Traduci

IN ITALIA ULTERIORI 38.375 CONTAGI E ALTRI 210 MORTI

cms_24979/4.jpg

cms_24979/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 38.375 contagi e altri 210 morti

Sono 38.375 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid – regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 210 morti.

Nelle ultime 24 ore sono stati processati 434.077 tamponi con un tasso positività all’8,8%. Calano i pazienti in terapia intensiva pari a 763 (- 36)in totale e i ricoverati con sintomi, che sono 11.103 (- 603).

Dall’inizio dell’emergenza sono state contagiate dal covid-19 12.732.680 persone, mentre le vittime salgono a 154.416. I guariti sono 11.437.706 in totale, 74.516 nelle ultime 24 ore. Ad oggi in Italia sono 1.140.558 le persone positive al Coronavirus.

cms_24979/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 – 26 Febbraio 2022)

CAMPANIA – Sono 3.578 i nuovi contagi da coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Campania, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati 13 morti, di cui 5 avvenuti in precedenza. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 34.006 test. In Campania sono 50 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 796 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

SARDEGNA – Sono 1.091 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Sardegna, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati due morti nell’isola. Nelle ultime 24 ore sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 10.546 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 23, 5 in meno da ieri. I pazienti ricoverati in area medica sono 340, 6 in meno da ieri. In isolamento a casa 31.317 persone.

LAZIO – Sono 4.482 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 nel Lazio, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 23 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 47.334 tamponi, di cui 34.358 antigenici con un tasso di positività al 9,4%. I ricoverati sono 1.447, 47 in meno da ieri, 131 le terapie intensive occupate, 3 in meno da ieri. Nelle ultime 24 ore sono guarite 11.145 persone. I casi a Roma città sono a quota 2.128.

Nella Asl Roma 1 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore sono 879 e 5 i decessi; 5 morti anche nella Asl Roma 2, dove si contano 642 contagi. Nella Asl Roma 3 i nuovi positivi sono 607 mentre i decessi sono 2. Quattro i morti nella Asl Roma 4 con 270 nuovi casi mentre nella Asl Roma 5 si contano 414 contagi e 5 decessi. Un solo morto nella Asl Roma 6 dove i nuovi positivi sono 533. Nelle province si registrano 1.137 nuovi casi di cui 349 nella Asl di Frosinone dove si registra anche e un morto; 477 casi nella Asl di Latina, 135 nella Asl di Rieti e 176 nella Asl di Viterbo.

LOMBARDIA – Sono 4.408 i nuovi contagi da coronavirus oggi 26 febbraio in Lombardia, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 19 morti. Il tasso di positività è l 7,2%. I decessi da inizio pandemia salgono a 38.537. In provincia di Milano i nuovi positivi sono stati 1.404, a Brescia 528, a Varese 434, a Monza e Brianza 356, a Bergamo 318, a Como 266, a Pavia 228, a Mantova 216, a Cremona 208, a Lecco 119, a Lodi 73 e a Sondrio 81.

PUGLIA – Sono 3.315 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Puglia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 17 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 25.782 tamponi, tra molecolari e antigenici. I ricoverati sono 624 nei reparti ordinari Covid, mentre quelli in terapia intensiva sono 39. Da inizio pandemia le vittime sono state 7.636 nella Regione. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Lecce a 896, Bari a 861 e Foggia a 546.

BASILICATA – Sono 497 i contagi da coronavirus in Basilicata oggi, 26 febbraio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati altri 8 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 3.271 tamponi (molecolari e antigenici). Le persone decedute risiedevano a Potenza (2), Matera, Ripacandida, Brienza, Senise, Pisticci e Cersosimo. Sono state registrate 537 guarigioni. I ricoverati per Covid-19 sono 110 (-7) di cui 3 (+1) in terapia intensiva: 61 (di cui 1 in TI) nell’ospedale di Potenza; 49 (di cui 2 in TI) in quello di Matera.

TOSCANA – Sono 2.363 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Toscana, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono morte 31 persone nella Regione. Da ieri sono guarite 4.728 persone. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 7.546 tamponi molecolari e 17.482 tamponi antigenici rapidi. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 899, 23 in meno rispetto a ieri, 57 in terapia intensiva, 8 in meno rispetto a ieri. In isolamento domiciliare 9.887 persone.

CALABRIA – Sono 1.136 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Calabria, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 6 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 8.578 tamponi. Da ieri sono guarite 1.541 persone. Il bollettino, inoltre, registra -411 attualmente positivi, -14 ricoveri (per un totale di 282) e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 22).

FRIULI VENEZIA GIULIA – Sono 637 i nuovi contagi da coronavirus oggi 26 febbraio in Friuli Venezia Giulia, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 6 morti. ’’Oggi in Friuli Venezia Giulia su 5.368 tamponi molecolari sono stati rilevati 219 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 4,08%. Sono inoltre 6.935 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 418 casi (6,03%). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 13, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti calano a 215’’. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

EMILIA ROMAGNA – Sono 2.223 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Emilia Romagna, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 18 morti nella Regione. Da ieri i guariti sono stati 4.020. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 19.223 tamponi, di cui 10.209 test antigenici rapidi con un tasso di positività dell’11,5%. Continua, intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 13 sono state somministrate complessivamente 10.125.332 dosi; sul totale sono 3.748.947 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 93,3%. Le terze dosi fatte sono 2.637.250.

