Traduci

LA LEGGENDA DI AGARTHA – Un Misterioso Mondo Sotterraneo

La leggenda di Agartha è una delle storie più affascinanti e misteriose che ha catturato l’immaginazione di esploratori, studiosi e appassionati di esoterismo per secoli.

Questo mito parla di una città o di un regno sotterraneo nascosto nelle profondità della Terra, abitato da una civiltà avanzata e spiritualmente evoluta che, secondo molte teorie, sarebbe la nostra progenitrice. Ma cos’è esattamente Agartha e da dove proviene questa leggenda?

Le radici del mito possono essere ricondotte a varie tradizioni culturali e religiose, soprattutto asiatiche, che citano il famoso regno di Shambhala, un luogo nascosto tra i picchi del Tibet in cui si respirerebbe pace e serenità. Tuttavia, il concetto di Agartha come regno sotterraneo si è sviluppato principalmente in Occidente durante il XIX e il XX secolo, spesso intrecciandosi con le teorie della Terra Cava.

La teoria della Terra Cava, proposta da diversi studiosi e scrittori tra cui Edmond Halley e John Cleves Symmes, suggerisce che il nostro pianeta potrebbe avere grandi cavità al suo interno, alcune delle quali abbastanza grandi da ospitare interi regni con pianure, monti, fiumi e persino oceani.

Questa idea ha alimentato la leggenda di Agartha, dipingendola come una vastissima rete di gallerie e caverne sotterranee collegate da ingressi nascosti in varie parti del mondo, come l’Antartide e le catene montuose dell’Himalaya (in Italia alcune cavità in Abruzzo e nel Cilento, per esempio).

Alcune teorie cospirative suggeriscono che spedizioni scientifiche e militari abbiano scoperto ingressi ad Agartha nei ghiacci dell’Antartide, ma che queste informazioni siano state occultate dai governi per motivi sconosciuti.

Secondo la leggenda, Agartha è abitata da una civiltà estremamente avanzata, sia dal punto di vista tecnologico che spirituale. Gli abitanti di Agartha sarebbero i discendenti di antiche civiltà terrestri, come gli Atlantidei, sopravvissuti alla distruzione del loro mondo e rifugiatisi nelle profondità della Terra. Essi avrebbero sviluppato tecnologie che noi possiamo solo immaginare, come mezzi di trasporto avanzati, energie pulite e incommensurabili capacità psichiche.

Uno degli elementi più affascinanti della leggenda è la figura del Re del Mondo, il sovrano di Agartha. Questo re, secondo alcune versioni, non è solo un leader politico ma anche una guida spirituale, in grado di comunicare telepaticamente con altri grandi maestri spirituali del mondo esterno. Egli regnerebbe con saggezza e giustizia, preservando l’equilibrio e l’armonia nel regno sotterraneo. Secondo alcuni ufologi, gli attuali avvistamenti di UFO sarebbero in realtà da attribuirsi a questa antica civiltà; quindi, gli alieni non sarebbero affatto extraterrestri ma più terrestri di quanto si possa immaginare.

La leggenda di Agartha e la teoria pseudoscientifica della Terra Cava, forse perché coraggiosamente immaginifiche in un mondo intristito da scientismo e positivismo, hanno profondamente plasmato l’immaginario collettivo europeo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Queste idee hanno ispirato scrittori, pionieri e occultisti, alimentando la credenza in un mondo sotterraneo. Molti hanno creduto davvero nell’esistenza di una terra sotto la Terra, e tra i più influenti sostenitori ci sono stati l’occultista Alexandre Saint-Yves, lo scrittore Jules Verne, il politico Willis Georges Emerson, l’esploratore Ferdynand Ossendowski e la teosofa Madame Blavatsky. Il mondo di Agartha era considerato un rifugio per la Herrenrasse, la razza ariana, il che ha permesso al mito di migrare dall’occultismo angloamericano al sottobosco iniziatico della Germania weimariana. Qui, il mito è stato integrato nel già ricco apparato misticistico di società segrete protonaziste, convinte dell’esistenza di esseri in possesso di doti psicofisiche eccezionali e che in passato furono considerati divinità. Anni dopo, con l’ingresso di ex membri di queste società occulte nel Partito Nazista, l’ala esoterica del Terzo Reich ha fatto della ricerca di Agartha una delle priorità della propria agenda, almeno secondo le leggende.

Autore:

Data:

23 Giugno 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *