Traduci

IL REAL SALE ANCORA SUL TRONO DELLA CHAMPIONS E FA “13”

Allo stadio “NSC Olimpiyskiy”di Kiev, il Real Madrid supera il Liverpool per 3-1 e vince la 13.ma Champions League della sua storia. Si tratta della terza vittoria consecutiva. Un record per il club da quando c’è la Champions League, ma anche per il suo allenatore Zinedine Zidane che conquista il terzo titolo in altrettante stagioni. Il Liverpool, dal canto suo (alla sua ottava finale e con cinque coppe vinte), tornata a giocare una finale dopo ben nove anni, deve cedere alla più titolata squadra spagnola che si vendica, così, della sconfitta (1-0) rimediata, sempre in finale, ventisette anni prima, a Parigi, proprio contro i Reds nell’allora “Coppa dei Campioni”.

LA PARTITA – L’allenatore del Real Madrid, Zinedine Zidane, con il 4-3-1-2 schiera: Navas; Carvajal (35’, Nacho), Varane, Sergio Ramos, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Isco (60’, Bale); Benzema (88’, Asensio) e Cristiano Ronaldo.

Con il 4-3-3, invece, il tecnico del Liverpool, Jürgen Norbert Klopp, alle prese con gli infortunati Joel Matip, Joe Gomez e Oxlade-Chamberlain, manda in campo: Karius; Alexander-Arnold, Lovren, van Dijk, Robertson; Wijnaldum, Henderson, Milner (83’, Can); Salah (29’, Lallana), Firmino e Mané.

Parte subito forte il Liverpool che disorienta il Real con il pressing e la velocità. Dopo un paio di potenziali pericoli, i Reds vanno vicini al gol con Alexander-Arnold (23’), ma il suo tiro viene parato da Navas.

cms_9298/2_il_romanista.jpgDue minuti dopo esce Salah (tra le lacrime) per infortunio e il Liverpool da quel momento accusa il colpo. Col passar dei minuti, infatti, il Real guadagna campo ristabilendo un certo equilibrio. C’è spazio, tuttavia, prima del riposo, per un gol giustamente annullato a Benzema in posizione di fuori gioco. La ripresa è decisamente più vivace. Parte meglio il Real che sfiora il gol con Isco (47’) il quale, tutto solo in area di rigore, colpisce la traversa. Ma qualche minuto più tardi non sbaglia Benzema (50’) che, servito involontariamente dal portiere inglese (nel tentativo di rinviare la sfera), porta in vantaggio la squadra spagnola.

Nel momento più difficile, però il Liverpool trova nuove energie e reagisce immediatamente. Manè (55’) trova il pareggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo e i tifosi inglesi suonano la carica. La partita si accende.

cms_9298/3_dailystar.jpgMa al 64’, una prodezza balistica di Bale (una rovesciata che ricorda quella effettuata da Ronaldo contro la Juve), appena entrato in campo, riporta in vantaggio i blancos. Il Liverpool, però, non crolla e Manè (69’), ancora lui, con un tiro dal limite colpisce il palo alla destra di Navas. Gli inglesi sospinti dai loro supporters si buttano in avanti, ma Bale (83’) con un tiro dalla distanza piega le mani a un disastroso Karius e sigla la rete (doppietta personale) che consegna l’ennesima coppa alle merengues.

ANALISI E COMMENTI –

Vince, dunque, meritatamente il Real, ma non è facile commentare una partita in cui il Liverpool avrebbe meritato miglior sorte. Sulla sconfitta inglese, in effetti, pesano due clamorosi errori del portiere Karius (uscito in lacrime) e probabilmente anche la sostituzione anticipata di Salah. Non è bastato, infatti, un Manè in grande serata e sempre lucido nelle sue giocate. Ma la sconfitta non cancella quanto di buono fatto sin qui dal Liverpool in questa stagione e in questa competizione. Sull’altro versante, invece, bisogna dire che si è visto il solito Real non trascendentale, ma con tanta qualità e tanti campioni in campo e in panchina abituati a questo genere di gare e pronti a fare la differenza. Non a caso, proprio, Bale, entra e con una euro-rovesciata, una prodezza personale, cambia l’inerzia del match. Spacca la partita, corre, segna il terzo gol e si rende pericoloso ancora sul finire.

Il Real, insomma, ha vinto anche perché ha grande esperienza, forse proprio quella che è mancata in questa gara ai tanti giocatori del Liverpool non abituati a giocare queste finali.

(Foto da: romanista.eu e dailystar.co.uk – Si ringrazia)

Autore:

Data:

27 Maggio 2018