilibrio mentale.

cms_7193/Copertina.jpg

I Troppi falli, qualcuno concesso fin troppo generosamente dagli arbitri, hanno permesso agli uomini di Djordjevic di andare in lunetta realizzando punti dopo punti. Il primo tempo si conclude con l’Italia sotto di 11 (33-44). Il secondo tempo è una fotocopia di quanto visto allo scadere della prima frazione di gara. Gli Azzurri, contro Marjanovic e Bogdanovic, dimostrano di avere poco peso specifico.

cms_7193/Fot_2.jpg

Siamo in difficoltà su tutti i fronti: rimbalzo, profondità e tiro dalla distanza. La Serbia, una volta annullato Belinelli, ha privato la nostra nazionale della principale fonte di approvvigionamento di punti; ma non si può vincere sempre e solo con i tiri da tre. Contro un avversario simile, sono altre le carte da giocare. Secondo la mia opinione, si poteva tentare di attaccare l’area più spesso, visto che le poche volte che è stato fatto siamo riusciti a concretizzare; ma la strategia di Messina, per gran parte della partita, è stata sempre la stessa: far circolare la palla e scaricare sul primo uomo libero per il tiro da tre. Ottima la prova, anche oggi, di Gigi Datome, e bravi i panchinari Burns e Biligha. Finisce 67-83. Per i Serbi ci sono i russi in semifinale.

MIGLIORI REALIZZATORI

ITALIA:Belinelli 18, Datome 15, Burns 9.
SERBIA:Bogdanovic 22, Macvan 13, Lucic 11.

(Foto dal sito della FIBA: si ringrazia)

Data:

14 Settembre 2017