Traduci

La svolta di Kim

La svolta di Kim

cms_8621/corea_nord_test_bomba_idrogeno_afp.jpgKim Jong-un apre, Seul applaude soddisfatta. E Donald Trump osserva, tra fiducia e prudenza. La Corea del Nord è pronta a discutere il congelamento dei test nucleari e missilistici se gli Stati Uniti acconsentiranno a colloqui diretti. La svolta arriva alla fine della visita di una delegazione sudcoreana di alto livello a Pyongyang, in una giornata caratterizzata anche da un altro risultato: Kim ha detto sì ad un incontro, a fine aprile, con il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

“Il Nord ha chiaramente affermato il suo impegno per la denuclearizzazione della Penisola coreana e ha detto che non avrebbe motivo di possedere armi nucleari se venisse garantita la sicurezza del suo regime e venissero rimosse le minacce militari contro la Corea del Nord”, ha riferito un portavoce sudcoreano, secondo quanto riportato dall’agenzia Yonhap.

In precedenza, dopo la cena con cui nella serata di ieri erano iniziati i colloqui, era stata l’agenzia nordcoreana Kcna a definire i primi contatti “soddisfacenti”. Il dialogo tra le Coree, riaperto prima delle Olimpiadi invernali di PyeongChang e coltivato poi durante i Giochi, prosegue.

Kim si è impegnato a non effettuare test mentre sono in corso i colloqui con il Sud e lo ha fatto a ridosso delle tradizionali manovre di primavera che la Corea del Sud e gli Stati Uniti eseguono in maniera congiunta. Non è la prima volta che la Corea del Nord mette sul tavolo l’ipotesi di uno stop al programma nucleare in correlazione ad un disimpegno militare degli Stati Uniti dalla penisola.

L’incontro in programma ad aprile tra Kim e Moon è destinato ad essere uno snodo fondamentale. Il summit, il terzo fra presidenti delle due Coree, si svolgerà nell’area smilitarizzata di Panmunjon, al confine fra le due Coree.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Seul, Chung Eui-yong, al rientro da Pyognyang ha illustrato i dettagli del programma e ha reso noto che verrà istituito un collegamento telefonico diretto fra i presidenti delle due Coree. “Il Sud e il Nord – ha spiegato – hanno concordato di aprire una ’hotline’ fra i due leader per permettere strette consultazioni e ridurre la tensione militare”. La prima conversazione telefonica fra i due leader avverrà prima del summit.

Dopo il confronto diretto, anche Trump avrà ulteriori elementi per una valutazione più approfondita. Oggi il presidente degli Stati Uniti ha aperto la sua giornata con un tweet di attesa (“Vedremo cosa succede”) e poi, sempre con un cinguettio, ha manifestato un mix di speranza e scetticismo.

“Possibili progressi vengono fatti nei colloqui con la Corea del Nord. Per la prima volta viene fatto un serio sforzo da tutte le parti interessate. Il mondo guarda e aspetta! Potrebbe essere una falsa speranza, ma gli Stati Uniti sono pronti ad andare con forza in entrambe le direzioni”, ha scritto Trump.

Dettaglio non trascurabile, anche in prospettiva: gli Stati Uniti non hanno un ambasciatore in Corea del Sud né un rappresentante speciale al Nord. Per completare il quadro, la nomina dell’assistente del Segretario di Stato per l’Asia Orientale deve ancora essere confermata dal Senato.

Trump, che alla Casa Bianca ha ricevuto il premier svedese Stefan Löfven, ha risposto così alle domande dei cronisti sui segnali che arrivano dalla Corea del Nord: “Speriamo di percorrere un bellissimo cammino di pace. Ma siamo pronti ad andare in ogni direzione”.

“Abbiamo fatto tanta strada, mi piacerebbe essere ottimista. Voglio vedere cosa succede. Altre amministrazioni avrebbero dovuto gestire questa situazione, bisognava agire tanti anni fa. Questo non è il periodo giusto, ma queste sono le carte che abbiamo”, ha detto Trump. “Siamo pronti ad andare in ogni direzione. Sarebbe ottimo per il mondo, per la Corea del Nord, per la penisola”, ha aggiunto.

Francia fissa età consenso: sotto i 15 anni è stupro

cms_8621/ragazza_ftg.jpgL’età del consenso per i rapporti sessuali in Francia sarà di 15 anni. Il governo approverà nelle prossime settimane il nuovo limite di età, all’interno di un pacchetto di nuove misure contro le molestie e le violenze sessuali. Il ministro delle Pari opportunità Marlène Schiappa ha accolto favorevolmente la decisione, che è stata raccomandata sia da medici che da esperti legali e caldeggiata dal presidente Emmanuel Macron.

