Traduci

IN ITALIA 29,907 NUOVI CONTAGI E ALTRI 208 MORTI

cms_19803/4.jpg

cms_19803/Min_Sanita_ISS.jpgIn Italia 29.907 nuovi contagi e altri 208 morti

Sono 29.907 oggi i nuovi contagi da coronavirus in Italia. Lo rende noto il ministero della Salute. Nelle ultime ore sono stati registrati altri 208 morti, che portano il totale a 38.826 dall’inizio dell’emergenza. I tamponi eseguiti da ieri sono stati183.457. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 1939, con un incremento di 96 unità.

cms_19803/Matteo_Bassetti,Infettirologo.jpgBassetti:”Niente farmaci a asintomatici”

“Non dobbiamo assolutamente trattare gli asintomatici con i farmaci”. Sono le parole del professor Matteo Bassetti in collegamento con Domenica In. “Gli asintomatici non devono fare assolutamente niente dal punto di vista terapeutico, devono stare a casa. Se faccio cortisone, eparina o antibiotici non prevengo l’evoluzione”, dice. “Poi ci sono le persone che hanno un quadro lieve: in questo caso si usa un antinfiammatorio, si può usare il cortisone o si può dare un antibiotico se ci sono problemi respiratori. So di persone che hanno fatto scorte di farmaci per curarsi da solo: evitiamo queste cose, evitiamo di usare i farmaci nel modo sbagliato”, ribadisce.

cms_19803/Francesco_Vaia,_direttore_dell’Ospedale_Spallanzani_di_Roma.jpgVaia:”Riprendiamo lo spirito patriottico del lockdown”

“Siamo un esercito in campo: cittadini, ricercatori, clinici, media, politica. Un esercito che combatte una guerra contro un nemico subdolo e prepotente fino alla letalità con i più fragili. In nome loro, per salvare quante più vite umane mi permetto di chiedere ancora una volta: non è il tempo delle Recriminazioni e del ’Io l’avevo detto’. Facciamo, tutti, un passo indietro. Riprendiamo lo spirito patriottico del lockdown ed insieme, senza scoraggiarci e senza paura ma con la forza di chi ci crede e non si abbatte, combattiamo la battaglia finale. Abbiamo le armi giuste. Lo Spallanzani c’è. Ce la faremo!”. Lo ha scritto su Facebook Francesco Vaia, direttore dell’Ospedale Spallanzani di Roma.

“Il Paese non può essere disorientato né dagli scienziati né dai politici con messaggi diversi all’opinione pubblica – ha aggiunto – L’Italia oggi ha bisogno di coesione. Bisogna combattere tutti insieme la battaglia al Covid”.

Data:

2 Novembre 2020