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 79, 6 in meno rispetto a ieri. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.407, 81 in meno rispetto a ieri.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 461 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 241.671) seguita da Modena (327 su 183.897) e Reggio Emilia (272 su 130.227); poi Ferrara (220 su 80.703) e Ravenna (220 su 108.807), Parma (194 su 96.469), Rimini (191 su 116.979); quindi Cesena (105 su 66.755), Piacenza (89 su 64.271), il Circondario Imolese (79 su 36.695) e infine Forlì, con 75 nuovi casi di positività su un totale da inizio pandemia di 55.988. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 15.874. Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi, è stato eliminato 1 caso, positivo a test antigenico ma non confermato da tampone molecolare.

LIGURIA – Sono 1.008 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 26 febbraio 2022 in Liguria, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 4 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 10.641 tamponi di cui 7.795 rapidi. In Liguria ci sono al momento 15.150 positivi. I ricoverati sono 371, 22 in meno di ieri, 23 le terapie intensive occupate, una in meno di ieri. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Genova a 615, Savona a 174, La Spezia a 119 e Imperia a 95.

SICILIA – Sono 3.358 i nuovi contagi da coronavirus oggi 26 febbraio in Sicilia, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 29 morti. I pazienti guariti sono 5.649. Nell’isola, in totale, ci sono 229.839 casi, 1.325 in meno rispetto a ieri, e di questi 1.046 sono ricoverati in regime ordinario, 77 in terapia intensiva con 9 nuovi ingressi, e 228.716 sono in isolamento domiciliare. Fra le province quella con maggior casi è Palermo, 1.154, seguita da Messina con 805, e Catania con 678.

cms_24979/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_24979/2_ISS.jpgCovid,report Iss: in età scolare 31% contagi

Covid oggi in Italia, stabili nell’ultimo mese i contagi in età scolare. Si tratta del 31% delle popolazione secondo quanto riporta l’ultimo report dell’Istituto superiore di sanità (Iss). “Nell’ultima settimana il 20% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nei bambini sotto i 5 anni, il 44% nella fascia d’età 5-11 anni, il 36% nella fascia 12-19 anni”.

CASI TRA 0-19 ANNI – Dall’inizio dell’epidemia alle ore 12 del 23 febbraio 2022 “sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata Covid-19 2.805.320 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 14.544 ospedalizzati, 339 ricoverati in terapia intensiva e 48 deceduti”.
REINFEZIONI – “Nell’ultima settimana la percentuale di reinfezioni sul totale dei casi segnalati è pari a 3,1%, in leggera diminuzione rispetto alla settimana precedente (3.2%)”. Dal 24 agosto 2021 al 23 febbraio 2022 sono stati segnalati 232.818 casi di reinfezione, pari a 3% del totale dei casi notificati. Secondo il report Iss, l’analisi del rischio di reinfezione a partire dal 6 dicembre 2021, data considerata di riferimento per l’inizio della diffusione della variante Omicron, “evidenzia un aumento del rischio relativo aggiustato di reinfezione: nei soggetti con prima diagnosi notificata da oltre 210 giorni rispetto a chi ha avuto la prima diagnosi fra i 90 e i 210 giorni precedenti; nei soggetti non vaccinati o vaccinati con almeno una dose da oltre 120 giorni rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni; nelle femmine rispetto ai maschi – suggerisce il report -.
Il maggior rischio nei soggetti di sesso femminile può essere verosimilmente dovuto alla maggior presenza di donne in ambito scolastico, oltre l’80%, dove viene effettuata una intensa attività di screening e al fatto che le donne svolgono più spesso la funzione di caregiver in ambito familiare”.
E poi “nelle fasce di età più giovani (dai 12 ai 49 anni) rispetto alle persone con prima diagnosi in età compresa fra i 50-59 anni. Verosimilmente il maggior rischio di reinfezione nelle fasce di età più giovani è attribuibile a comportamenti ed esposizioni a maggior rischio, rispetto alle fasce d’età sopra i 60 anni; infine negli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione”.
cms_24979/GISMONDO_maria-rita.jpgGismondo: “Follia green pass base per stranieri e non per italiani che lavorano”

“E’ un Paese sicuramente anormale quello che fa entrare i cittadini extraeuropei con un Green pass base e li fa circolare, però impedisce ai propri abitanti, ai propri residenti, di andare a lavorare con lo stesso documento”. Lo trova “assurdo” la microbiologa Maria Rita Gismondo, che pur accogliendo con favore il provvedimento che dal primo marzo equiparerà gli arrivi extra Ue a quelli Ue, punta il dito contro “un’anomalia oggettiva”: il certificato base basta agli stranieri per fare il loro ingresso in Italia, ma non agli italiani over 50 per presentarsi sul posto di lavoro. “Siamo veramente alla follia”, commenta.

“Ritengo positivo l’allentamento delle misure ai confini per i turisti extraeuropei che vogliono entrare in Italia e che ora potranno farlo con il Green pass base, quindi eventualmente anche con il tampone, se non vaccinati – premette la direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano – Ma se questa è una misura assolutamente ragionevole, e auspichiamo sia preludio di altre aperture – precisa l’esperta – trovo assurdo allora che resistano alcuni paletti per i cittadini italiani”.

Data:

27 Febbraio 2022