Traduci

LA JUVE BATTE L’INTER E TORNA IN VETTA ALLA CLASSIFICA

In un clima surreale – per via dell’assenza dei tifosi sugli spalti imposta dal Governo per fronteggiare l’emergenza “corona virus” – il campionato di serie A riparte dai recuperi della 26ma giornata.

Si inizia dalla gara Parma – Spal terminata 0-1 in virtù del rigore trasformato da Petagna nella ripresa. Un risultato che allontana il Parma dall’Europa, mentre riaccende, la speranza di salvezza – sia pur minima – della squadra emiliana, a sette punti dall’ultimo posto utile occupato da Genoa e Lecce.

Grazie ad una doppietta di Quagliarella nella ripresa, invece, la Sampdoria batte in rimonta il Verona per 2-1 ed esce dalla zona calda della classifica. Di Zaccagni, nel primo tempo, la rete del temporaneo vantaggio veneto.

cms_16467/2_Davide_Nicola_adnkronos.jpg

Sempre in ottica salvezza, importante vittoria esterna (la seconda consecutiva) del Genoa di Nicola che supera il Milan per 2-1 e si porta ad un punto dal quartultimo posto occupato proprio dalla Sampdoria. Le reti sono state realizzate da Pandev e Cassata – nel primo tempo – per i liguri – e da Ibrahimovic, nella ripresa, per i rossoneri.

Finisce 0-0, invece, tra Udinese e Fiorentina, due squadre che non sono completamente fuori dalla lotta per non retrocedere avendo rispettivamente appena 3 e 5 punti di vantaggio sul terzultimo posto.

cms_16467/3_sarri_maurizio_adnkronos.jpg

Nel posticipo serale, infine, la Juventus batte l’Inter 2-0 grazie alle reti, entrambe nella ripresa, di Ramsey e Dybala.

Una vittoria meritata anche se l’Inter è sembrata stare meglio in campo almeno fino al momento del gol che, di fatto, ha cambiato l’inerzia della gara.

Un risultato che permette alla Juve di riprendere la vetta della classifica e di allungare in modo sostanziale sull’Inter che, pur avendo ancora una partita da recuperare, può ormai dire addio ai possibili sogni di scudetto ritrovandosi a -9 dalla Juve e a -8 dalla Lazio.

Una gara come sempre affascinante fra due squadre eterne rivali accolte, questa volta, da uno stadio stranamente, ma anche tremendamente silenzioso.

(Foto da adnkronos.com – si ringrazia)

Autore:

Data:

9 Marzo 2020