Traduci

KIEV:”COMPILATO QUESTIONARIO ADESIONE UE

cms_25690/europa_ucraina.jpg

L’Ucraina ha compilato il questionario per ottenere lo status di Paese candidato per l’adesione all’Unione europea. Lo ha fatto sapere Igor Zhovkva, vice capo di gabinetto del presidente Volodymyr Zelensky e suo consigliere diplomatico. Lo riporta ’Ukrinform’, riferendo che Zhovkva ha osservato: “Non esiste uno Stato membro dell’Unione europea che si oppone all’adesione dell’Ucraina all’Unione europea. La posizione dei Paesi differisce sulla velocità della procedura che l’Ucraina deve seguire prima di diventare membro”.

Il vice cago di gabinetto di Zelensky ha fatto anche sapere: “Stiamo parlando con Paesi che non credono ancora in una procedura di adesione rapida, anche se la maggior parte dei Paesi è incline a credere che l’Ucraina debba superare questo processo rapidamente”.

cms_25690/Nato_Finlandia.jpg

cms_25690/Antti_Kaikkonen.jpgIn Finlandia il sostegno all’adesione alla Nato “è aumentato in tutti i partiti. Come accaduto a molti finlandesi, l’invasione russa ha cambiato la nostra posizione.

Per decenni il sostegno della Nato languiva intorno al 20%. Ora l’umore è cambiato, e tanto. Dopo Pasqua il Parlamento comincerà la discussione. E la decisione definitiva potrebbe arrivare per fine maggio”.

E’ quanto afferma il ministro della Difesa finlandese, Antti Kaikkonen, in un’intervista a ’La Repubblica’.

“Dopo la discussione in Parlamento ci sarà bisogno del parere del governo e del presidente – ha aggiunto riferendosi alla discussione del libro bianco presentato ieri dal governo – Ma penso che la richiesta di adesione possa arrivare anche prima dell’estate”. Riguardo poi al rischio di una reazione di Mosca afferma: “Penso che potremmo assistere a un periodo di incursioni ibride. Ma non voglio speculare. I russi hanno detto che reagiranno, in qualche modo. E penso che investiranno più forze militari in questa parte dell’Europa, sul fianco occidentale”.

Il ministro ritiene “possibile” che vi siano movimenti lungo il confine, “ma è presto per dirlo. Ad un certo punto, se la guerra con l’Ucraina finisse, la Russia potrebbe spostare truppe a Murmansk e in altre regioni vicino ai confini. Anche se va ricordato che in alcune aree ha già una presenza militare”. “Abbiamo mantenuto in forma il nostro esercito per decenni. Anche dopo la Guerra fredda, quando molti Paesi europei hanno tagliato le spese militari – prosegue – Abbiamo un esercito forte: una capacità di combattimento di 280mila soldati cui si aggiungono 900mila riservisti. È uno dei maggiori eserciti europei. E l’anno scorso abbiamo comprato 64 jet F-35 e quest’ anno abbiamo investito 2,9 miliardi in più sulla difesa. Abbiamo la volontà e la capacità di difenderci”.

(fonte AdnKronos – foto dal web)

Data:

18 Aprile 2022