Traduci

LA LUNGA TELEFONATA TRA OBAMA E PUTIN

Barack Obama ha avuto un colloquio telefonico «di un’ora» con Vladimir Putin, dopo aver firmato ieri un ordine esecutivo per imporre restrizioni sui visti e avere flessibilità di decidere ulteriori sanzioni in risposta alle iniziative di Mosca in Ucraina. «Il presidente Obama ha sottolineato che le azioni della Russia violano la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina, e che queste ci hanno spinto ad adottare diverse misure, in coordinamento con i nostri alleati europei», ha fatto sapere la Casa Bianca al termine del colloquio. «Il presidente Obama ha dichiarato che è possibile risolvere la situazione attraverso le vie diplomatiche, soddisfacendo gli interessi della Russia, del popolo ucraino e della comunità internazionale», si legge ancora nella nota. Nel suo colloquio, Obama ha quindi ribadito la posizione americana per risolvere la crisi: «colloqui diretti tra Ucraina e Russia, facilitati dalla comunità internazionale», l’invio di osservatori internazionali, per garantire il rispetto dei diritti «di tutti gli ucraini, compresi i russi» e il ritiro delle forze russe. «La comunità internazionale potrà aiutare il popolo ucraino a preparare le elezioni di maggio», ha concluso la Casa Bianca. (fonte Afp) Sim Durante la conversazione telefonica, durata circa un’ora, Obama ha comunque sottolineato che «esiste una via diplomatica per risolvere» la crisi, ha riferito la Casa Bianca. E la soluzione, ha ribadito il presidente americano al suo interlocutore, «passa per i colloqui diretti tra Kiev e Mosca, mediate dalla comunità internazionale». Putin avrebbe poi accettato l’invio di osservatori internazionali che assicureranno il rispetto dei diritti di tutti i cittadini, ucraini e russi, in preparazione delle elezioni di maggio. Obama ha poi chiesto a Putin di ritirare le sue truppe dalle installazioni militari in Crimea.

Data:

1 Giugno 2014