Traduci

Ilva, Di Maio: “Verifiche su bando, in ballo 14 mila persone”

Ilva, Di Maio: “Verifiche su bando, in ballo 14 mila persone”

cms_9763/ilvaoperaio_ftg.jpg“Il Governo precedente ha avuto cinque anni per affrontare il tema dell’Ilva e lo ha lasciato in queste condizioni, con un bando pieno di criticità e con una scadenza in tempi brevi. Qui dobbiamo decidere del futuro di 14 mila persone con una condizione ambientale a Taranto che non è mutata, ma è peggiorata in tutti questi anni. Quello che voleva fare il Governo precedente, poteva farlo, incluso i confronti con i cittadini che non ha mai fatto”. Lo ha detto a Catania il vicepremier e ministro del lavoro Luigi Di Maio.

“Ora – ha aggiunto – prima di affidare quella azienda ad un privato devo garantire che tutto sia in regola. Già in queste ore stiamo scrivendo all’avvocatura dello Stato e stiamo avviando una procedura interna per verificare che tutto sia in regola”.

L’obiettivo mio – ha concluso Di Maio- non è andare contro una azienda, né contro il Governo precedente, ma è fare in modo che tra tre anni non ci si ritrovi con gli operai sotto il ministero”.

Rimborso 730 in busta paga: come funziona

cms_9763/Euro_Fg_Ipa.jpgIL 7 luglio è scaduto il termine di presentazione del modello 730 ordinario, mentre chi ha adottato il modello precompilato ha ancora fino al 23 luglio per inviarlo. Con questa dichiarazione dei redditi viene effettuato un ricalcolo delle imposte Irpef dovute, al netto delle detrazioni alle quali si ha diritto. Quindi può accadere che con il ricalcolo ci si renda conto che il contribuente abbia pagato più tasse di quanto avrebbe dovuto o al contrario che ne abbia pagate meno.

Nel primo caso il contribuente beneficia di un rimborso, un vero e proprio conguaglio dell’Irpef. Per il lavoratore dipendente il credito riconosciuto sarà pagato direttamente in busta paga dal proprio datore di lavoro, mentre per il pensionato sarà l’Inps a riconoscerlo insieme all’assegno previdenziale. Quindi, per il dipendente è il datore di lavoro a porsi come sostituto d’imposta, mentre per il pensionato è l’Inps. Per i contribuenti che pur avendo diritto al rimborso Irpef sono privi di sostituto d’imposta, l’accredito avviene direttamente sul conto corrente (bisognerà indicare l’Iban all’interno del modello 730), oppure in alternativa sarà l’Agenzia delle Entrate a inviare una comunicazione al titolare del rimborso, invitandolo a presentarsi presso un ufficio postale per la riscossione del credito.

Ma quali sono i tempi per il rimborso Irpef? Naturalmente dipende dalla data in cui si invia la dichiarazione dei redditi con il modello 730/2018. Comunque i primi rimborsi Irpef per i lavoratori dipendenti arriveranno già con lo stipendio di luglio, mentre per i pensionati l’accredito è previsto con la pensione di agosto o – al più tardi – con quella di settembre.

La vendita fittizia di casa può essere reato

cms_9763/Casa_agenzia_immobiliare_fg_3-1-1411574938.jpgCi sono diversi motivi per cui due persone decidono di fingere la vendita di un immobile, ma solo in un caso si commette reato. Ad esempio in alcuni casi i genitori fingono di vendere la casa al figlio per nascondere una donazione. Quest’ultima, infatti, è un atto impugnabile ed è per questo che le banche non accettano mai di ricevere un immobile donato come garanzia per un mutuo.

In tal caso i genitori fingono una compravendita con tanto di notaio, simulando anche il passaggio di denaro e pagando le tasse previste. Il figlio, infatti, compra la casa al valore pattuito, versando il compenso dovuto tramite un intermediario abilitato come potrebbe essere la banca, ma in un secondo momento il genitore gli restituisce quanto ricevuto (solitamente in contanti e in rate mensili così da non mettere in allarme il fisco). In questo caso non c’è alcuna ipotesi di reato; la conseguenza, infatti, è che la vendita fittizia viene considerata alla pari della donazione e quindi può essere impugnata dai legatari al momento dell’apertura della successione tramite l’azione di riduzione. Discorso differente per chi finge di vendere una casa così da metterla al sicuro da un eventuale pignoramento per i debiti maturati. In questo caso, infatti, è possibile essere condannati per il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, punito con la reclusione da 6 mesi a 4 anni e fino a 6 anni per i debiti superiori ai 200mila euro. Affinché sia reato, però, ci sono alcune condizioni che devono essere soddisfatte. Nel dettaglio, la vendita deve essere inscenata per sottrarsi al pagamento di debiti maturati nei confronti del fisco, purché di importo superiore ai 50mila euro e riferiti al mancato pagamento di imposte sui redditi. In tal caso quindi oltre a dover subire comunque il pignoramento del bene, visto che la vendita verrebbe annullata, il venditore rischia anche il carcere per il reato commesso.

Multe e atti giudiziari, non sarà più solo Poste a consegnarli

cms_9763/postino_moto_fg.jpgMulte e atti giudiziari, si cambia. Il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha firmato il decreto ministeriale che definisce le procedure per il rilascio delle licenze speciali per i servizi postali relativi alle notifiche degli atti giudiziari e delle multe, previste dal codice della strada. “Con questo provvedimento -afferma il titolare del Mise- si compie un passo decisivo per l’effettiva apertura del mercato ad altri operatori presenti nel settore delle consegne postali, che consentirà un importante abbattimento dei costi per le amministrazioni dello Stato”.

Il ministero dello Sviluppo economico sottolinea che si completa così “la fase di regolamentazione del settore postale inerente ai servizi delle notifiche degli atti giudiziari e delle multe, avviata nel 2017 dalla Legge per la concorrenza con l’abrogazione della norma che prevedeva l’affidamento esclusivo del servizio a Poste Italiane S.p.A e proseguita con la pubblicazione della delibera n. 77/2018 dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni”. Il decreto ministeriale verrà inviato alla Corte dei Conti prima della pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Autore:

Data:

22 Luglio 2018