Traduci

LA NOSTRA SCOMMESSA: DALLA BREXIT VINCERA’ MILANO

La vittoria del Leave marca contestualmente l’atto di nascita di SELECT Milano, un’iniziativa in gestazione da un anno e mezzo, che si propone di capitalizzare il nuovo assetto dell’Unione Europea post Brexit, per attrarre a Milano le attività commerciali e finanziarie ad alto valore aggiunto tuttora stabilite nella City di Londra. SELECT Milano nasce con l’obiettivo di promuovere il ruolo di Milano come capitale finanziaria dell’Eurozona e ponte con la City di Londra; promuovere la costituzione e la valorizzazione del distretto finanziario di Milano globalizzando il relativo marchio. Aprire un ufficio di rappresentanza commerciale della comunità degli affari di Milano a Londra. Attrarre investimenti britannici a Milano. Collaborare con il governo centrale e i governi locali per studiare iniziative di sostegno e incentivi fiscali. Promuovere l’abolizione della Tobin tax.

cms_4173/foto_2.jpg

I promotori dell’iniziativa sono Bepi Pezzulli, General Counsel di Italiaonline (Presidente), Luca Arnaboldi, Senior Partner dello Studio Carnelutti (Vice Presidente), Silvia Girotti, Consulente di direzione, Andrea Buraschi, Professore di Finanza all’Imperial College di Londra, e Filippo Zabban, notaio in Milano.

cms_4173/foto_3.jpg

Il Presidente di SELECT Milano, Bepi Pezzulli, ha commentato “La Brexit rappresenta un’opportunità straordinaria per Milano. Dobbiamo fare sistema per catturare il mercato del Forex in Euro che lascerà Londra; nonchè il regolamento di tutte le transazioni denominate in Euro e sottoposte a clearing centralizzato, che la Banca Centrale Europea regolamenterà ex novo.” “Prevedo anche – sostiene Pezzulli – che si possa fare un ragionamento sul mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, che seguirà a breve”. Nei prossimi giorni SELECT Milano presenterà alle istituzioni e ai media il direttivo, che includerà esponenti del gotha accademico e finanziario di Milano, il programma di iniziative, le posizioni tecniche e le relazioni e analisi a sostegno delle proprie attività, nonchè la corrispondente rete inglese.

cms_4173/foto_4.jpg

Filippo Zabban nota che “Milano possiede l’infrastruttura ed il know-how per gestire i flussi in uscita da Londra. Le condizioni sono favorevoli: la borsa di Milano è parte del London Stock Exchange Group, la società emittenti titoli è a proprietà inglese, e la città offre talento, esperienza e sinergie evidenti”.

cms_4173/foto_5.jpgI promotori sono da anni impegnati nel dialogo anglo-italiano. Pezzulli, che è Britannico, prima di assumere il suo attuale incarico in Italiaonline, è stato attivo per un decennio a Londra, da Direttore Legale della multinazionale degli investimenti BlackRock, in cui ha presideduto il comitato di lavoro sulla Brexit e da dirigente nel servizio legale della BERS, la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; Arnaboldi cura una vasta clientela sulla piazza finanziaria inglese; Buraschi, dirige i programmi di specializzazione post laurea alla Business School dell’Imperial College; Girotti ha diretto con successo il coordinamento nazionale del Movimento Italiani all’Estero, è Presidente per la Regione Lazio della no profit Internazionale “ Azzurro Italia – Movimento per il Territorio e la Vita” e Vicedirettore dell’International web Post. “Non ho dubbi che sapremo dimostrare di saper fare sistema. Ci aspettiamo porte aperte a Roma, e il sostegno di tutte le componenti interessate, sapendo che Milano saprà cogliere l’occasione. Questa iniziativa può essere l’atteso acceleratore dello sviluppo economico, trainare il paese, e mettere Milano dove merita: in cima al mondo” chiosa Pezzulli. La prima scommessa è stata già vinta. Per la seconda, non si scommetta sull’autogol. Non con questa squadra.

Data:

2 Luglio 2016