Traduci

INCENDI – Aumentati di dieci volte nell’ultimo decennio

Tra gli effetti più estremi e pericolosi legati al cambiamento climatico ci sono gli incendi, sempre più spesso estesi e devastanti, che colpiscono indifferentemente le più diverse aree del Pianeta. Il fatto che boschi e foreste brucino sempre più spesso oltretutto non fa che alimentare il surriscaldamento globale a causa del carbonio emesso in atmosfera dalla combustione di alberi e vegetazione. Con particolare riferimento all’area del Mediterraneo, la frequenza degli incendi con effetti devastanti è aumentata di dieci volte negli ultimi dieci anni, secondo quanto indicato da uno studio pubblicato sulla rivista Nature & Evolution.

I numeri degli incendi nel mondo

La ricerca sopra citata rivela che l’intensità degli incendi è praticamente raddoppiata dal 2003, inoltre i dati indicano che dal 2017 al 2023 ovvero negli ultimi 6 anni, si sono verificati gli eventi più gravi e devastanti. Con l’aiuto delle tecnologie satellitare è stato possibile registrare ben 3 mila incendi estremi nelle ultime stagioni, che hanno colpito specie Stati Uniti, Canada, Australia, ma anche Sudamerica, principalmente il Cile e l’area dell’Amazzonia. Sono proprio gli eventi più estesi che preoccupano maggiormente gli scienziati in quanto causano non solo devastazione del territorio, ma anche nuovi quantitativi di CO2 in atmosfera. Anche se lo studio evidenzia che l’area complessiva andata bruciata è tendenzialmente in diminuzione, uno degli indicatori che colpisce è che gli eventi estremi sono in deciso aumento nell’emisfero boreale, aree dove si trovano ad esempio le grandi foreste del Canada e del Nord America composte per la maggioranza da conifere, piante, che catturano grandi quantitativi di carbonio. Quello stesso carbonio che viene rilasciato nel momento in cui la pianta viene distrutta dal fuoco. Infine, un dato in controtendenza. Gli incendi più lievi e di dimensioni ridotte, spesso causate con azioni dolose, sembrerebbero in diminuzione, sia a livello mondiale che nel nostro Paese.

Data:

7 Luglio 2024
Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *