Traduci

LA FINLANDIA COSTRUISCE UNA RECINZIONE DI 200 KM LUNGO IL CONFINE RUSSO

cms_29587/0.jpgLa Finlandia sta costruendo un muro di 200 chilometri al confine con la Russia per aumentare la propria sicurezza, oltre al fatto che Helsinki ha timore che Mosca possa utilizzare i flussi di migranti alla frontiera per scopi politici.

I lavori sono iniziati questa settimana con il disboscamento della zona interessata e procederanno in modo tale che la costruzione di strade e l’installazione di recinzioni possano essere avviate a marzo. Il progetto prevede una fase pilota di 3 chilometri, al valico di frontiera sud-orientale di Imatra che sarà ultimata entro giugno, per testare le capacità della barriera prima di completare l’intera installazione.

La recinzione sarà alta oltre 3 metri, con filo spinato nella parte superiore e aree particolarmente sensibili dotate di telecamere per la visione notturna, luci e altoparlanti.

cms_29587/foto_1.jpg

La Finlandia, con un confine totale di 1.300 chilometri, prevede di recintare i 200 chilometri confinati con la Russia per un totale di 380 milioni di euro.

Al momento, i confini sono protetti soltanto da recinzioni in legno leggero, progettate principalmente per impedire al bestiame di vagare dalla parte sbagliata.

Temendo che Mosca potesse utilizzare i migranti per esercitare pressioni politiche su Helsinki; la Finlandia ha approvato a luglio nuovi emendamenti alla legge sulle guardie di frontiera per facilitare la costruzione di recinzioni più robuste.

Sebbene il confine tra Finlandia e Russia abbia “funzionato bene” in passato, il generale di brigata Jari Tolppanen ha dichiarato che la guerra in Ucraina ha cambiato totalmente la questione della sicurezza, sottolineando che la barriera di confine è “indispensabile” per fermare gli ingressi illegali su larga scala dal territorio russo. Come l’afflusso di russi verificatosi a settembre dopo che il presidente Vladimir Putin ha ordinato la mobilitazione dei riservisti per combattere in Ucraina.

Sulla scia della Finlandia anche l’Estonia, la Lettonia e la Polonia hanno aumentato ed aumenteranno la sicurezza ai loro confini con la Russia.

Data:

2 Marzo 2023