Traduci

LA STAGIONE DELLE OCCASIONI MANCATE – UN BARI SPRECONE SI FA RAGGIUNGERE NEL FINALE.

Sotto un sole cocente, al Polisportivo Provinciale di Trapani, il Bari non va al di là di un deludente pareggio (1-1). I galletti, infatti, conquistano un punto in classifica che, se da un lato ritorna utile per la zona play-out, probabilmente, riduce al lumicino, le già residue speranze, di rientrare nella lotta per la promozione nella massima serie. Un vero peccato, se pensiamo che, per l’ennesima volta, in questo mediocre campionato, il Bari ha avuto l’occasione di ridurre il gap con le prime, avvicinandosi ulteriormente alla zona play-off. Ma, se si continua a regalare i primi tempi agli avversari, allora diventa difficile poter raggiungere qualsiasi importante traguardo. Ancora una volta, infatti, la squadra biancorossa, nonostante la posta in gioco, è entrata in campo come “svuotata”, senza quella grinta, quella fame di vittorie come quella vista contro la Pro Vercelli e necessaria per fare il salto di qualità. Il risultato è un primo tempo noioso, senza tiri in porta da entrambe le parti (con una maggiore supremazia territoriale della squadra di casa), giocata, soprattutto, con la paura e con l’intento, di non subire gol. Nella ripresa, invece, il Bari, grazie anche ai cambi di Nicola, viene ridisegnata tatticamente finendo, addirittura, il match, con quattro punte in campo (Boateng, Ebagua, De Luca e Caputo). In particolare, è ricco di emozioni l’ultimo quarto di gara. Al 73’, infatti, Caputo, si fa parare un tiro ravvicinato dal bravo portiere Gomis e, nove minuti più tardi, è sempre l’estremo difensore trapanese a negare il gol del vantaggio a Contini, direttamente su calcio di punizione.

cms_2102/Caputo_2.jpg

Il Bari, tuttavia, passa in vantaggio, all’84’, con Caputo, abile nello sfruttare un errato disimpegno di Martinelli. La reazione del Trapani arriva, tre minuti dopo, con Barillà, su punizione. Questa volta è bravo Guarna a deviare in angolo. Poi, a trenta secondi dalla fine della partita, arriva la beffa con il gol di Scozzarella che anticipa tutti e insacca nella porta barese. Un pareggio che fa male per come è maturato e che brucia ancor più di uno 0-0, anche perché, ormai, si assaporava la vittoria e la classifica, fino al momento del pareggio, si stava facendo davvero interessante. Vincendo, si poteva dare un nuovo senso alla stagione e preparare la partita con il Bologna (si giocherà venerdi 24 aprile alle 21.00 al San Nicola) con tutt’altro spirito. Anche la dea bendata aveva teso una mano alla squadra di Nicola, concedendo un gol casuale ai biancorossi i quali, tuttavia, non hanno saputo approfittarne, perdendo l’ennesima possibilità di rientrare in gioco per traguardi più ambiziosi e più consoni per una città e una tifoseria, come quella barese, davvero unica.

cms_2102/Paparesta_3.jpg

Il Presidente del Bari, Gianluca Paparesta, intervistato a fine gara a 91° minuto, nonostante la delusione, ha affermato di credere, ancora, nella possibilità reale di raggiungere i play-off. I numeri certamente gli danno ragione ed è giusto non mollare fino alla fine, ma le giornate di campionato diminuiscono e, di conseguenza, si riducono sempre più le speranze di resurrezione della squadra biancorossa in un’annata che, probabilmente, sarà ricordata come la stagione delle occasioni mancate.

Autore:

Data:

18 Aprile 2015