Il nuovo limite di età comporterà che il sesso tra un adulto e una 15enne sarà considerato stupro. Attualmente, per l’accusa di stupro è necessario dimostrare che il sesso con una persona 15enne sia stato imposto con la forza.

LA LEGGE – In base all’attuale legislazione, se non vengono dimostrate la violenza o la coercizione, l’accusa prevede solamente l’abuso sessuale di un minore e non lo stupro, con una pena massima di cinque anni di reclusione e una multa di 75mila euro, rispetto alle pene molto più severe previste per lo stupro.

EUROPA – Lo scorso novembre, un 30enne era stato prosciolto dall’accusa di stupro dopo che il tribunale aveva stabilito che la vittima di 11 anni non era stata soggetta a “costrizione, minacce, violenza o sorpresa”. In Europa l’età del consenso varia da Paese a Paese: in Italia, Austria, Germania, Ungheria e Portogallo è fissata a 14 anni; in Grecia, Polonia e Svezia a 15; in Belgio, Regno Unito, Olanda, Spagna e Russia è 16 anni e a Cipro è 17 anni.

Aereo russo si schianta in Siria

cms_8621/Soldati_russi_Siria_Afp.jpgUn aereo da trasporto militare russo Antonov-26 si è schiantato in Siria mentre era in fase di atterraggio alla base russa di Hmeymim. A bordo c’erano 39 persone, tutti militari (33 passeggeri e sei membri dell’equipaggio). Nessuno di loro è sopravvissuto, ha precisato il ministero della difesa a Mosca, sottolineando che gli inquirenti seguono tutte le possibili piste ma ribadendo che l’aereo, che secondo fonti citate dall’agenzia Interfax arrivava da Aleppo, non è stato abbattuto e la prima spiegazione sullo schianto è un malfunzionamento tecnico.

Il presidente Vladimir Putin nella regione di Sverdlosk per una tappa della sua campagna elettorale è stato informato dell’incidente al telefono dal ministro della Difesa Sergei Shoigu, che gli ha comunicato le informazioni disponibili al momento, e ha espresso le sue condoglianze per i familiari delle vittime.

La nuova vita dell’ex spia Anna la rossa

cms_8621/anna_chapman_instagram.jpgSelfie, pose da modella e bikini mozzafiato. E poi vacanze da sogno e abiti di lusso. Una vita a cinque stelle quella dell’avvenente Anna Chapman, l’ex spia russa arrestata a New York nel giugno del 2010, e poi espulsa dagli Stati Uniti, dove usava la copertura di agente immobiliare nella Grande Mela. Allora il suo arresto fece grande scalpore, rievocando addirittura la vicenda di Mata Hari. E oggi, dopo l’intossicazione di un’altra ex spia di Mosca, Sergei Kripal, trovato domenica in stato di incoscienza su una panchina di uno shopping center Maltings di Salisbury, in Inghilterra, si torna a parlare di lei.

Kripal era stato arrestato in Russia nel 2004 con l’accusa di aver fornito all’MI6 le identità di agenti russi operativi in Europa e quindi condannato due anni dopo a 13 anni di carcere per alto tradimento. Insieme ad altri quattro, era stato scambiato nel 2010 con dieci informatori russi dormienti negli Stati Uniti, tra cui Anna Chapman, e quindi trasferito alla Gran Bretagna.

Diventata famosa dopo il suo rilascio, oggi ’Anna la rossa’ è considerata una vera star in patria. Qualche mese dopo il ritorno a casa, fece scalpore la sua apparizione sulla copertina dell’edizione russa di ’Maxim’ in versione bomba sexy e con indosso solo di lingerie e una pistola in mano. Archiviato il passato da spia, da qualche anno Anna ha cambiato stile di vita. Alla carriera di presentatrice tv e modella, alterna quella di stella di Instagram, dove vanta oltre 109mila follower. Sensualissimi i suoi post, dove appare spesso in costume da bagno o fasciata in abiti costosi.

Stando a quanto riporta il ’Sun’, si dice che abbia dato alla luce il primo figlio in una clinica privata di Mosca nell’aprile 2016 ma che non abbia mai rivelato l’identità del padre. Soprannominata ’l’agente segreto più affascinante della Russia’, qualche anno fa Anna finì sui giornali per un tweet indirizzato a Edward Snowden nel quale gli chiedeva di sposarla.

Autore:

Data:

7 Marzo 2018