Traduci

LA SAGRA DI EMILIANO UNA STRATEGIA VINCENTE?

Chissà se la strategia adottata da Michele Emiliano per riuscire a strappare la vittoria agli avversari del centro destra risulterà davvero efficace. La sua idea di portare avanti una campagna elettorale partendo dal basso, ossia dai cittadini comuni che sono stanchi di accettare programmi e soluzioni imposte dall’alto sembra essere stata accolta favorevolmente da tutti i convenuti all’incontro che lo stesso Emiliano ha denominato :’ Sagra del Programma’ avvenuta in ogni città capoluogo della Puglia appena un mese fa. Già di per se, il termine Sagra si connota come evento rituale, meglio come consacrazione di qualcosa o di qualcuno e dunque il solo pronunciamento di questo termine ci catapulta in altri ambiti culturali che danno colore e serenità all’anima e alla mente .

cms_2199/la_Sagra_della_Primavera_di_Igor_Stravinsky.jpg

Associare la sagra di Emiliano alla famosa ‘Sagra della Primavera’ di Igor Stravinskij per es. è come danzare su un prato verde proprio come il balletto dell’ opera rievoca. Ma qui certo la danza in un grande spazio coperto l’ha fatta la politica, quella che si preoccupa di come far danzare i cittadini liberandoli dalla mala gestione , dalla malasanità, dalla mala giustizia, dalla mala economia, dalla mala istruzione….. insomma tutte quelle attività pubbliche che funzionano male e a cui un buon Governatore della regione Puglia dovrebbe porre rimedio. La battaglia in queste ultime settimane è sicuramente aspra. La condizione favorevole al centro sinistra è certo quella che ha visto la divisione tra il gruppo sostenitore di Fitto e il Grande Capo Berlusconi che non ha digerito la diatriba all’interno del suo partito . Questa divisione ,inutile dirlo, penalizzerà notevolmente Forza Italia alle elezioni regionali del 31 maggio.

cms_2199/Fitto_berlusconi.jpg

Che Fitto abbia fatto un favore alla sinistra è indubbio e quali che siano le motivazioni anche valide che lo stesso ha esposto in una lettera ultimatum a Berlusconi , la divisione rimane ed è anche cocente perché mentre la sinistra gira compatta intorno al candidato Emiliano che nella sua esperienza politica ha dei punti a favore, la destra si mobilita con gran ritardo intorno alla Poli Bortone con la quale lo stesso Fitto nelle precedenti elezioni ebbe un confronto non positivo tanto che la vittoria se la aggiudicò Nichi Vendola.

cms_2199/foto-Emiliano.jpg

Emiliano dunque, uomo, concreto, preparato, scaltro e tenace tanto da marciare dritto verso la sicura vittoria , ha giocato un ruolo predominante nell’avvicinare la gente di tutti i giorni con i suddetti circoli. Si è circondato di candidati efficienti con i quali lavorerà in simbiosi tenendo conto delle desiderate della gente che appunto nei circoli, ha suggerito delle priorità e delle linee guida da seguire per il miglioramento della qualità di vita dei cittadini pugliesi e il buon funzionamento delle città e relative provincie.

cms_2199/Salvini.jpgCosa succederà a Fitto e a coloro che lo hanno seguito è davvero un rebus e mentre la candidatura di un rampollo proveniente da una famiglia dedita alla politica come lo è quella dei Caroli potrebbe dare qualche margine di respiro a forza Italia, la campagna di Salvini segretario della lega Nord, nel Meridione è ancora un punto interrogativo. Quali risultati potrà produrre quest’ultimo nelle città pugliesi sarà davvero una sorpresa che terrà tutti con il fiato sospeso poiché dall’esito delle votazioni, infatti, dipenderanno altri scenari e future alleanze nazionali.

cms_2199/R_Mingolla.jpg

La coalizione di centro-sinistra,invece, gioca in casa con un candidato Presidente rigorosamente pugliese che tra i suoi collaboratori vede candidati di esperienza nel campo specifico e tecnico come per esempio la dottoressa Rosanna Mingolla che, avendo lavorato per più di 30 anni come funzionario alla Regione ed essendo una perfetta conoscitiva della ” macchina amministrativa regionale” ha acquisito innegabili competenze che favorirebbero la spedita risoluzione di problemi e criticità.

Data:

13 Maggio 2015