Traduci

LA RUSSIA : UNICA SALVEZZA PER LA SIRIA CHE MUORE E PER IL NOSTRO CONTINENTE AGONIZZANTE

L’Europa smetta di imporre agli stati membri le sue decisioni . Non ha alcun diritto su quelle nazioni che osano pensarla diversamente dagli oligarchi che decidono di sanzionare gli stati liberi senza un consenso referendario e senza le garanzie di un vero Governo Federale.

cms_2718/foto_1.jpg

Le invasioni in Europa dalla Siria , dalla Libia e in massima parte da diversi paesi del centro Africa, sebbene umanamente comprensibili rappresentano un rischio elevato di conflittualità future in cui tutti i politici ed europarlamentari responsabili dovrebbero evitare di incorrere. I mezzi per arginare queste masse umane che corrono disperate verso la salvezza ma non certo verso la stabilità economica che sognano, ci sono, ma l’Europa non mostra alcuna volontà decisionale in questo senso lasciando che il fiume rompa gli argini e, straripando, lasci sul campo problemi irrisolvibili di cui solo il tempo potrebbe mostrarne la devastante portata. Prima che il collasso diventi irreversibile provi l’Europa a salvare se stessa dal caos che ne deriverà perché questa inarrestabile emorragia se non verrà arginata con le giuste misure, potrebbe concludersi con le stesse tipologie di massacri che hanno insanguinato fino ad ora il Medio Oriente. Solo che il terreno di morte potrebbe essere quello Europeo.

cms_2718/foto_2.jpg

Non è pensabile che i politici recitino la parte dei buoni samaritani sbandierando in ogni trasmissione televisiva le solite bugie per non compromettere, con una cocente verità, la loro stabilità di parlamentari ben pagati tanto più quando gli aiuti economici non provengono dalle loro floride tasche ma dalla gente comune a cui vengono aumentate le tasse con cui contribuire alla solidità monetaria europea. Denigrare o peggio condannare chi in tutto questo caotico migrare , riesce a visualizzare un futuro non troppo positivo è cosa assolutamente ingiusta ed incivile poiché ogni pensiero diverso da quello autoritario di un Governo o di una piccola maggioranza che decide anche per conto di cittadini europei disperati che dormono nelle auto perché senza casa e senza lavoro è altrettanto vergognoso e prevaricante.. Oggi l’Europa, senza alcun Governo Politico, continua a decidere e imporre senza alcun rispetto per la libertà di opinione degli stati membri inciampando in tal modo, in una forma di potere dittatoriale di cui il popolo vorrebbe liberarsi per i troppi divieti che ostacolano la semplice vita di ogni giorno.

cms_2718/foto_3.jpg

Ora sul tavolo è di nuovo la questione siriana per la quale l’Europa si è spesa poco presa come era nella trappola di altra difficile crisi come quella ucraina. Gli Stati Uniti dal canto loro, da sempre orgogliosi detentori di una politica estera volta a democratizzare i paesi dittatoriali del mondo abbattendone uno per uno i tiranni di turno, sono preoccupati perché con la Siria la questione diventa più calda e pericolosa in quanto il rivale di sempre , ossia il presidente Putin ha deciso di dare man forte ad Assad frenando in tal modo, le mire espansionistiche della Turchia che con la caduta di Assad avrebbe esteso la sua influenza su un terreno ormai devastato e spopolato dalle fughe verso l’Europa.

cms_2718/foto_4.jpg

Chissà quale sarebbe il premio di Obama alla Turchia per aver messo a disposizione porto e aeroporti oltre gli aerei per bombardare gli agguerriti terroristi dell’ISIS!! Quei militanti feroci che guarda caso durante i primi attacchi in Siria entravano ed uscivano dalla turchia nonostante Erdogan avesse schierato l’esercito a difesa dei confini sono diventati finalmente nemici. Mentre l’ esercito, senza mai intervenire, guardava morire gli eroici curdi che combattevano coraggiosamente nel tentativo di bloccare le barbare esecuzioni dell’ISIS a Kobane ! Chiunque abbia un minimo di buon senso saprebbe riconoscere nell’intervento Turco la volontà di Erdogan di eliminare Assad magari con gli stessi metodi usati per Saddam e per Gheddafi ; creare un Governo fantoccio sotto il controllo della ‘democratica’ Turchia e, una volta esiliati i fedelissimi di Assad rendere la Siria un satellite degli Usa e della Nato.

cms_2718/Foto_5.jpg

Ora però bisognerà vedere se il piano che dovrebbe sconvolgere gli assetti politici esistenti e ricrearne altri secondo mappe geopolitiche nuove dove popoli, governi e territori verrebbero ridistribuiti e strutturati secondo gli interessi dei paesi occidentali attualmente più potenti, si realizzerà davvero nonostante la presenza dei russi sul suolo siriano . Noi europei dovremo necessariamente seguire le linee degli alleati visto che l’Europa è forte solo con i deboli ossia con i paesi membri che ella decide di sanzionare perché non ubbidiscono ai ‘comandamenti’ dell’Unione che nel caso specifico si chiamano: Merkel e Hollande.

cms_2718/foto6_.jpg

In tanto, la follia di questa pianificazione ha già causato la morte di 200 mila persone nella sola Siria, senza contare le altre centinaia di Migliaia già trucidate in Libia e prima ancora nel martoriato Iraq dove oggi, con la benedizione dell’ingenuo Obama , i ‘paladini islamici’ addestrati per liberare il Medio Oriente dai dittatori filoccidentali, tradendo gli accordi, hanno indossato la tunica nera della morte e come belve feroci, imperversano in lungo e in largo per instaurare anche nella cieca Europa il grande ‘Califfato ‘. Quel Califfato che nella storia islamica è stato attivo per secoli proprio in Turchia . Obama, ogni tanto dovrebbe imparare ad ingoiare qualche pillola amara come quella di smettere di stringere alleanze con i fondamentalisti islamici ! Solo senza il fondamentalismo l’Europa potrà correre verso una civiltà ancora più elevata e splendere in quelle albe mattutine che vedrebbero un nuovo sole sorgere su una nuova ’Europa: civile , solidale , pronta a tendere la mano verso chi vuole la pace e rispettare la sua libertà , la sua cultura, la sua spiritualità abbracciando in modo costruttivo e comparativo quel dialogo basato sul rispetto e sulla reciproca conoscenza .

cms_2718/Foto_7.jpg

Spezzare le ambizioni degli emirati che sognano il califfato in Europa grazie ai milioni di islamici in Europa segretamente finanziati per le eventuali azioni terroristiche a cui gli stessi miliziani vengono da piccoli indottrinati come il corano comanda , è la vera unica e vitale priorità. Cessiamo di combattere la Russia che è parte integrante della nostra Europa! Obama e tutti i presidenti che verranno dopo di lui, si adeguino e considerino la Russia non un nemico ma un alleato che mai tradirebbe la cultura, la civiltà e soprattutto il messaggio cristiano che un saggio maestro ha lasciato al mondo con il suo insegnamento fatto di parabole eterne e universali nelle quali si riflettono le nozioni della fisica moderna.

Data:

16 Settembre 2015