Traduci

IRAN, NUOVA MINACCIA A ISRAELE – “Se ci attacca non ne rimarrà niente”

Il nuovo monito lanciato dal presidente iraniano, Ebrahim Raisi

_______________°_______________

Se Israele attaccasse l’Iran, è “improbabile” che rimarrà “qualcosa” dello Stato ebraico. E’ il nuovo monito lanciato dal presidente iraniano, Ebrahim Raisi, durante un intervento all’università di Lahore. Raisi, citato dall’agenzia di stampa Tasnim, si trova da ieri in Pakistan per una visita ufficiale di tre giorni.

Sottolineando che l’Iran “ha punito il regime sionista per il crimine commesso”, ovvero l’attacco al consolato della Repubblica islamica a Damasco, Raisi ha affermato che “se il regime sionista commettesse l’errore di invadere la Terra Santa dell’Iran, la situazione cambierà ed è improbabile che rimarrà qualcosa di questo regime”.

Ministro Esteri Iran: sanzioni Ue ‘deplorevoli’

Da parte sua il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir-Abdollahian, ha bollato le sanzioni varate dall’Unione Europea a seguito dell’attacco iraniano contro Israele come “deplorevoli”. “È deplorevole vedere l’Ue decidere rapidamente di applicare ulteriori restrizioni illegali contro l’Iran solo perché l’Iran ha esercitato il proprio diritto all’autodifesa di fronte alla sconsiderata aggressione di Israele”, scrive in un commento postato su X. “L’Ue non dovrebbe seguire il consiglio di Washington” di rispondere alle richieste del “criminale regime israeliano”.

“È anche deplorevole”, prosegue, “che, mentre il regime israeliano continua il suo genocidio contro i palestinesi attraverso diversi crimini di guerra, attacchi missilistici e carestia, la reazione dell’Ue a tali crimini non sia quasi nulla più che parole vuote. L’Ue deve agire in modo responsabile e sanzionare il regime israeliano”, conclude.

L’esperto: da tensione Israele-Iran per ora nessun impatto duraturo su economia globale

“Per quanto riguarda l’acuirsi del conflitto in Medio Oriente, nonostante i mercati finanziari abbiano la tendenza a trascurare le incertezze geopolitiche, la prospettiva di un’espansione delle ostilità non manca di sollevare preoccupazioni, soprattutto se si considerano due fattori di rischio. Il primo è il sentiment di mercato, poiché durante le crisi gli investitori liquidano gli asset rischiosi e investono in “beni rifugio”, come oro o titoli di Stato. Questo sentiment può cambiare rapidamente, in entrambe le direzioni. Il secondo è l’impatto macroeconomico, con il rischio di una crescita più lenta e di un’inflazione più elevata, trainata dalla combinazione di sentiment e pressioni sulla catena di approvvigionamento”. Così Richard Flax, chief investment officer di Moneyfarm, società di consulenza finanziaria indipendente con approccio digitale, specializzata in investimenti di medio-lungo termine.

Secondo Flax “La situazione attuale rimane molto incerta, ma è troppo presto per concludere che ci sarà un impatto a lungo termine sull’economia globale. La geopolitica sta complicando le prospettive a breve termine e ha pesato sull’andamento dei mercati negli ultimi giorni, oltre che sulle sfide che i policymaker si trovano a dover affrontare mentre ricercano il punto di equilibrio tra inflazione e crescita.

Data:

24 Aprile 2024
Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *