Traduci

LA RUSSIA DI PUTIN NEL MIRINO

Gli Usa stanno costruendo il pretesto per aggirare Assad che con l’aiuto di Putin ha incastrato i ribelli, per salvare i quali si prodigano i soliti alleati, Turchia, Israele, e la stessa Europa.L’attacco chimico nella cittadina di Khan Sheikhun ad Idlib nei pressi del confine turco martedì 4 aprile solleva orrore e accuse, ma potrebbe essere l’occasione per eliminare per sempre Assad e procedere secondo il piano di spartizione programmato.Anche l’attentato in Russia, per l’Occidente sarebbe opera di Putin stesso. Sebbene Trump abbia tentato e stia tentando di instaurare una nuova visione della politica europea e statunitense nei confronti della Russia, lo stesso ha dovuto ritrattare per far prevalere la volontà di quel ‘potere superiore’ che in qualsiasi momento potrebbe spodestarlo. La Russia per i conservatori estremisti Usa è colpevole di essersi introdotta nella questione siriana, danneggiando Israele che con l’appoggio della ormai nota alleanza saudita e Turca doveva radere al suolo la Siria. Ma certo, comprendere la psicologia della politica europea che deve necessariamente echeggiare quella statunitense, per quanti sforzi si facciano, è davvero impossibile. Tutte le voci che si levano ad accusare Putin e Assad, senza una indagine reale dei fatti, disturba la mente e addolora il cuore perché questa superficialità di giudizio distrugge la credibilità di ciò che l’Europa sta costruendo per il futuro e sostituisce agli ideali la bugia, l’inganno, il tradimento, la corruzione.

cms_5958/2.jpgSeguendo la logica del pensiero verrebbe spontaneo chiedersi che motivo avesse Assad di far del male a sé stesso, distruggendo quella immagine che stava guadagnando fiducia con l’abbattimento del terrorismo in Siria quando proprio Trump aveva annunciato qualche giorno prima che egli sarebbe rimasto al suo posto. Ma tutto lo staff del presidente Trump, compreso Tillerman, lasciava intendere che l’America avrebbe preso l’iniziativa direttamente sul campo siriano per sistemare le cose a suo modo e che lo avrebbe fatto senza alcun preavviso. Un atteggiamento questo che rivela la volontà estrema di voler abbattere a tutti i costi la Siria per dividerla in tante federazioni e accontentare, oltre Israele, gli alleati islamici. A nessuno di questi signori importa nulla della vita di bambini siriani tanto meno alla stessa Europa che si prodiga nell’accoglienza, senza mai condannare la causa vera di tanto orrore. Non è un caso infatti che gli Usa si siano preparati da tempo all’evento tragico di una guerra totale da scatenare in tutto il medio Oriente e quale sarà il ruolo della Russia in questo possibile apocalittico scenario non lo si potrà sapere se non quando si perderà il controllo degli eventi e la barbarie che fino ad oggi è stata costruita con la freddezza di un ‘Frankenstein ‘, giusto per citare la parole del generale Clark , dominerà in ogni città europea. Sui confini della Russia infatti stazionano forze militari della Nato e degli ’Usa, con corazzate, artiglieria, lanciamissili pronti per un attacco. Una vera sfida alla pazienza di Putin che fino ad ora ha agito con prudenza e nervi saldi.

cms_5958/3.jpg

Assurda l’idea che sia stato lo stesso Putin a programmare un attentato nella sua città natale di Pietroburgo sul metrò, molto più realistico che siano stati i terroristi soliti a cui vengono dati gli ordini di esecuzione. Non è più un segreto affermare questa verità visto che il generale Wesley Clark, appena nominato, ex comandante NATO nel 2015, in una intervista alla CNN aveva testualmente detto: …. Abbiamo reclutato Zeloti ed estremisti takfiri”, creato “un Frankenstein”; ….“L’ISIS è stato creato dai nostri alleati per battere fino alla morte gli Hezbollah”. Gli alleati sarebbero: la monarchia Saudita che intende debellare gli sciiti che vivono in Libano, ma anche lo stato sionista. Israele. https://www.youtube.com/watch?v=QHLqaSZPe98.( News da M. Blondet).Intanto l’Occidente si coalizza contro Putin. Ma questi ha il suo asso nella Manica. L’intelligence e la difesa russa infatti, raccontano del presunto attacco chimico e spiegano che l’aviazione siriana aveva bombardatoun magazzino dei terroristi dove si fabbricavano munizioni chimiche per utilizzarle in Siria ed in Iraq. A dirlo il rappresentante della Difesa russa Ígor Konashénkov.“Il giorno 4 di Aprile fra le ore 11,00 e le 12,30 gli aerei dell’aviazione siriana hanno attaccato un raggruppamento di veicoli blindati ed un magazzino dei terroristi ubicato nei dintorni della città di Jan Sheijun”, ha precisato Konashénkov, citando i dati forniti dai radar russi. Il magazzino attaccato veniva utilizzato per la produzione di proiettili con ogive chimiche e forniva armi chimiche per gli estremisti in Iraq. (Ogiva: parte anteriore di un proiettile o di un missile, che spesso contiene una carica d’innesco (spoletta) o di scoppio es.: ogiva atomica) . L’utilizzo di questi proiettili è stato confermato tanto dalle organizzazioni internazionali, come dalle autorità irachene”, ha spiegato il rappresentante russo (news da Controinformazione).Inoltre queste stesse munizioni sono state utilizzate ad Aleppo nell’autunno dell’anno scorso. In quell’occasione gli specialisti russi avevano consegnato i dati sull’utilizzo delle sostanze chimiche da parte degli estremisti all’Organizzazione per il divieto di Armi Chimiche (OPAQ), ha ricordato Konashénkov. I sintomi di intossicazione riscontrati ad Aleppo erano gli stessi che si possono vedere nelle registrazioni diffuse nel caso di Jan Sheijun, attraverso i social media, ha aggiunto Konashénkov.“Affermiamo che questa informazione è obiettiva e verificata”, ha dichiarato ancora Konashénkov .Martedì l’Osservatorio Siriano per i Diritti umani (con base a Londra) aveva denunciato l’attacco chimico che aveva prodotto circa 80 morti e 200 feriti, secondo la versione della Coalizione delle Forze Oppositori ed avevano accusato di questo le truppe governative.

cms_5958/4.jpg

L’ONU ha iniziato una indagine sull’incidente mentre l’OPAQ si è dichiarata preoccupata per l’uso di armi chimiche. (tradotta dalla lingua russa dal giornale on line: Controinformazione e da Sputnik). Ma nonostante questa versione reale dei fatti, gli USA, il Canada, tutti i paesi Nato si sono affannati ad accusare il Governo Siriano senza attendere i risultati dell’indagine degli specialisti ONU e della OPAQ (organizzazione per il Divieto delle Armi Chimiche). Bisognava approfittare di questo incidente per preparare una campagna massiccia contro Assad per accusarlo di ‘crimini di guerra’ e tacere sulla verità. Le armi chimiche erano forse in possesso dei ribelli ‘jihadisti’, gli stessi terroristi – stando alle parole di Clark – che gli Usa hanno costruito, addestrato e che continueranno a sostenere entrando in Siria con il pretesto di aiutare il governo di Assad a debellarli? Assad non è più feroce e criminale di quanto lo siano altri governi nel mondo. Ma se i fondamentalismi del pensiero umano istigati da quelle velenose ideologie di egemonia a loro volta guidate da fanatici messaggi “divini”, allora la violenza e le stragi per annientare chi si oppone diventano per queste menti malate un imperativo. Noi europei che abbiamo raggiunto il massimo livello della civiltà siamo costretti a parteggiare per chi sta sognando un ‘Ordine Mondiale ‘ per il ‘Popolo Eletto’ da Dio. Un Dio che nella Bibbia non esisterebbe come tale, secondo quanto racconta nei suoi tanti libri il prof, Mauro Biglino. Siamo tutti condizionati dagli inganni del nostro pensiero e su questo costruiamo la storia con i suoi errori, le sue violenze, le sue bugie. Per capire abbiamo sempre bisogno di scavare nel passato per accorgerci che il presente altro non è se non la continuazione di quel filo che si srotola lentamente come la pellicola di un film da cui emergono le stesse scene di violenza , le stesse stragi , lo stesso orrore che nessuno stato illuminato è riuscito fin ora a debellare.

Data:

7 Aprile 2017